Perché i cani tirano fuori la lingua?

Avete deciso di fare una foto al vostro cane, è così carino. Chi non pensa questo del proprio amico a quattro zampe? Però, è sempre la stessa storia: ogni volta che provate ad immortalarlo, lui apre la bocca e tira fuori la lingua, rompendo l’incanto dello sguardo dolce e innocente che aveva con la bocca chiusa.

Viene da chiedersi perché i cani tirino fuori continuamente la lingua. I motivi sono diversi, legati soprattutto al fatto che la lingua ha caratteristiche diverse dalla nostra.

Caratteristiche della lingua del cane

A differenza degli esseri umani, questa parte del corpo nel cane ha molte funzioni, oltre a quella di sentire i sapori o di bere l’acqua. Possiede caratteristiche che aiutano l’animale in varie attività fisiologiche. Ad esempio:

lingua-del-cane

  • Regola la temperatura corporea. Nei cani funziona da “radiatore”. Poiché le sue narici non sono molto grandi, la lingua le supporta in alcune funzioni; attraverso di essa il cane suda e traspira. L’umidità della lingua, a contatto con l’aria, raffredda il flusso sanguigno e regola la temperatura del corpo.
  • Stimola la circolazione del sangue. Avete notato che la lingua dei cani sembra più grossa quando sono affaticati o stanchi? Questo è dovuto al fatto che vi scorre molto più sangue, permettendo al cane di recuperare le forze con maggiore facilità.
  • È uno strumento di pulizia. I cani usano la lingua per pulire alcune parti del corpo o le ferite.
  • Socializzare. Proprio così: il cane si serve della lingua per fare amicizia. È, infatti, una delle parti più sensibili del suo corpo: leccare un altro cane può essere il tentativo di calmare un gesto non propriamente amichevole, perfino prima che si manifesti. Diciamo che è il suo modo di tirare fuori il fazzoletto bianco in segno di pace, prima che si renda veramente necessario.

Sappiamo, quindi, che i cani non tirano fuori la lingua per divertimento, ma per un motivo preciso. Vediamo quale può essere:

Perché i cani tirano fuori la lingua?

  • Stanchezza. Quando il cane è stanco, nella sua lingua si concentra maggiormente il sangue. Tirarla fuori lo aiuta a regolarizzare più velocemente il flusso sanguigno.
  • Eccitazione.  Quando il cane è eccitato, è possibile che abbia più difficoltà a respirare. Le sue narici sono corte e tirare fuori la lingua lo aiuta a respirare in modo più regolare.
  • Sete. Se la gola e la bocca si asciugano, è normale che il cane tiri fuori la lingua, nel tentativo di inumidirla al contatto con l’atmosfera.
  • Dolore. Se l’animale prova dolore, non avrà neanche la forza di tenere il muso chiuso e la lingua al suo posto. Per questo motivo, alle volte, vediamo cani malati con la lingua a penzoloni.
  • Freddo o caldo. Come abbiamo già detto, la lingua è il radiatore canino: il nostro amico a quattro zampe la usa in modo istintivo per regolare la temperatura del corpo, quando ha caldo o freddo. Se lo sentite respirare affannosamente, niente paura, è un modo per accelerare questo processo.

cane-pastore-tedesco-Autrice: Ana Fuentes

Questi sono alcuni dei motivi per cui il cane tira fuori la lingua. Chiaramente, se pensate che alla base non ci sia nessuna delle situazioni descritte e se questo gesto è accompagnato da un ansimare continuato e profondo, il cane potrebbe avere qualcosa che non va.

In questo caso, è meglio portarlo dal veterinario. L’animale potrebbe essere malato o avere un’infezione da virus o da batteri che gli provoca febbre, oppure soffrire di un’altra patologia che, a prima vista, non possiamo intuire.

L’uomo e il cane sono simili in molti aspetti, ma diversi in tanti altri. A volte non riusciamo a capire cosa provochi alcuni loro gesti. Per questo motivo, come ripetiamo sempre, è importante che osserviate il vostro cane, in particolare se ha atteggiamenti insoliti.

In alcuni casi il cane cerca di farci capire, con un gesto o un atteggiamento, che qualcosa non va. Non aspettiamoci sempre che pianga o abbai se sente male da qualche parte.

Quindi, attenzione e costanza ci permetterà sempre di aiutare il nostro cane in caso di necessità.