Il mio cucciolo non vuole mangiare

I cani sono insaziabili. E’ per questo motivo che ci si preoccupa tanto quando notiamo che non hanno mangiato. Tuttavia è fondamentale prestare attenzione a questi cali di appetito perché possono indicare un problema più importante. Ecco alcuni suggerimenti su cosa fare se il vostro cucciolo non vuole mangiare. Per prima cosa consideriamo le varie situazioni.

Non mangia assolutamente nulla: la prima cosa da verificare è se il vostro cucciolo non mangia solo cibo asciutto o se non mangia proprio niente. Di solito, specialmente quando sono cuccioli, i cani fanno fatica ad abituarsi a mangiare cibi secchi e per questo motivo li rifiutano. Un altro motivo potrebbe essere che il cane si è annoiato di mangiare sempre la stessa cosa; in questo caso potete provare a variare la dieta, mescolando cibo asciutto e cibo umido, facendogli provare nuovi sapori o mescolando della carne insieme alla sua pappa. Se il cane non mangia assolutamente niente, se lo vedete debilitato e passa molto tempo fermo in silenzio, potrebbe essere che stia covando qualche problema di salute.

Beve dei liquidi: è importante capire se il vostro cane si sta idratando in maniera adeguata; se non sta mangiando e neanche assumendo liquidi, la cosa migliore da fare è andare subito dal veterinario perché i cani si disidratano molto facilmente.

Stress: anche le situazioni stressanti possono portare alla perdita di appetito. Per esempio i cambiamenti radicali di ambiente (come un trasloco), la perdita di un membro della cerchia familiare, il poco esercizio, oppure il trovarsi in situazioni che gli causano sensazioni di paura: tutti possono essere un buon motivo. Se questa situazione è temporanea, basterà dare tempo al cane di abituarsi e cercare di rendergli l’eventuale problema più sopportabile.

il cucciolo -non- vuole mangiare-682x1024

Se spesso la mancanza di appetito è legata a comportamenti appresi dall’animale, occorre anche valutare altre circostanze che possono incidere sulla salute del cane, a volte magari legate alla sua età. Eccone alcune:

  • problemi come gastrite, reflusso, squilibri ormonali, febbre, infiammazioni della gola o ictus.
  • condizioni dovute all’età, ad esempio la vecchiaia del cane comporta un minore bisogno energetico, oppure il logorio dell’apparato digerente e del senso del gusto.
  • ostruzione dell’apparato digerente legata ad ingestione accidentale di qualcosa (è incredibile la varietà di oggetti che i veterinari trovano all’interno dello stomaco dei cani) o per un problema congenito dell’animale.
  • alcuni trattamenti veterinari che implicano l’assunzione di farmaci o interventi chirurgici influenzano notevolmente l’appetito. Ricordate di chiedere al veterinario se l’eventuale trattamento subito dal cane porta ad effetti collaterali, in modo da non essere presi alla sprovvista.

Ora, se la mancanza di appetito non ha nessuna relazione con la salute mentale o fisica del cane, significa che può essere il risultato di una cattiva abitudine che ha imparato da noi. Se il cane prende il vizio di mangiare fuori pasto, se siamo subito pronti a mescolare al suo cibo cose che lo rendono più appetitoso, non appena notiamo che smette di mangiare, significa che senza volerlo gli abbiamo insegnato a manipolarci e a dargli da mangiare quello che vuole lui.

il cucciolo -non- vuole mangiare-2-1024x682

Anche se è bene che il cane segua una dieta variata e sana è anche vero che deve mangiare il cibo su misura per lui. L’assunzione di alcuni alimenti che sono sani per noi possono essere altamente tossici per il suo organismo, come ad esempio la cipolla o il cioccolato. Per questo motivo è sempre consigliabile riempire la nostra dispensa canina con vari tipi di cibo (alimenti secchi, scatolette con gusti diversi, snacks) così da potergli offrire un’ampia varietà di sapori che difficilmente gli verranno a noia. Bisogna anche tenere in conto che non è un bene per il cane cambiare continuamente la sua dieta.

Il calo di appetito non è salutare per il cane, anche se potrebbe stare senza mangiare più di una settimana senza che questo lo metta in grave pericolo. Però è anche bene ricordare che l’inappetenza potrebbe abbassare le sue difese immunitarie rendendolo più vulnerabile a virus e batteri. Inoltre se questa situazione diventa frequente e ciclica potrebbe compromettere alcuni organi, come il cuore o i reni. In ultima analisi, cerchiamo di non cedere troppo facilmente ai capricci del cane, non sovralimentiamolo e soprattutto offriamogli una dieta gustosa, equilibrata e varia, così non avrà il tempo di annoiarsi.