Consigli per mantenere la casa pulita avendo un cane

Passiamo molte ore a fare le pulizie di casa. Eppure, chi ha un cane probabilmente ha avuto la spiacevole esperienza di dover ascoltare le lamentele di qualche ospite infastidito per il fatto che la casa o la cucina hanno uno sgradevole odore di cane, nonostante abbiate fatto di tutto per pulire e per nascondere gli odori.

Inoltre, è un dato di fatto che molte persone si rifiutano di adottare un cane, pur avendone le possibilità, perché sono convinte che i cani sporcano molto e che richiedono un gran lavoro riguardo alla pulizia della casa. Dovete sapere che basta semplicemente un po’ di organizzazione per riuscire a tenere pulita la propria casa pur avendo un cane.

Affinché la convivenza con il vostro cane non risenta del problema della pulizia, potete seguire alcuni suggerimenti di base:

  •  Potete cominciare con lo scegliere i tessuti adeguati che si prestano a una pulizia semplice e rapida, ad iniziare da tappeti, moquette ecc. Meglio scegliere tessuti che presentino una trama compatta e molto fitta. Nel limite del possibile, è preferibile evitare tessuti a maglia lenta, ché assorbono più facilmente gli odori.
  •  Per sbarazzarsi delle temibili pulci, la cosa migliore sarà scegliere un prodotto inodore, atossico e che non macchi i tessuti. In tal senso quelli a base d’acido borico costituiranno la scelta migliore.
  • I pavimenti della cucina, ma anche della casa in generale, dovranno essere facili da pulire, resistenti alle intense e frequenti pulizie che si renderanno necessarie e, non per ultimo, resistenti agli spiacevoli graffi che potrebbero essere provocati dalle unghie del vostro amico a quattro zampe.

Organizzazione e… coraggio, a pulire!

pulire la casa con il cane

  •  La pigrizia è spesso il nostro peggior nemico. Bisogna essere energici per pulire efficacemente la cucina e le altre zone della casa accessibili al cane, tra l’altro perché l’operazione risulterà molto più semplice se non ha ancora lasciato macchie ed odori permanenti.
  •  A volte diventa indispensabile l’uso dell’ammoniaca, uno dei prodotti per la pulizia più diffusi. Senza dubbio il suo odore è piuttosto sgradevole, ragione per cui il suo impiego risulta essere poco raccomandabile. La cosa migliore sarà ricorrere a prodotti specificamente creati per neutralizzare i cattivi odori e disponibili in negozi specializzati.

Luoghi che richiedono una pulizia accurata

  • I luoghi che richiederanno una più attenta pulizia saranno quelli dove l’animale è solito dormire, dove mangia e lo spazio in cui più spesso gioca. Queste zone dovranno essere pulite in modo approfondito almeno due volte alla settimana. La procedura più indicata inizierà con l’applicazione del prodotto, seguita da qualche minuto d’attesa in cui lo si lascierà agire, quindi continuerà con la fase della pulizia in profondità e terminerà con il risciacquo.

Una questione particolarmente spinosa in termini di pulizia sarà quella della muta stagionale del pelo, un fenomeno che si verificherà ad intervalli regolari nel tempo, causandovi  un certo disagio, soprattutto se il vostro amico del cuore è particolarmente peloso. I periodi in cui suole manifestarsi questo fenomeno sono le stagioni intermedie, autunno e primavera. La pettinatura e spazzolatura con appositi utensili, pettini e spazzole studiate per trattenere e raccogliere i peli morti, sarà la principale soluzione. Oltre al bagno, ovviamente.

Sarà fondamentale che il vostro amico a quattro zampe disponga di uno spazio determinato da dedicare al sonno, predisposto in modo da agevolarne la pulizia. La sua cesta o lettino per dormire dovrà essere fatto di un materiale facilmente lavabile e che non favorisca gli accumuli di sporcizia. Qualora invece il cane disponga di una cuccia, la pulizia risulterà normalmente più facile e veloce, poiché i materiali di cui sono fatte sono scelti appositamente in funzione di questi requisiti: non trattenere sporcizia ed odori ed agevolare la pulizia.

L’odore, come evitarlo?

cucciolo nella vasca fa il bagno

L’odore dei nostri amati amici a quattro zampe sono causati da certi processi chimici naturali, propri dell’organismo. Per non saturare la cucina, o in generale la casa, di questi odori non proprio gradevoli, potrete ricorrere a un rimedio totalmente naturale che consiste nel bagnare il cane con un composto a base di aceto di mele, un bicchiere per litro d’acqua, prima di procedere alla spazzolatura. Come alternativa potrete provare a cospargere del bicarbonato sul pelo del vostro cane prima di spazzolare.

Per quanto riguarda l’alito del vostro amico, tutti sappiamo per esperienza che può essere tipicamente sgradevole, non preoccupatevi: i negozi specializzati offrono ormai da tempo una gran varietà di prodotti per pulire la bocca e per rinfrescare l’alito dei cani.

Se invece vi preoccupa come raccogliere i peli caduti, basta passare l’aspirapolvere almeno un paio di volte la settimana nelle zone della casa frequentate dal cane, concentrandovi soprattutto su tappeti e moquette. Se avete pavimenti in parqué o comunque in legno laminato, l’ideale sarà dotarvi di uno spazzolone leggermente inumidito. Con questo semplice trucco, riuscirete ad intrappolare i peli e eviterete che inizino a volare per tutta la casa. L’aspirapolvere resta comunque il miglior alleato.

Per rimuovere i peli da qualsiasi tipo di tessuto, come vestiti, tende o divani, potrete avvalervi di una spugnetta inumidita o di un rotolo adesivo pulisci-abiti, di quelli reperibili in tantissimi negozi specializzati.