Curiosità sui gatti

Per qualcuno i gatti sono animali affascinanti che non smettono mai di sorprendere: ecco a voi alcune curiosità su questi eleganti felini che non vi lasceranno indifferenti.

I gatti possono bere l’acqua di mare

A differenza dell’apparato renale degli uomini, quello dei gatti è in grado di filtrare l’acqua di mare, separandola dal sale in essa contenuto e usandola per idratare il proprio organismo. Di norma i gatti, come del resto la maggior parte degli animali, per idratarsi preferiscono bere acqua dolce e assumere parte del liquido presente nel loro cibo.

Tuttavia, quando questo non è sufficiente, non esitano a bere da una fonte salata: per fortuna i loro reni sono a prova di sale!

I gatti non riescono a sentire i gusti dolci

Alcuni studiosi sono convinti del fatto che si tratti di una mutazione di uno dei ricettori principali del gusto, la quale impedisce a questi felini di percepire il sapore dello zucchero. Altri, invece, pensano che questo sia frutto di un processo evolutivo che ha permesso ai gatti di concentrare le proprie abitudini alimentari solo ed esclusivamente sul consumo di carne.

gatto-lecca

Alcuni gatti hanno il pollice

Nonostante non si tratti di un pollice vero e proprio (con funzioni simili al nostro), a volte questi animali presentano un dito in più.

Un curiosità in più sui gatti: questi animali sudano attraverso i cuscinetti presenti nelle loro zampe.

Peli nelle orecchie

I gatti possiedono, oltre al pelo normale e tipico dei felini, una speciale peluria lanosa, al’interno delle orecchie, la quale li aiuta a isolare e filtrare i suoni diretti.

I gatti sono in grado di ascoltare i delfini

Non è stato scientificamente provato, però si pensa che i gatti possano ascoltare i delfini. Ciò è dovuto al fatto che i felini sono capaci di captare gli ultrasuoni (una tecnica che utilizzano per dare la caccia ai roditori), un sistema simile a quello che viene usato dai delfini per comunicare tra di loro.

Segni particolari sul naso

Le striature del naso dei gatti sono uniche ed irripetibili, al pari di un’impronta digitale: ogni gatto ha le sue ed è per questo che osservare il loro naso è un buon modo per poterli riconoscere.

Punto cieco

I gatti non possono vedere ad un palmo dal loro naso…e nemmeno sotto di esso! A causa di questo “punto cieco”, quindi, spesso non riescono a vedere il cibo che gli mettete davanti.

Scienza ed ispirazione felina

Fu lo scientifico Isaac Newton ad inventare la gattaiola ( la porta speciale per gatti), dopo che il suo gatto, Spithead, aprendo la porta per uscire, aveva fatto entrare la luce nella stanza dove Newton stava lavorando, mandando così all’aria i suoi esperimenti sulla luce.

Allo stesso modo, Nicola Tesla ebbe un’ispirazione riguardo ai suoi studi sulla elettricità quando il suo povero gatto, Macak, prese una scossa elettrica attraverso il suo pelo.

Anche i gatti sognano

gatto-nero-sogna

I gatti hanno la capacità di sognare e, difatti, iniziano a farlo, in genere, dopo la prima settimana di vita.

Inoltre, i gattini appena anti dormono molto di più rispetto ai gatti adulti, poiché il loro organismo produce l’omone della crescita solamente durante il sonno, per questa ragione è di vitale importanza lasciarli riposare. I gatti adulti, al contrario, non producono nessun ormone speciale mentre stanno dormendo.

Dolce dormire

I gatti, come la maggior parte dei felini, bruciano molte energie quando sono svegli, perciò hanno bisogno di recuperarle dormendo molte ore. È stato calcolato, infatti, che questi animali dormono così tanto che un gatto che vive in media nove anni, ne trascorre solo tre da sveglio.

I benefici della sterilizzazione

In media i gatti castrati o sterilizzati vivono due o tre anni in più rispetto a quelli che non hanno subito nessuno di questi trattamenti.

Ad ognuno i suoi gusti

Anche se può sembrare alquanto strano, i gatti maschi hanno la mania di leccarsi le zampe di sinistra, mentre le gatte preferiscono leccarsi le destre.

I nomi più comuni

Ecco a voi i nomi più comuni con cui di solito vengono battezzati i gatti: nel caso degli esemplari maschi, il nome più diffuso è Tom, mentre per le gatte si contendono il primato i nomi Molly e Regina (con le loro rispettive varianti in altre lingue).

Occhi di gatto

Gli occhi dei gatti sono speciali: possiedono, infatti, una terza palpebra, detta anche membrana nittitante, che generalmente è visibile solo quando i gatti si ammalano e viene associata alla sindrome di Haw.

Candidi Siamesi

Alcuni studiosi russi scoprirono, nel 1930, che i gattini Siamesi che venivano mantenuti in un luogo molto riscaldato non sviluppavano le macchie scure che caratterizzano questa razza.

Meravigliosa evoluzione

A quanto pare i gatti, durante la loro evoluzione, hanno saputo cambiare il loro tono di voce per poter comunicare con gli esseri umani.

Il livello naturale di voce dei gatti sarebbe assolutamente inaudibile per gli uomini, tuttavia questi felini sono in grado di esprimere sentimenti, come l’affetto e la paura, o necessità, come ad esempio la fame, attraverso un tono di voce udibile dalle persone. Alcuni studiosi ritengono che i gatti abbiano appreso questo genere di comportamento per poter stabilire un legame con l’uomo.