Il cimurro nei cani: sintomi, trattamento e prevenzione

cane-con-cimurro

Il cimurro nei cani è causato da un pericoloso virus. Colpisce molti altri animali e, a livello teorico, negli esseri umani è paragonabile al morbillo. Vittime preferite della malattia sono i cuccioli, ma anche i cani anziani, in cui questa malattia può provocare maggiori complicazioni.

E’ un virus ampiamente diffuso in tutto il mondo, ma esiste un vaccino molto efficace per prevenirlo. Tra le principali forme di contagio troviamo il contatto con fluidi di animali malati, inclusi acqua e cibo. I batteri sono volatili e possono attaccare altri esemplari semplicemente attraverso l’aria.

Una volta attaccato l’organismo di un cane, servono dai 14 ai 18 giorni per l’incubazione della malattia. Un tempo a partire dal quale è possibile riconoscere i primi sintomi.

Sintomi del cimurro

cucciolo-che-gemisce

La cosa fondamentale è osservare sempre, con attenzione, il comportamento del vostro cane. In caso di cimurro, appariranno sintomi molto evidenti. Con il progredire della malattia, diverse parti dell’organismo verranno interessate a livello respiratorio, intestinale, cutaneo e neurologico.

Tra i segnali che possono indicare la presenza di questa infezione virale, troviamo:

  • Apatia e indebolimento del cane, mancanza di appetito.
  • Febbre, che appare dopo una settimana dal contagio. Può essere a sprazzi, incostante, a seconda dell’intensità del cimurro.
  • Problemi di respirazione importanti, presenza di tosse, difficoltà nel respirare e fuoriuscita di muco di colore verde.
  • Segnali di alterazioni intestinali, come nel caso di diarrea gialla costante e vomito.
  • Problemi agli occhi, secrezioni oculari e congiuntivite.
  • Eruzioni cutanee e indurimento dei cuscinetti delle zampe.

Trattamento

Il cimurro è una malattia che non prevede un trattamento specifico. Ciò che gli esperti consigliano è la somministrazione di medicine per bloccare i sintomi che si presentano. In secondo luogo, dare modo al cane di sviluppare le proprie difese naturali. Tra i farmaci indicati troviamo antibiotici, per combattere le infezioni, supplementi come vitamine e anche antidolorifici.

E’ molto importante recarsi dal veterinario in tempo, specie se il cane non è stato vaccinato contro il cimurro. Non appena rilevate uno dei sintomi sopra elencati, conviene agire con prontezza. E’ possibile che il vostro amico a quattro zampe sia stato contagiato da un altro animale infetto.

Come prevenire il cimurro

Come succede per altre malattie, il miglior strumento è sempre la prevenzione. Nel caso del cimurro, è possibile evitarlo con un’adeguata vaccinazione. Ogni cane dovrebbe essere vaccinato tra i 6 e gli 8 mesi di vita, ricevendo poi un rinforzo una volta all’anno.

Se avete sentore che la vostra cagnolina rimarrà presto incinta, ebbene conviene vaccinarla prima della gravidanza. In tal modo, eviterete il rischio di trasmissione degli anticorpi del vaccino ai cuccioli attraverso il latte materno.

Evidentemente, bisognerà evitare che l’animale abbia contatti con l’ambiente esterno od altri animali, prima di essere vaccinato. Il rischio di rimanere contagiato è sempre alto, ma diventa maggiore in caso di assenza totale di trattamenti preventivi. E’ in ballo è la sua stessa vita.

Consigli utili contro il cimurro

cucciolo-mani-padrone

  • Adottate o scegliete il vostro nuovo amico da centri o canili verificati e seri. E’ importante che vi venga dato il libretto con le vaccinazioni con almeno una o due identificate con etichette del laboratorio.
  • Il cucciolo dovrà avere più di due mesi di età e la dentatura completa al momento dell’adozione.
  • Se in passato avete avuto casi di cimurro in casa, con altri cani, dovrete occuparvi di disinfettare tutto. Ciotole, cuccia, giochi, in modo da evitare pericoli per il nuovo membro della famiglia.
  • Se volete dei cuccioli, controllare i vaccini del partner del vostro cane prima di tutto.
  • Vaccinate i cuccioli da 6 a 12 mesi con tre dosi iniettate ognuna a distanza di 15 o 21 giorni.
  • Se il nostro cucciolo presenta uno o più sintomi del cimurro, va portato immediatamente dal veterinario. Intervenire rapidamente permetterà di evitare guai peggiori, oltre ad un recupero senza complicazioni.
  • Se il cane non migliora dopo alcuni giorni di trattamento, bisognerà farlo ricoverare in un ospedale canino, dove verrà curato in modo più completo fino alla guarigione.