Cagnolina si riprende da un grave caso di scabbia e commuove il Web

Di tutte le malattie della pelle che possono colpire un cane, la scabbia – in particolar modo nella sua forma più acuta – è una delle più delicate, poiché se non è trattata correttamente, può portare a complicazioni che possono mettere a repentaglio la salute del cane.

Se è facile trovare esemplari di cani che muoiono non appena la situazione si aggrava, ne esistono altri che riescono a sopravvivere anche nei casi più estremi.

La cagnolina di pietra

petra-con-scabbia

Fonte della foto: larepublica.pe

Questo è quanto successo a Petra, una cagnolina meticcia che viveva per le strade di Atene e che è stata così denominata a causa di un grave caso di scabbia allo stato avanzato di cui era vittima; la malattia aveva donato alla sua pelle un aspetto e una consistenza simili alla pietra.

Per l’orrore di molti, la pelle della povera cagnolina si trovava in condizioni talmente impressionanti che era impossibile credere che potesse tornare alla normalità. Quando un caso di scabbia si complica, infatti, raramente il cane riesce a recuperare l’aspetto di un tempo.

Ciò nonostante, la vita ha offerto una nuova opportunità a Petra quando, nel 2015, una donna l’ha trovata e, dopo averle fatto una foto, l’ha pubblicata su Facebook, allo scopo di trovare gli aiuti necessari per curarla.  

Scabbia avanzata e panico

Poco tempo dopo la pubblicazione della foto, l’organizzazione contro il fenomeno dei cani randagi Save a Greek Stray, è venuta a conoscenza del caso e si è attivata per trovare Petra e ospitarla nel proprio rifugio per cani, così da poterle offrire il giusto trattamento – non soltanto per salvarle la vita, ma anche per rinnovare lo stato di salute della sua pelle.

Colei che si è maggiormente commossa di fronte a questa storia è stata Valia Orfaniduo, membro dell’equipe del rifugio e specializzata nel recupero e nella riabilitazione di cani affetti da svariati tipi di malattie.

Stando a quanto affermato dalla giovane, il motivo per cui si è lasciata trasportare tanto dal caso di Petra è dovuto all’aver notato una vera sofferenza nell’animale – non soltanto legata alle lesioni e alle numerose croste che ricoprivano il suo corpo, bensì per la mancanza di contatto umano a conseguenza della sua malattia.

Uno dei principali problemi che affliggevano la cagnolina, infatti, non era soltanto la malattia in sé, bensì la paura che suscitava nei passanti, venendo continuamente rifiutata e maltrattata a causa del suo aspetto.

Addio paura

Far sì che Petra riuscisse ad entrare in contatto senza problemi con altri esseri viventi, si è dimostrato ancor più difficile della cura dalla malattia in sé. Come dichiara Orfaniduo, la cagnolina non si lasciava toccare da nessuno e si nascondeva ogni volta che aprivano la sua gabbia, rendendo questo un caso più complicato del previsto.

Tuttavia, a poco a poco la piccola meticcia ha cominciato a prendere confidenza con chi gli stava intorno, fino a che non ha cominciato a scodinzolare ogni volta che vedeva qualcuno, il massimo segnale che tutto stava andando per il verso giusto.

Quando Petra ha finalmente messo da parte tutte le sue paure, è stato dato il via ad un processo di recupero nel quale in pochi credevano, giacché oltre al grave caso di scabbia, Petra era affetta da un forte stato di denutrizione che la privava delle forze necessarie.

Nonostante tutto questo, i membri di Save a Greek Stray hanno avuto fede in lei e l’hanno aiutata a tornare ad essere una cagnolina normale per quanto riguarda la salute, l’atteggiamento e l’aspetto esteriore.

Sorpresa sulle reti sociali

petra-cane-con-scabbia

Fonte della foto: larepublica.pe

Poco più di dieci mesi dopo il riuscito trattamento a cui è stata sottoposta Petra, Orfaniduo ha pubblicato su Facebook una foto in cui la cagnolina appariva come nuova, mostrandosi sana, molto felice e senza una sola crosta sulla pelle.

L’immagine ha fatto il giro del mondo e in molti sono convinti che la trasformazione della cagnolina sia stata un vero miracolo, vista l’enorme differenza tra il prima e il dopo.

Non c’è dubbio sul fatto che si tratti di una storia commovente che dimostra che, a prescindere da quali difficoltà ci si trovi ad affrontare, si può sempre trovare un modo per poterle superare.

Fonte delle immagini: larepublica.pe