6 cose su cui riflettere prima di adottare un cane

Avere un cane è una fortuna, almeno questo è quello che pensano i più. È innegabile che i cani sono compagni eccellenti e amici fedeli, però siete sicuri di essere pronti ad assumervi tutte le responsabilità che derivano dall’adottare un cane? Vi mostriamo alcune questioni su cui dovete riflettere prima di adottare un cane.

Non si può adottare un cane a cuor leggero. Gli obblighi a cui dovrete far fronte sono numerosi. Dovete sapere che la vostra routine cambierà, così come cambieranno molte cose della vita di tutti i giorni. La superficialità e la faciloneria delle persone sono le cause più frequenti dell’abbandono dei cani.

1. È un impegno per tutta la vita

L’aspettativa di vita dei cani di grossa taglia è di circa 10 anni, di quelli di taglia piccola, 15, in tutti questi anni il cane dipenderà totalmente da voi. Inoltre, con il passare degli anni (soprattutto se il cane ha sofferto qualche incidente o malattia severa) il cane avrà bisogno di più attenzioni. Poco a poco la sua vitalità andrà affievolendosi e siete voi a dovergli garantire la miglior qualità di vita.

Dovete pensare in prospettiva. Come farete a conciliare i vostri impegni con i bisogni del vostro animale da compagnia? Magari avete in previsione un trasloco o avete pensato di cambiare di città o andare a vivere all’estero… Dovete riflettere su tutte queste cose. Moltissimi cani vengono abbandonati o regalati proprio perché i padroni non hanno fatto i conti con il futuro e non hanno saputo prevedere che alcuni dei loro progetti erano incompatibili con l’avere un cane.

2. Perché volete vivere con un animale da compagnia?

cane-giocando-uomo

Sembra una domanda scontata, ma vi sorprenderà sapere che la maggior parte delle persone non si pone tale quesito prima di adottare un animale. Avere un animale da compagnia significa rispettarlo ed essere convinti di voler condividere parte della vostra vita con un altro essere vivente. Non potete adottare un cane per far contenti i bambini o per moda.

3. Quanto tempo gli potete dedicare ogni giorno?

Molte persone vogliono un animale da compagnia, e su questo non c’è nulla da eccepire. Tuttavia, spesso non si considera il fatto che bisogna dedicare molto tempo al cane, sia per fargli fare esercizio, sia per dargli una vita sana e serena. Il cane richiede costanti attenzioni. È come per i bambini: se siete troppo stanchi per educarli o per giocare con loro, è molto probabile che comincino ad avere atteggiamenti ribelli per attirare la vostra attenzione.

4. Come va la vostra economia?

Non è vero che avere un cane vi farà spendere delle cifre astronomiche. Ciò non significa che non incida sulla vostra economia. È vero, ci sono molti modi per ridurre le spese che genera un animale, per esempio potete lavarlo voi invece di spendere i soldi in un salone di toelettatura per cani, o preparargli del cibo fatto in casa (che non significa dargli i vostri avanzi). Tuttavia, ci sono delle spese inevitabili, come per esempio quelle veterinarie, o per acquistare prodotti per l’igiene, antiparassitari, ecc.

5. La convivenza non è tutta rose e fiori

cane-scarpa

Tutti sanno che il cane dev’essere educato. Tuttavia, anche il cane più educato vi darà dei grattacapi. Non solo per i comportamenti sbagliati. I cani possono essere vittime di incidenti, soprattutto se passano molto tempo da soli, e possiamo dire che le emergenze veterinarie sono quasi all’ordine del giorno.

6. I cani sono ben accetti nel vostro condominio?

È un tema spinoso che contrappone i padroni di cani e i condomini. Anche se l’articolo 1138 del codice civile recita “Le norme del regolamento condominiale non possono vietare di possedere o detenere animali da compagnia” i padroni degli animali sono comunque chiamati ad evitare i rumori molesti, i danneggiamenti, o le condotte del vostro cane che deturpano o imbrattano. È meglio informarsi previamente sul regolamento del vostro condominio riguardo alla possessione degli animali da compagnia (per evitare discussioni con l’amministratore o con i vicini). Non è una cosa da prendere alla leggera, vi stupirebbe sapere che moltissimi animali vengono abbandonati perché i padroni ignorano le norme basiche di convivenza.