Uno studio scientifico dimostra che i cani ci amano come membri della loro famiglia

In diverse occasioni sicuramente avete avuto la sensazione di essere le persone più importanti per il vostro cane, se è così, avevate ragione. Uno studio recente sostiene che i cani riconoscono la bontà e la fiducia e provano anche emozioni come l’amore e l’attaccamento, come accade tra gli esseri umani. Non solo, è stato dimostrato che i cani ci amano come membri della loro famiglia.

I cani provano sentimenti come le persone?

saluto-cane

A differenza di altri studi, questa volta i ricercatori sono stati in grado di utilizzare una risonanza magnetica per determinare l’attività cerebrale di un cane. Ma… come hanno fatto gli scienziati a fare in modo che i cani restassero tranquilli in queste enormi macchine? Beh, prima hanno dovuto addestrarli attraverso un metodo rigoroso basato su tecniche positive. In breve, gli animali sono stati trattati come bambini piccoli ed i loro proprietari, ovviamente, hanno dovuto firmare un modulo di consenso, in modo che potessero partecipare allo studio.

L’analisi ha permesso ai ricercatori di mappare l’attività cerebrale nella zona del cervello in cui si concentrano le emozioni. Hanno scoperto che l’attività aumentava quando gli venivano indicati segnali relazionati con il cibo, gli odori di cani e di persone vicine o il ritorno di un essere umano familiare. Un altro esperimento ha mostrato che l’attività aumentava quando i cani ascoltavano la voce di qualcuno che conoscevano.

In generale, gli scienziati hanno stabilito che i cani provano emozioni simili a quelle degli esseri umani, che, per gli amanti dei cani, non è una sorpresa, perché per loro i loro fedeli amici li hanno sempre amati.

Cosa percepiscono i cani degli umani?

epilessia-cani-3

I cani sono affettuosi, compagni fedeli che premiano la bontà e la coerenza con un servizio devoto. Questo conferisce loro un posto speciale nelle nostre vite e il diritto a non essere abbandonati, ridotti in schiavitù, diventare guardie viziose o addirittura essere trattati come accessori di moda. Devono essere rispettati e ricevere le cure necessarie di cui hanno bisogno.

I cani sono anche molto sensibili. Sanno quando siete tristi o scoraggiati. Sicuramente assumeranno il vostro stesso atteggiamento, perderanno interesse nei confronti dei loro giocattoli e rifiuteranno persino il loro cibo. Di solito, il vostro cane vi osserva tranquillamente da un angolo della stanza. Dopo un po’, potrebbe gettarsi ai vostri piedi e appoggiare la testa sul vostro grembo.

Molti cani cercano anche di leccare le lacrime dei loro proprietari. A quel punto, per il cane siete al centro del loro mondo, quindi la vostra tristezza avrà lo stesso effetto su di lui. In effetti, alcuni studi hanno dimostrato che è più probabile che un cane si avvicini a qualcuno che piange piuttosto che a qualcuno che canticchia o parla.

Inoltre, è stato scoperto che i cani reagiscono con un comportamento remissivo. Gli scienziati suggeriscono anche che i cani possono identificare la tristezza come un’emozione, che è diversa dagli altri sentimenti.

La ricerche dimostrano inoltre che i cani possono rilevare benissimo le intenzioni degli esseri umani. Prima di aprire la doccia o toccare il suo asciugamano, il vostro cane sa che la vostra intenzione è quella di fargli un bagno. Lo stesso vale per il taglio di pelo, unghie o, quando dovete somministrare un farmaco.

E non c’è da meravigliarsi. Le ricerche effettuate dimostrano che l’intelligenza dei cani domestici è pari a quella di un essere umano di 2 anni. Ciò significa che sono in grado di comprendere il significato di circa 165 parole e possono comprendere il significato del linguaggio del corpo. Inoltre i cani utilizzano il contatto visivo e lo sguardo per esaminare cosa pensano le persone.

Inoltre i cani sono in grado di percepire alcune malattie che si possono manifestare nei loro proprietari. Diversi studi hanno confermato che possiedono la capacità di individuare il cancro attraverso il loro acuto senso dell’olfatto e possono anche essere addestrati per mettere in guardia i malati di epilessia quando stanno per avere le convulsioni.

La capacità di un cane di individuare la malattia si riduce alla capacità di rilevare sostanze chimiche note come composti organici volatili o COV. I COV sono ciò che ci permette di intuire l’odore e, anche se alcuni sono tossici, il termine è di solito applicato a qualsiasi prodotto chimico che può essere inalato attraverso il naso.

A seconda della razza, l’olfatto di un cane, può essere da 10.000-100.000 volte più potente di quello di un essere umano. Ciò significa che un cane può percepire un odore che è fino a 100.000 volte più debole dell’odore che può essere rilevato da un essere umano.