I bambini che crescono con gli animali: benefici

Alcune persone pensano che far crescere i bambini insieme agli animali non sia postivo. Per loro sembrano essere un rischio o una fonte superflua di batteri. Niente di più lontano dalla realtà. Far crescere un bambino con un animale domestico farà sì che i vostri figli sviluppino valori quali l’umiltà, l’empatia e il rispetto.

Vi spieghiamo i motivi.

1. Quello sguardo attento che si prende cura di me e di cui mi prendo cura

Lo sguardo dei bambini piccoli è bramoso di stimoli. Di cose da vedere, toccare e con cui interagire. Se fin da quando sono molto piccoli, insieme a loro vive un animale domestico, potranno ottenere i seguenti benefici:

Essere sottoposti a una stimolazione continua, diversa da quella offerta dal padre o dalla madre. Avere qualcuno che è sempre in movimento intorno a loro, un amico da accarezzare o con cui giocare. Piccole creature che li accudiscono sempre.

Gli animali non sono indifferenti alla presenza del membro più piccolo della famiglia, più debole e delicato. Sono molti i cani che si comportano come fedeli protettori. Infatti, pochi giorni fa, abbiamo appreso una notizia sorprendente: in Russia, un gatto ha protetto un bambino dal freddo, salvandogli la vita. È solo un esempio di tutto quello che possono fare per noi e, soprattutto, per i più piccoli. Cosa significa questo? Che gli animali sanno che quell’essere indifeso ha bisogno di aiuto, sanno che deve essere trattato in modo diverso.

Cani, gatti, uccelli, conigli… i bambini li considerano come “membri” importanti all’interno del contesto familiare. Qualcuno da osservare, accudire e rispettare.

2. Il mio amico mi insegna ad essere responsabile
bambini1-500x375

Ci sono genitori che adottano un animale domestico a patto che il bambino se ne assuma la responsabilità. Poi però sono loro a prendersi cura degli animali. Beh, questo non dovrebbe succedere, vi spieghiamo il perché.

Avere un animale in casa è una responsabilità di tutti, non esclusivamente dei figli, né solo dei genitori. I bambini devono imparare da subito che l’animale è un membro in più della famiglia, e, come tale, ha bisogno e merita la stessa attenzione da parte di tutti.

Condividere la responsabilità di questi animali è un modo di equilibrarle tra tutti. Il cane o il gatto saranno i primi esseri viventi di cui si occuperà il bambino, li vedranno crescere, ammalarsi e scoprirà che come noi hanno freddo, fame e che bisogna essere responsabili per prendersene cura. 

Una responsabilità precoce è un modo per maturare. Ma ricordate, è qualcosa che bisogna dividere tra tutti, quindi insegnate ai vostri figli come devono dargli da mangiare, quando portarlo a fare una passeggiata, come pulire la lettiera in cui il gatto fa i suoi bisogni o come assumersi la responsabilità dell’acquario.

3. Sviluppo emotivo ottimale

bambini-3-500x335

Gli animali sono grandi maghi delle emozioni. Chi lo metterebbe in dubbio? Sono amici fedeli in grado di regalarci un sorriso nel momento in cui ne abbiamo più bisogno, coloro che si siedono accanto a noi quando ci sentiamo soli. Animali domestici, cani, gatti … sono quei pezzi essenziali che ci regalano amore gratuitamente. Senza aspettarsi nulla in cambio.

Se i bambini crescono insieme a loro, svilupperanno più facilmente le proprie abilità emotive. Avranno una maggiore empatia nel riconoscere se il proprio cane è tranquillo, allegro o irrequieto. Sapranno quanto è importante rispettare gli altri e scopriranno l’importanza di accudire, rispettare, accarezzare, accompagnare… sono amici stupendi, in qualunque fase della loro vita.

Non dimenticate che quando si tratta di far crescere un bambino con un animale domestico, è essenziale integrare da subito l’animale con il bambino. Se lo allontanate perché pensate possa fargli del male in qualche modo, sia l’animale che il bambino vedranno l’altro con diffidenza. Fate in modo che si relazionino armoniosamente. Scoprirete com’è bella questa esperienza.