La bronchite felina

La bronchite felina o asma bronchiale è una malattia che consiste in una infiammazione delle vie respiratorie. Tali vie, chiamate bronchi o bronchioli, permettono all’aria di essere trasportata dentro e fuori dagli alveoli. L’infiammazione delle vie respiratorie da origine ad un eccesso di secrezioni e il risultato finale è la drastica riduzione della capacità di portare ossigeno agli alveoli e, da lì, al resto del corpo. A volte può comportare anche un’infiammazione della trachea.

Questa malattia può sorgere all’improvviso, prendendo il nome di bronchite acuta, oppure può fare la sua comparsa in modo lento e progressivo, prendendo il nome di bronchite cronica. In questo post vogliamo spiegarvi in cosa consiste questa malattia che spesso colpisce i gatti.

Sintomi

gatto malato 2

La bronchite può essere acuta e associata a cambiamenti reversibili nella struttura delle vie respiratorie, oppure può essere cronica (con una durata che va dai due ai tre mesi) e può comportare un cambiamento permanente e irreversibile delle vie respiratorie. La bronchite e l’asma possono comparire allo stesso tempo e compromettere seriamente la salute del vostro gatto.

La bronchite cronica può essere portata da un’infezione batterica, da disturbi dovuti a ipersensibilità, da parassiti o da una continua inalazione di agenti irritanti delle vie aeree.

I gatti che soffrono di bronchite cronica sono soliti tossire: si tratta di solito di una tosse secca e non è raro confonderla, a volte, con nausea o un tentativo di vomitare o espellere una palla di pelo. Questa tosse può diventare grassa col passare de tempo.

I gatti affetti da bronchite hanno tendenza a curvarsi verso il basso e a allungare il collo per tossire. Gli episodi più forti di tosse spesso vengono accompagnati da nausea, vomito e starnuti.

Altri sintomi della bronchite felina possono essere:

  • salivazione schiumosa
  • letargia
  • starnuti 
  • diminuzione del livello di attività
  • naso che cola
  • mancanza di appetito
  • perdita di peso
  • febbre
  • occhi che lacrimano
  • intolleranza all’esercizio
  • difficoltà respiratorie

La bronchite è una malattia che è stata riscontrata in tutte le razze feline. Tuttavia i gatti siamesi sembrerebbero essere quelli più propensi di altre razze a sviluppare questo disturbo. In generale è stato osservato anche che le femmine hanno tendenza ad ammalarsi di più. Ogni segnale di difficoltà respiratoria va sempre presa sul serio e alla minima avvisaglia è meglio portare il vostro gatto dal veterinario, per un controllo completo.

Vi consigliamo inoltre di mantenere sotto controllo quando inizia la tosse e con che frequenza tossisce il vostro gatto, così come ogni cambiamento che possiate osservare nel suo modo di comportarsi: sono tutte informazioni che aiuteranno il vostro veterinario al momento della visita.

Opzioni di cura per i gatti con bronchite

gatto malato 3

La bronchite felina viene diagnosticata mediante la realizzazione di una lastra toracica. Può anche essere raccomandato un lavaggio broncoalveolare (conosciuto anche come BAL), tuttavia si tratta di un procedimento che richiede l’impiego della anestesia, perciò se le condizioni dell’animale sono critiche, questo esame è da escludersi perché l’anestesia comporta un maggior rischio di morte.

Una volta realizzati questi esami, i risultati vengono inviati ad un laboratorio che stabilirà se esiste o se è in atto un cambiamento a livello cellulare nei polmoni.

Nei gatti, ogni problema alle vie respiratorie va trattato senza perdere tempo. Questi animali di solito non hanno il fiatone e nemmeno tossiscono, perciò questi disturbi respiratori devono essere immediatamente valutati dal vostro veterinario.

Se il vostro gatto ha la tosse o soffre di qualche anomalia alle vie respiratorie, dovrete adottare delle precauzioni per cercare di ridurre i fattori di stress nell’ambiente circostante: il vostro micio avrà bisogno di un ambiente tranquillo, fresco, confortevole e sicuro, accompagnato da un buon sostegno alimentare e nutritivo e da un supplemento di ossigeno, se necessario.

I gatti che presentano bronchite causata da un’infezione virale possono riprendersi da soli nell’arco di una o due settimane. Gli antibiotici sono molto efficaci nei casi di bronchite di origine batterica.

I gatti che, invece, sono affetti da un’infezione respiratoria causata da parassiti, avranno bisogno di una cura specifica e individualizzata. Quando la bronchite è causata da asma felina cronica, sono necessarie delle attenzioni in più: l’asma andrà trattata con farmaci antinfiammatori o steroidi. Purtroppo la bronchite felina può essere mortale se non viene curata.

La tosse insistente può causare danni permanenti al rivestimento delle vie respiratorie dei gatti, e se si aggrava può compromettere la loro capacità di alimentarsi. Con il tempo, la bronchite può causare anche danni al sistema immunitario del vostro gatto rendendo più debole e sensibile il suo tratto respiratorio e, di conseguenza, più propenso a contrarre infezioni virali e batteriche. Per questo motivo, se notate che il vostro piccolo amico presenta alcuni dei sintomi descritti in questo articolo, non esitate a portarlo dal veterinario.