Il pitbull trovato in un cassonetto dell’immondizia

Quando sentiamo parlare di pitbull, ci viene subito in mente un cane pericoloso. Tuttavia, questo è soltanto uno dei tanti miti che le persone hanno creato e che riempiono la mente della gente di pregiudizi. I pitbull possono essere amorevoli esattamente come qualsiasi altro cane, e forse anche di più. Oggi vi racconteremo una storia che ve lo dimostrerà.

Nessuna razza purtroppo è esente dal maltrattamento e dall’abbandono, per questa ragione esistono varie organizzazioni che si impegnano per cercare di evitare che queste cose avvengano. Di seguito vi racconteremo una storia davvero commovente.

Alla ricerca del pitbull abbandonato

pitbull-2

Purtroppo molti cani vengono abbandonati vicino ai bidoni della spazzatura. Forse inizialmente si faceva così perché in questo modo gli addetti alla pulizia della strada si sarebbero accorti della presenza di un cane abbandonato.

A noi però è sempre sembrata una spregevole metafora che lascia intendere come vengono considerati i cani da questi esseri senza cuore che li abbandonano. Ebbene si sbagliano di grosso, i cani non sono spazzatura, lo è solo il cuore di chi abbandona. 

Le organizzazioni che si occupano della protezione degli animali, conoscono questo “modus operandi”, per questo spesso girano per le strade della città e si soffermano nei pressi dei cassonetti, per vedere se c’è qualche animale abbandonato. Quando li trovano, in linea di massima, i cani si trovano in scatole di cartone vicino al cassonetto.

Lamenti che provengono da un cassonetto

Un giorno però, cercando una di queste scatole, alcuni soccorritori si accorsero che non c’era nulla fuori dal cassonetto nonostante sentissero dei lamenti di cane, e ben presto si resero conto che questi provenivano dall’interno del contenitore. Immediatamente i volontari si precipitarono per capire cosa stesse succedendo.

Si trattava di due indifesi cuccioli di pitbull, che non solo erano stati abbandonati, ma che erano anche stati lasciati a morire dentro ad un cassonetto, come se si trattasse di immondizia. Erano stati addirittura messi all’interno di due sacchetti di plastica. Sarebbero morti certamente asfissiati a causa del sacchetto, oppure schiacciati dal peso della spazzatura. Il colpevole di questa atrocità dovrebbe morire di vergogna leggendo questa storia che è diventata ormai virale sul web.

Il salvataggio del pitbull

I volontari presero i due cagnolini dal contenitore e li portarono nel centro di primo soccorso dell’associazione. Sfortunatamente, uno dei cuccioli non riuscì a sopravvivere. L’altro invece venne chiamato Scratchy.

Quando arrivò nel centro, il piccolo pitbull Scratchy era molto magro, sporco e presentava varie infezioni. Ciò nonostante, una delle volontarie si innamorò di lui, tanto da non poter aspettare seduta che qualcuno lo adottasse. Questo pitbull aveva bisogno di attenzioni, amore e affetto e questa volontaria, Anne Marie, era disposta a darglieli.

Scratchy passò diversi giorni nel centro aspettando di recuperare le forze e che qualcuno lo adottasse. Quando era ormai fuori pericolo e non presentava più né infezioni né ferite, e sfoggiava un pelo brillante e un peso in costante aumento, Anne Marie si rese conto che non era una buona idea lasciarlo nel centro ad aspettare che qualcuno lo adottasse. Lei già lo amava! 

Lei sapeva già che Scratchy aveva bisogno di molto amore e di una casa. Il centro era solo un luogo di transizione. Anne Marie pensò che avrebbe potuto portarlo a casa per qualche giorno, finché qualcuno non avesse voluto adottarlo, ma abbandonò presto questa idea.

L’arrivo di Scratchy

pitbull-3

Scratchy si abituò molto presto alla sua nuova casa e tutti lì erano felici dell’arrivo di un cane così bello. Persino i bambini del quartiere di Anne Marie si avvicinavano al suo giardino, per giocare con lui dopo la scuola. Scratchy è un cane davvero molto dolce, amorevole e leale, che ha dato ad Anne Marie più di ciò che lei ha potuto offrirgli, come ha spiegato lei stessa. 

“Leggendo la mia storia con Scratchy, molti crederanno che io l’abbia aiutato, che gli abbia salvato la vita. Ma la verità è che è stato lui ad aiutarmi e a salvarmi la vita. Ha trasformato la mia vita solitaria in una vita piena di amore e di allegria”.

Pensate ancora che i pitbull siano pericolosi?

Come vedete, gli animali abbandonati sono molto riconoscenti e vi ameranno fino alla morte, ringraziandovi ogni giorno per l’amore e la bontà che gli avete dimostrato.

Per favore, non abbandonate e, se vedete un cane abbandonato, aiutatelo.