Il tumore non è più la fine per il vostro cane

Anche i cani, come l’uomo ed altri animali, possono essere vittime del cancro, la terribile malattia caratterizzata dallo sviluppo incontrollato delle cellule che genera una crescita di tessuto in eccesso – un tumore, per l’appunto, o neoplasia. Tuttavia, che un cane abbia il cancro non significa che la sua vita sia finita.

La paura della malattia

carezza-cane

Ascoltare le parole “tumore” e “cane” insieme può suscitare sentimenti molto negativi. Ciò nonostante, grazie agli attuali progressi in campo scientifico, questa malattia non è più una condanna a morte per i nostri animali. Infatti, il cancro è la malattia cronica che prevede il maggior numero di alternative di cura. Esistono svariati trattamenti che possono essere intrapresi senza causare alcuna conseguenza.

In alcuni casi è possibile medicare il proprio cane, in modo tale da ridurre i sintomi e migliorare la qualità della sua vita e la durata della stessa. È bene tenere a mente che per affrontare questa malattia al meglio è fondamentale conoscerla a fondo. Ciò ci permetterà inoltre di disfarci dei tipici tabù e pregiudizi, mettere a fuoco il problema nel modo più positivo possibile e aiutare il nostro cane nel miglior modo possibile.

L’avanzamento delle cellule nell’organismo del cane

Nella prima fase della malattia, le cellule cominciano a crescere senza sosta, attaccando in maniera distruttiva i tessuti e le parti del corpo in cui crescono. Le cellule del corpo considerate “normali” hanno un periodo di vita limitato e, una volta morte, vengono sostituite da altre molto simili.

Le cellule cancerogene, invece, si riproducono in maniera disorganizzata e caotica, anche quando non c’è alcun bisogno di cellule nuove. Bisogna anche considerare che non tutti i tumori sono uguali – ne esistono più di cento tipologie diverse.

I tumori benigni consistono nella crescita di cellule anormali, che si separano lentamente e non invadono i tessuti vicini; possono produrre alterazioni estetiche o funzionali, ma non mettono a rischio la vita del cane.

Nel caso dei tumori maligni, invece, le cellule si dividono in maniera rapida e tendono ad invadere e distruggere i tessuti adiacenti. Questo processo avviene in maniera aggressiva e rapida e può portare a gravi conseguenze, giacché le cellule in questione attaccano quelle sane, le distruggono e occupano il loro posto, impedendo al tessuto di svolgere la sua funzione.

Individuare per tempo il cancro nel vostro cane

Come è evidente, prima si individua la malattia, maggiori saranno le probabilità che il cane guarisca. Se il vostro amico appartiene ad una razza predisposta a questa malattia, è bene stare molto attenti. Per fare un esempio, i cani di grande taglia sono più propensi a sviluppare il tumore alle ossa. Se possedete un mastino e lo vedete zoppicare, sappiate che potrebbe essere stato punto da qualcosa, ma le cause potrebbero anche essere altre.

Trattamento contro il cancro nei cani

Il trattamento può variare a seconda del tumore, della zona colpita, dell’età dell’animale e via dicendo. Potrebbe essere necessaria l’asportazione completa, o dover ricorrere ad alcune analisi, per valutare lo stato della lesione, così come a radiografie o ecografie per localizzare eventuali tumori all’interno dell’organismo e poterne poi valutare l’estensione (individuare la presenza di metastasi).

I polmoni sono l’organo sul quale le cellule cancerogene provenienti da altre parti del corpo si depositano con maggior frequenza, per questo il vostro cane potrebbe essere sottoposto alla radiografia del torace. Una biopsia fornirà inoltre dati utili per l’identificazione di tumori interni.

Alcuni tumori possono essere affrontati in maniera aggressiva, ottenendo la guarigione. In generale, esistono tre modi di combattere un tumore: la chirurgia, la radioterapia e la chemioterapia. Di norma, i trattamenti consistono in una combinazione di più metodi.

Chirurgia

cane-malato

Questo è il trattamento a cui si fa ricorso più di frequente, l’unico che assicura la guarigione. Non verrà asportato soltanto il tumore in sé, bensì anche la zona adiacente, a scopo di prevenzione.

Radioterapia

In questo caso il cancro viene trattato tramite raggi X e altre radiazioni rivolte direttamente al tumore. La radioterapia richiede dei macchinari molto costosi e non sono molti i luoghi che la eseguono.

Crema anticancro

Esistono prodotti che si assorbono sulla pelle e bruciano il cancro, provocando la fuoriuscita esclusivamente delle cellule cancerogene, dissolvendo la carne attorno al tumore e curando l’animale, che in pochi giorni si rimetterà in sesto. Naturalmente, questa soluzione non è operativa in tutti i casi.