Sette tigri sotto un tetto

Riuscite ad immaginare la vostra sorpresa se, domandando ai vostri figli che animale domestico vorrebbero adottare, questi vi rispondessero che desiderano una tigre? Le famiglie che decidono di prendere una tigre come animale da compagnia sono poche, però ci sono. E oggi vi raccontiamo la storia di una famiglia brasiliana che ha adottato addirittura sette tigri!

Perché sette tigri como animali domestici?

Tutto ebbe inizio con Ary Borges, da sempre amante di questi meravigliosi felini, pur non sapendo molto di loro, né di come prendersene cura. Già da bambino, si rifiutava di andare al circo, perché era convinto che là le tigri venissero maltrattate e fossero costrette a vivere in pessime condizioni.

Proprio per questo, quando ebbe l’opportunità di salvare due tigri di un circo, lo fece immediatamente, senza pensarci due volte. Da allora sono passati già otto anni.

Il fatto è che Ary ci aveva visto chiaro fin dall’inizio: le condizioni in cui spesso vivono questi animali nei circhi sono davvero pessime, al punto che in alcuni paesi sono stati proibiti gli spettacoli con animali, come ad esempio Austria e Croazia. Adottando queste due tigri, Ary diventò capostipite della prima famiglia ad avere delle tigri come animali domestici.

Avete letto bene: non si limitò a salvarle e a portarle in uno zoo o a qualche associazione della protezione animali. Le portò a casa con sé, perché potessero vivere con i suoi figlie e sua nipote!

La vita di una famiglia con sette tigri

leoni

Nonostante le grandi dimensioni del giardino di Ary, l’uomo non pensò in nessun momento di lasciare fuori le due bestiole, anzi: era disposto a tutto purché facessero parte della famiglia a tutti gli effetti.

A volte si è parlato di qualche personaggio famoso che, per stravaganza o per egocentrismo, ha deciso di adottare, come animale domestico, un tigre, ma che una famiglia abbia deciso di adottarne sette e di convivere con loro sotto lo stesso tetto è sicuramente una novità assoluta.

Un allevamento mancato

Ary pensò che, per salvaguardare la specie, l’ideale sarebbe stato creare un allevamento di tigri in casa, ma il progetto sfumò quando le autorità competenti gli dissero che per realizzare il suo progetto erano necessari dei permessi speciali e che il costo totale sarebbe stato molto elevato.

Siccome Ary non aveva intenzione di vendere i futuri cuccioli di tigre, e non trovandosi nelle condizioni economiche necessarie per portare avanti il progetto, decise di abbandonare l’idea dell’allevamento.

La vita delle tigri nella casa di Ary

Una volta messo da parte il progetto dell’allevamento, Ary e la sua famiglia si sono ritrovati ad avere non una, ma bensì sette tigri come animali domestici! Ovviamente non tutti -compresi alcuni familiari- condividono il modo in cui questa famiglia convive con le tigri: vediamone le ragioni.

Le sette tigri vivono sotto casa, come se fossero dei cagnolini: dormono sul tappeto, gironzolano in casa, corrono in giardino. La nipotina di Ary, addirittura, se ne va a passeggio a cavalcioni di uno di questi felini, per non parlare delle figlie di Ary, che nutrono le tigri, dando loro della carne direttamente con le mani, o che fanno il bagno insieme a loro nella piscina del giardino.

Se siete nonni o genitori, probabilmente vi starete mettendo le mani nei capelli; ma, stando alle parole di Ary, questa famiglia ha trasformato queste sette tigri in veri e propri membri della stessa, grazie al rispetto con cui le hanno sempre trattate.

Sono, infatti, tutti d’accordo sul fatto che le sette tigri si sono sempre comportate con amore verso i loro padroni, proprio perché questi ultimi le hanno accudite, nutrite e trattate con affetto fin da quando erano piccole. Ary, inoltre, sta pensando di creare un parco per loro, in cui ricreare il loro habitat naturale.

È una storia che ha dell’incredibile, ma è tutto vero: guardate il video qui sotto se avete dei dubbi!

Con l’amore e il rispetto si arriva lontano

Questa storia ci offre uno spunto per riflettere sulla convivenza, dal momento che la terra è tanto degli uomini come degli animali e, proprio per questo, dovremmo amarci e rispettarci tutti. Il problema è che a volte noi non siamo neppure in grado di rispettare quelli della nostra specie. Dunque, le reazioni degli animali quando si trovano in nostra presenza sono del tutto giustificate, dal momento che ci siamo sempre e solo avvicinati a loro per fargli del male.

Eppure questa famiglia è l’esempio vivente del fatto che con il rispetto e i buoni sentimenti si arriva lontano, più ancora che con l’avarizia e la crudeltà.

Non perdetevi il video di Ary e delle sue sette tigri!