Quando è necessario praticare il taglio cesareo?

Quando si presentano complicazioni nella gravidanza, è necessario ricorrere al taglio cesareo per salvaguardare la salute della madre e dei nascituri. Il taglio cesareo è un’incisione della parete addominale e dell’utero per estrarre il feto. Nel caso dei cani, i veterinari consigliano il parto cesareo soprattutto nei cani brachicefali (come per esempio Bulldog, Carlino, Shitzu, Boxer, Pechinese).  In questo articolo vogliamo condividere con voi alcune curiosità del parto cesareo nei cani femmine.

Perché bisogna ricorrere al parto cesareo?

ecografia-cagna

Secondo quanto affermato dagli specialisti, ci sono cause di mortalità neonatale che si presentano proprio in occasione del travaglio. Tra queste troviamo la distocia, ovvero la difficoltà della madre ad espellere i feti e la conseguente ipossia fetale.

Sono problemi causati da difficoltà fisiologiche, da disturbi comportamentali e addirittura da fattori medio ambientali.

In alcuni casi la morte dei cuccioli è imputabile a problemi genetici o a qualche tipo di infezione. Esistono varie ricerche che hanno dimostrato che il 20-30% dei cuccioli muoiono prima dei sei mesi a causa di un cattivo percorso neonatale.

Per evitare la morte dei cuccioli, se osservate che la vostra cagnolina non è in perfetta forma per affrontare un parto naturale, è meglio che vi rivolgiate al veterinario per avere l’opinione di un esperto. Dovete stare in guardia, soprattutto se è la prima volta che affrontate una situazione di questo tipo.

Dovete sapere che è fondamentale fare di tutto per far sentire il cane tranquillo. Lo stress materno è assolutamente pregiudiziale e potrebbe causare complicanze nel parto. È vostra responsabilità creare un ambiente disteso e ridurre il livello d’ansia dell’animale. Dovete mantenere i nervi saldi per non trasmettere la vostra irrequietezza al cane.

È meglio che sappiate che probabilmente il veterinario lascerà a voi la decisione di praticare il parto cesareo. Proprio così, spetta a voi decidere: la legge esige che il padrone dia il proprio consenso all’intervento chirurgico.

Altre situazioni per cui è probabile che si debba praticare il taglio cesareo?

cuccioli1

Ci sono altre circostanze che richiedono questo intervento chirurgico e che possono essere di pertinenza materna (come per esempio anomalie scheletriche del bacino) o fetale ( mal posizionamento fetale o malformazioni). Ebbene, in questi casi è d’obbligo optare per il cesareo per salvaguardare la salute sia della madre sia dei cuccioli.

D’altra parte al minimo sintomo di sofferenza dei feti bisogna ricorrere all’intervento cesareo.

Non sempre il travaglio conduce al parto naturale. Il colore del liquido amniotico indica il benessere del feto. Se il liquido non è trasparente e ha un colore scuro, verdastro o rossastro può indicare che è in corso una sofferenza fetale a causa di un distacco prematuro della placenta (abruptio placentae) o la presenza di meconio nel liquido amniotico.

Entrambe le circostanze sono estremamente delicate. Il taglio cesareo dev’essere eseguito quando comincia il travaglio. Non dovete temere, il parto cesareo è una buona e sicura alternativa.

Un’altra cosa che dovete sapere è che i farmaci che vengono somministrati all’animale per un parto cesareo sono molto più leggeri di quelli impiegati in occasione di un intervento chirurgico. Non spaventatevi, il dosaggio non mette a repentaglio né la salute della madre né quella dei cuccioli. Si ricorre a farmaci privi di effetti secondari e che garantiscono un rapido recupero. Tra questi c’è per esempio il Propofol che è un farmaco anestetico a breve durata, che viene somministrato per via endovenosa. L’anestetico viene iniettato nella zampa anteriore, previamente pulita e rasata. Successivamente  a realizzare un’incisione che va dal pube fino all’ombelico. Se i cuccioli sono grandi, allora l’incisione sarà più lunga.

Man mano che i cuccioli vengono estratti, gli assistenti del veterinario si preoccupano di pulirli. Quando il parto è cesareo, ci può volere mezz’ora prima che i cuccioli respirino e si stabilizzino. Alla fine, quando è tutto sotto controllo vengono collocati in un luogo caldo.

Infine, quando la madre si sveglia, deve essere in grado di mantenere la testa alta, la sua temperatura corporea dev’essere adeguata e le gengive devono essere rosa. A questo punto, potete tornare tutti a casa.

Dovete assicurarvi che la madre accetti i suoi cuccioli. Se ha comportamenti strani, non preoccupativi, nel giro di 48 ore i suoi ormoni cominceranno a funzionare regolarmente.