Come salvaguardarsi dalla terribile obesità canina?

Sono sempre più numerosi i cani obesi. Questo disturbo alimentare, riconoscibile da un eccesso di grasso corporeo, colpisce in special modo gli animali che non fanno esercizio sufficiente o che tendono a ingrassare. L’obesità può avere gravi effetti sulla salute, uno fra tutti la riduzione dell’aspettativa di vita attiva.

L’obesità colpisce varie parti del corpo: le ossa, le articolazioni e gli organi, tutte si vedono alterate da un eccesso di grasso. Possono essere vittime di questa malattia i cani di tutte le età, anche se generalmente è più probabile che colpisca gli individui di mezza età.

 

Perché il vostro cane è obeso?

cane-prato

Ci sono molti segnali che indicano se un animale è obeso.  Il primo, e anche il più scontato, è l’aumento del peso e l’eccesso di grasso corporeo. Un altro sintomo è l’incapacità, o meglio, la abulia del cane che sembra quasi che non voglia alzarsi o uscire a fare una passeggiata. Questo comportamento si riflette anche nel rifiuto da parte del cane, di giocare o di rispondere alle vostre chiamate quando è ora di uscire.

Sono varie le cause che danno origine all’obesità. La più comune è una sproporzione tra quanto ingerito e quanto bruciato, o detto in un altro modo, il vostro cane mangia di più rispetto al dispendio di energia.

L’obesità è anche un fenomeno che appare con l’avanzare dell’età del cane, in concomitanza con la diminuzione di esercizio. È per questa ragione che i cani adulti, devono essere spronati a fare quegli esercizi adatti alla propria età e che non richiedono abilità particolari.

Magari una breve e lenta passeggiata può essere una delle attività da fare con il vostro cane.

Anche le abitudini alimentari possono condurre all’obesità, soprattutto se si ingeriscono alimenti molto calorici. Dovete quindi controllare l’apporto calorico del cibo del vostro cane.

Un animale castrato, tende ad ingrassare ma ci sono anche delle vere e proprie patologie che possono giustificare l’aumento di peso, l’obesità, come: l’ipotiroidismo, l’insulinoma, l’iperandrogenismo. Per questa ragione i controlli di routine dal veterinario sono fondamentali, è l’unico modo per individuare per tempo l’eventuale insorgere di queste malattie. 

Come salvaguardarsi dalla terribile obesità canina?

cane-giocando1

L’obesità può essere diagnosticata mediante frequenti misurazioni del peso corporeo del cane. Il veterinario può valutare la proporzione di grasso toccando le costole, la zona lombare, la coda e la testa. I risultati verranno poi confrontati con i valori standard della razza. Per esempio un collie in età adulta non può pesare più di 10 chili.

Per curare l’obesità, bisogna perdere peso e mantenere il peso forma per tanto tempo. Per riuscirci, bisogna ridurre gli alimenti calorici e aumentare l’esercizio.

È molto probabile che una volta che il veterinario ha diagnosticato la malattia, elabori una dieta da seguire a lungo. Di solito sono diete ricche in proteine e fibre e che contengono pochi grassi.

Il padrone deve controllare come si alimenta il cane. I cani in sovrappeso non possono alimentarsi da soli. I padroni ne sono responsabili, si consiglia per esempio di stabilire degli orari per i pasti e non si devono superare le due razioni giornaliere.

È fondamentale che vi togliate il vizio di dare gli avanzi al vostro cane. Dovete seguire scrupolosamente la dieta disegnata dal veterinario e non dare al cane nessun alimento che non rientri nella lista.

Per garantire il successo della cura, il vostro cane dovrà fare più esercizio.  Di solito i cani vengono portati fuori due volte al giorno e non fanno più di 15 minuti di passeggiata ogni volta. In occasione di queste uscite, potreste far fare al cane qualche tipo di gioco.

Se non potete portare fuori il cane, potete rivolgervi a un dog sitter. Ricordate che è importate giocare anche stando in casa. Gli potete tirare una pallina e ordinargli di riportarvela. Ogni attività extra è positiva.