Perché i cani smuovono la terra dopo aver fatto i bisogni?

Le persone che hanno un animale domestico tendono spesso ad esibirne con orgoglio i comportamenti inusuali.

Alcuni di questi comportamenti sono strettamente legati all’istinto dell’animale, anche se talvolta la natura di determinati atteggiamenti è sconosciuta. Per togliervi ogni dubbio, nel seguente articolo vi racconteremo perché i cani smuovono la terra dopo aver fatto i loro bisogni.

Come è risaputo, i cani possiedono un curioso rituale che eseguono dopo aver fatto i loro bisogni, ossia scavano il terreno, che si trovino sulla terra, sul cemento, sulle mattonelle ecc. In pochi si fermano a pensare sul perché lo fanno. Vediamo insieme alcuni motivi sul perché i cani si comportano in questo modo.

Cercano di coprire i loro escrementi

pipì-cane2

Il fatto di coprire i propri escrementi è un’attività che viene generalmente associata ai gatti, ed interpretata sotto il punto di vista dell’igiene. Ciò nonostante, nessuna delle due affermazioni è vera.

Vi sono numerose specie animali con l’abitudine di sparpagliare terra sopra i propri escrementi o urina, e fra esse possiamo trovare felini, cani e persino roditori.

Eppure quest’attività non è ricollegabile all’igiene, ma, almeno per quanto riguarda i cani, risponde di più ad un’esigenza comunicativa.

Raspando il terreno nel punto in cui hanno urinato, i cani disseminano il proprio odore per lasciare messaggi olfattivi ad altri cani. Non è un caso infatti che un cane non lasci mai i propri depositi nello stesso punto dove è già passato un esemplare della sua specie.

Ecco da dove provengono i messaggi

olfatto-dalmata

Così come nei gatti, anche i cani possiedono delle ghiandole vicino all’ano (denominate ghiandole anali), il cui compito è quello di generare un olio contenente dei feromoni che rilasciano svariate informazioni relative, per esempio, allo stato di salute del cane, al suo sesso o alla fase riproduttiva in cui si trova (aspetto di particolare importanza nel caso delle femmine).

Il sistema comunicativo dei cani è fortemente legato alla produzione di feromoni. Se consideriamo che l’olfatto è il loro senso più sviluppato, sembra evidente che i cani trasformino gli odori in informazioni, il che spiega un altro dei loro comportamenti bizzarri (ossia il fatto di annusarsi il sedere).

Tuttavia questa teoria si contraddice in parte, come potrebbe affermare chiunque sia mai entrato in contatto con un cane.

Nonostante sia risaputo che i cani lasciano messaggi olfattivi attraverso le ghiandole anali, è anche vero che è molto difficile che questi animali entrino in contatto con le proprie feci. Di fatto, la maggior parte dei cani cercherà di evitare sempre e a tutti i costi il contatto con i propri escrementi.

Per questo motivo, il fatto di smuovere il terreno per diffondere un maggior numero di informazioni non sembrerebbe una causa plausibile. Osservando però il comportamento di alcuni loro lontani parenti, i lupi, si può arrivare ad alcune conclusioni.

I lupi, proprio come i cani, raspano i punti dove hanno lasciato i loro bisogni, anche se nel loro caso si evidenziano due atteggiamenti:

  • Nel primo caso bisogna tenere a mente la necessità di spargere tracce visuali per gli altri animali, come supporto all’informazione olfattiva. Sostanzialmente, marcando visualmente il territorio, i lupi danno conto agli altri non solo della loro presenza e della fase del ciclo riproduttivo in cui si trovano, bensì anche delle loro dimensioni e della loro forza.
  • Anche nel secondo caso sono coinvolte le ghiandole del lupo, ma questa volta non quelle anali bensì una serie di ghiandole situate sulle zampe, e che servono a trasmettere informazioni. Ciò acquista un senso se pensiamo che una delle zone in cui lupi e cani sudano maggiormente sono le zampe.

Dunque adesso lo sapete. Non è un male farsi delle domande, poiché anche se alle volte le risposte possono sembrare ovvie, in molti casi esse ci sorprenderanno.

Immagine cortesia di Javi.