Perché i cani di piccola taglia sono più longevi?

È risaputo che l’aspettativa di vita dei cani dipende da vari fattori come per esempio la razza o la stazza. È molto importante che conosciate cosa determina la longevità del vostro cane, per comportarvi di conseguenza. Ricordiamo che ogni cane ha dei bisogni specifici e che è compito del proprietario soddisfarli nel miglior modo possibile. Tuttavia, è un dato curioso che la stazza del cane è inversamente proporzionale alla sua aspettativa di vita: i cani di piccola taglia invecchiano più lentamente. In quest’articolo vogliamo parlare del perché i cani di piccola taglia sono più longevi.

Invecchiamento

L’invecchiamento è un parte del naturale processo biologico degli essere viventi. Con il passare del tempo si assiste al deterioramento delle cellule, dei muscoli e dei tessuti.

Con l’avanzare dell’età, il corpo cambia e con esso anche i bisogni fisiologici. È compito di ogni padrone responsabile rispondere adeguatamente alle esigenze fisiologiche del cane: solo così l’animale vivrà una vita sana e felice. 

Dovete sapere che un cane di taglia gigante sarà considerato anziano a partire dai sei anni d’età, uno di taglia media dai dieci anni e uno di piccola taglia dai dodici-tredici anni.  

È un fenomeno curioso. Infatti di solito in natura gli animali grandi tendono a vivere più a lungo perché il loro organismo è più complesso e più efficiente. Questo dato è evidente soprattutto se confrontiamo i mammiferi e gli uccelli.

primo-cane

Possibili cause

Sono state condotte varie ricerche volte a risolvere il quesito sul perché i cani di piccola taglia sono più longevi, ma non si è arrivati a nessuna risposta definitiva e i pareri degli scientifici sono discordanti. Tuttavia, le ipotesi avanzate dai ricercatori si sviluppano intorno a quattro punti fondamentali:

Hanno uno stile di vita diverso

Una delle ipotesi prende in esame lo stile di vita dei cani grandi. I cani di taglia grande sono più attivi e più pesanti dei cani piccoli. Oltretutto i cani di taglia grande vengono spesso usati come cani da lavoro. Non dobbiamo nemmeno dimenticare che i padroni tendono ad essere ultra protettivi con i cani più piccoli.  Tutto ciò implica che i muscoli (compreso il cuore), il sistema immunitario e le articolazioni di un cane di taglia grande si deteriorino prima.

Anche se questa teoria sembra essere plausibile, non è del tutto soddisfacente perché non spiega come mai i cani tipo terrier siano longevi pur avendo una vita attiva. 

Problemi cardiaci

Un’altra ipotesi parte dallo studio del cuore dei cani in relazione alla stazza. Se prese in assoluto, è fuori dubbio che le dimensioni del cuore dei cani grandi sono maggiori rispetto a quelle dei cani di piccola taglia, però quello che interessa è sapere se le dimensioni del muscolo cardiaco siano o meno proporzionate alle dimensioni dell’animale. Sembra, infatti, che in proporzione, i cani grandi hanno un cuore molto più ridotto rispetto ai cani di piccola taglia. Ciò spiegherebbe il deterioramento: il cuore dei cani di taglia grande deve lavorare molto di più per far circolare il sangue.

Predisposizione a gravi malattie

La predisposizione alle malattie è un altro elemento che influisce notevolmente sulla longevità dei cani. Per esempio, i cani di taglia gigante tendono a soffrire di disturbi articolari e di dolori muscolari.

Purtroppo anche il cancro è molto più frequente nei cani di grandi dimensioni, soprattutto il tumore osseo (osteosarcoma).

Il problema della razza

san-bernardo

L’antenato del cane, il lupo, ha una mole simile a quella di un cane grande, e in alcuni casi di un cane gigante. Tuttavia, i lupi possono arrivare a vivere 15 anni. I cani delle stesse dimensioni e con lo stesso peso, raramente arrivano a quell’età. Questo dato di fatto ha portato a ipotizzare che esiste per i cani una mole perfetta. Quando parliamo di stazza ideale, ci riferiamo al peso e al corpo adeguati. Una proporzione che permetterebbe il corretto funzionamento dell’intero organismo dell’animale e quindi una maggiore longevità.

La questione è che i cani, e in special modo i cani di razza, sono stati selezionati dall’uomo secondo standard puramente estetici. Attraverso la selezione artificiale, sono state prese in considerazione solo alcune caratteristiche fisiche a scapito della salute e della longevità dell’animale, si pensi per esempio ai cani brachicefali.

La mole ideale sarebbe piccola o media (anche i cani di taglia media sono piuttosto longevi). Tuttavia questa norma esclude i cani toy, questi cani, di media, vivono molto meno.