I cani potrebbero essere una soluzione contro il cancro

Se già siete innamorati del vostro amico a quattro zampe, questa notizia vi lascerà senza fiato. Il loro amore va ben oltre a quanto immaginiamo: i cani potrebbero avere un ruolo chiave nella lotta contro il cancro. Come? Continuate a leggere, vi raccontiamo in che modo i cani stanno collaborando nella cura di questa terribile malattia e quali risultati sono stati ottenuti finora.

Com’è cominciata la ricerca?

I cani, in quanto animali domestici, ricevono attenzioni mediche costanti; in questo modo si è potuto comprovare che possono ammalarsi di cancro proprio come gli esseri umani.

I cani malati di cancro vengono sottoposti a diverse terapie; in alcuni casi, sotto consenso dei padroni, sono stati impiegati in trattamenti sperimentali destinati agli esseri umani.

Questi hanno dato spesso buoni risultati, tanto da valutare la possibilità di somministrarli alle persone.

Quali sono stati i risultati ottenuti nella lotta contro il cancro?

cane-e-padrone

Da vari anni si utilizzano terapie incrociate, come vengono chiamate dai ricercatori. Di cosa si tratta? Non sono nient’altro che trattamenti che, funzionando bene su una delle due specie, esseri umani o cani, vengono applicate sull’altra. Il risultato è un’alta percentuale di guarigione.

Per questo motivo, i ricercatori hanno cominciato a duplicare le terapie oncologiche destinate agli esseri umani; avanzando in modo bilaterale, sono stati compiuti grandi progressi nella cura del cancro per entrambe le specie, persone e cani. Incredibile! La cura del cancro potrebbe essere più vicina che mai grazie a questo approccio.

È una bella notizia che getta un raggio di speranza su una malattia in alcuni casi ritenuta incurabile.

Altri aiuti provenienti dai cani

I cani non smettono mai di stupirci. Questa che vi abbiamo raccontato è una delle ultime novità, ma sono molti i modi in cui riescono a migliorare la qualità della nostra vita.

cane-guida

  • Cani guida. Sono i più conosciuti e da molti anni prestano il loro aiuto alle persone non vedenti. È diventato meno insolito vederli per strada e forse abbiamo cominciato a dare per scontato il loro lavoro. In realtà questi cani hanno un compito impegnativo e delicato. Stanno insieme al padrone 24 ore al giorno, sempre docili. Vengono ammaestrati a premere il pulsante per l’assistenza medica in caso di malore. Sono capaci di portare gli oggetti al padrone e di fare moltissime altre cose.
  • Cani terapeutici. Vengono impiegati nelle terapie rivolte a persone con speciali necessità. Sono educati per capire le emozioni dei pazienti e far fronte ai loro bisogni emotivi.
  • Cani da assistenza. Destinati ai bambini malati di cancro, autistici, ansiosi o altro; i cani da assistenza sono in grado di strappare un sorriso alla persona più triste e di calmare l’ansia.
  • Cani poliziotto. Non avranno a che vedere con le malattie, ma quante vite salvano questi animali! Ricevono un duro allenamento e il loro obiettivo è aiutare le persone. Non potevamo non includerli nella lista.

Sembra che i cani siano pronti a fare più cose buone per noi di quante noi esseri umani siamo disposti a fare per loro.

Con o senza allenamento a questi compiti, un cane è la cosa migliore che possa entrare nella nostra vita. Se ancora non avete un cane, passate presso un rifugio e adottatene uno. Non ve ne pentirete.