I benefici di portare i vostri animali domestici dallo psicologo

Se fino a qualche anno fa ci avessero detto che potevamo portare il nostro cane dallo psicologo, probabilmente non ci avremmo creduto. Però, la cosa certa è che oggigiorno, grazie alle ricerche e agli studi sul mondo emozionale degli animali, sono molti i padroni che vanno dallo psicologo con i propri amici pelosi. Dobbiamo considerare che i nostri amici canini non solo hanno bisogno di cibo, acqua e di una casa, ma anche di amore, compagnia e di avere rapporti con i loro simili per essere felici e raggiungere l’equilibrio interiore.

Non i tutti i casi si deve andare dallo psicologo

È ovvio che non tutti i cani hanno bisogno di essere portati da un esperto in comportamento canino però, in qualche occasione, e in casi specifici, può nascere la necessità di andare da uno psicologo per cani.

I cani sono animali sociali, e mostrano la loro sofferenza e la loro situazione mentale in molti modi diversi. Per questo, a causa di circostanze ostili e traumatiche, possono sorgere dei problemi nel comportamento, che i proprietari non sanno come risolvere.

Se l’animale ha passato molto tempo da solo, senza contatti con i propri simili e con la propria famiglia umana, possono nascere dei problemi di comportamento. Questa circostanza ha influito sul fatto che gli esperti in comportamento canino abbiano più pazienti rispetto ad alcuni anni fa.

Carenze emozionali del cane

I cani condividono tutte le loro giornate con le persone, in modo molto stretto, soprattutto nelle città. Si tratta di animali che hanno un temperamento, un carattere, un’intelligenza e dei bisogni che non sempre sono fisici, ma anche emozionali e psicologici.

Come capita agli esseri umani, se il cane ha un problema psicologico che fa scaturire delle anomalie comportamentali, potrebbe volerci un’attenzione specifica, e sono gli etologi e gli psicologi canini i professionisti adatti per affrontare questi problemi.

Come capire se il cane ha bisogno di uno psicologo canino

Non è un sintomo di cattiva educazione del cane il motivo per il quale, davanti a determinate circostanze, reagisce in maniera inadeguata e inusuale. Spesso i padroni non sanno qual è il modo di affrontare il problema.

In questi casi è consigliabile richiedere l’aiuto di un professionista: si può cominciare consultando un veterinario affinché ci dia dei consigli. Non si può non dare importanza a tali situazioni.

Se avrà dei problemi psicologici, l’animale mostrerà dei notevoli cambiamenti nel comportamento, come: inappetenza, comportamenti distruttivi o movimenti ripetitivi. Di fronte a questi sintomi, si dovrà consultare, quanto prima, un professionista.

La depressione canina

Una delle patologie che più si affrontano durante le sedute dagli psicologi canini è la depressione. Tra i suoi sintomi, ci sono gli stessi che può avere una persona depressa: decadimento, inappetenza o mancanza di interesse per il mondo che lo circonda. La prevenzione è l’arma migliore per tenere sotto controllo la depressione, per questo si raccomanda di garantire una buona qualità di vita al proprio animale.

Soprattutto per i cani che vivono in città, che devono attenersi a delle condizioni che non si adattano alla loro natura. Se analizziamo l’aspetto genetico, i nostri amici a quattro zampe non sono preparati a vivere in un appartamento, ad essere addestrati e ad attenersi ad una routine giornaliera.

Per attenuare questa mancanza di adattamento, bisogna fare in modo che il cane sviluppi la sua tendenza naturale come specie canina; scorrazzare per i campi, relazionarsi con i suoi simili e con i suoi padroni, e fare lunghe passeggiate; sono opportunità e valvole di sfogo che porteranno all’animale equilibrio e felicità.

Altri paesi

In determinati paesi europei, dove il livello di consapevolezza con gli animali è molto maggiore, la disciplina dello studio del comportamento è più sviluppata e i padroni ricorrono abitualmente ad una visita dallo psicologo quando è necessario.

Anche in questi paesi si sta sviluppando l’uso degli animali da compagnia per effettuare delle terapie con bambini che hanno problemi psicologici, con anziani che soffrono di alzheimer o con altri tipi di pazienti affetti da malattie diverse.

Alcuni consigli importanti

In alcuni casi è sufficiente cambiare i comportamenti inadeguati che i padroni possono avere nei confronti del cane per risolvere la situazione. Per esempio, è possibile che in casa non sia ben marcata la gerarchia e i proprietari non svolgano il loro ruolo di capobranco. Questo atteggiamento incorretto può provocare molti problemi di condotta, soprattutto se il cane è molto dominante.

Può anche servire l’opinione di persone di fiducia che abbiano già portato il loro cane da uno specialista in comportamento canino.