Cane da pastore basco, una razza poco conosciuta

Il cane da pastore basco, proprio come indica il nome, è originario dei Paesi Baschi. Per anni e anni questo cane è stato incrociato con altre razze, perdendo così il pedigree. Tanto che la razza del Cane da pastore basco non è stata ancora riconosciuta dalla Federation Cynologique Internationale (F.C.I.). Tuttavia, nel 1995 è stata riconosciuta come razza dalla Real Sociedad Canina de España (un ente nazionale di cinofilia che ha il compito di fissare gli standard delle razze canine della Spagna).

Le sue origini e l’esistenza

zuffa-cani

Le origini di questa razza sono antichissime. Sono stati rinvenuti resti scheletrici di cani morfologicamente simili al Cane da pastore basco risalenti al neolitico. In epoche più recenti, questo cane è stato raffigurato nei dipinti e nei quadri dell’epoca medievale. Oggigiorno è un cane molto apprezzato per le sue capacità di cane da pastore e per essere un ottimo animale da compagnia.

In passato il Cane da pastore basco ha rischiato di scomparire. Una delle cause della quasi-estinzione sono stati gli attacchi dei lupi alle greggi. I pastori, pensando che gli attacchi fossero opera dei Cani da pastore basco, decisero di sostituirli con i mastini. Questo accadde soprattutto nelle province di Guipúzcoa e Navarra. Tuttavia, nelle province di Álava e di Biscaglia, si è continuato a fare affidamento su questo cane, per proteggere gli animali da allevamento o per difendere i casali. Ciò permise la sopravvivenza, esorcizzando il pericolo di estinzione della razza. Ma non solo, anche i concorsi di sheepdog hanno contribuito alla conservazione della razza.

Poco a poco il cane da pastore basco ha cominciato ad essere conosciuto, ammirato e apprezzato e, finalmente, dopo molti esami etnologici, genetici, biochimici, ecc., nel 1991 è stato riconosciuto come EAT (Euskal Artzain Txakurra). Battezzare questa razza con un nome basco è indubbiamente un motivo di orgoglio per tutti gli abitanti dei Paesi Baschi. 

Tuttavia, al giorno d’oggi esistono solo 696 esemplari riconosciuti. Se ne avete uno, ritenetevi fortunati! Non tanto perché è un cane raro, ma perché è dotato di una bellezza e di un carattere straordinari.

Caratteristiche

Esistono due tipi di Cane da pastore basco:

  • Goirbeikoa. Il manto è di color rossiccio e il pelo è leggermente ondulato. La coda è lunga e folta. È un cane di media grandezza, che può arrivare a pesare venti chili.
  • Iletsua. Il pelo è più chiaro. Può essere di color cannella o biondo. Il pelo è più liscio rispetto al tipo precedente. La coda è corta. In entrambi i casi le dimensioni sono simili.

cane-soffre-alzheimer

Il Cane da pastore basco è un cane atletico, energico e agile. Se state pensando di adottarne uno, dovete essere coscienti che dovrete portarlo fuori, farlo correre e giocare. Il Cane da pastore basco si abitua senza difficoltà sia alla vita in appartamento che all’aperto. È un cane intelligente, socievole e, se volete usarlo come cane da guardia o da pastore, vi renderete conto che è anche un gran lavoratore.

È un cane socievole, perfetto per stare con i bambini. Non richiede attenzioni o cure particolari, giacché è un cane forte e robusto. Dovrete solo curare la sua igiene e il suo splendido manto.

Dovrete spazzolarlo tutti i giorni, per sciogliere i nodi e per rendere il pelo lucente.

Come vedete, non si finisce mai di imparare sui cani e sulle razze. Oggi abbiamo conosciuto il Cane da pastore basco: un animale fedele, lavoratore, socievole e intelligente, che vi proteggerà tutti i giorni della sua vita.

Se amate gli animali e volete adottare un cane, scegliete il Cane da pastore basco. Darete il vostro contributo alla conservazione della razza.