10 curiosità sugli acari che non conoscete

Gli acari sono aracnidi con molte curiosità. All'interno di questo gruppo sono state descritte circa 50.000 specie, alcune delle quali sono molto conflittuali per gli esseri umani.
10 curiosità sugli acari che non conoscete

Ultimo aggiornamento: 27 agosto, 2021

A volte i più grandi gruppi di esseri viventi in termini di biodiversità sono nascosti ai nostri occhi. Al di là dei sensi umani, ci sono una serie di animali microscopici essenziali per gli ecosistemi che hanno molteplici compiti, dalla degradazione della materia organica nell’ambiente alla parassitizzazione di altri esseri viventi. In questo articolo ci occuperemo di illustrarvi 10 curiosità sugli acari.

I ragnetti rossi, lunghi appena qualche millimetro, rappresentano una delle sottoclassi di aracnidi più diverse ed eccitanti dal punto di vista biologico. Se volete conoscere a fondo questi invertebrati, continuate a leggere i curiosi fatti che racconteremo su di loro.

10 curiosità sugli acari

1. Esistono più di 50.000 specie di acari

Prima di descrivere l’ecologia degli acari e i loro problemi con l’uomo, troviamo interessante inquadrarli a livello tassonomico. Innanzitutto è necessario sottolineare che la sottoclasse Acari è collocata all’interno della classe Arachnida. Ciò significa che le specie che ci interessano qui sono parenti di ragni, scorpioni, solifugi, opillionidi, amblipigi e zecche.

Finora sono state descritte circa 50.000 specie di acari, come indicano gli studi. Tuttavia, si stima che ce ne siano fino a 500.000 in più che non sono ancora stati scoperte o classificate. Senza dubbio, si tratta di uno dei più grandi gruppi biologici esistenti.

2. Sono i re del mondo microscopico

La maggior parte degli acari è caratterizzata dall’essere minuscola, poiché i loro corpi sono molto piccoli. Gli acari della polvere (genere Dermatophagoides), ad esempio, raggiungono a malapena le dimensioni di 0,2-0,3 millimetri. È interessante notare che le loro feci misurano ben 10 micrometri.

Tuttavia, va notato che non tutti gli acari sono invisibili all’occhio umano. Ad esempio, la specie Trombidium holosericeum raggiunge i 4 millimetri di lunghezza, con altri rappresentanti del suo genere che raggiungono quasi un centimetro. Come potete immaginare, questi esemplari possono essere visti senza l’ausilio di un microscopio.

Un esemplare di acaro rosso al microscopio.

3. Un piano corporeo comune tra le 10 curiosità sugli acari

Come aracnidi, tutti gli acari hanno alcune caratteristiche corporee comuni. Prima di tutto, è necessario sottolineare che il corpo è diviso in 2 sezioni o tagma. La regione cefalica  (gnatosoma o proterosoma a seconda della specie) contiene cheliceri e pedipalpi, molto importanti per la cattura del cibo e per poter parassitare alcuni ospiti.

L’idiosoma corrisponde invece al corpo dell’acaro senza contare le strutture cefaliche. Nella sua parte dorsale si trovano placche o scudi molto ornati in alcune specie utili per la classificazione tassonomica. Nel ventre si trovano invece gli orifizi genitali e anali.

La maggior parte delle specie ha 4 paia di zampe nella fase adulta.

4. Hanno organi di senso caratteristici

Gli acari non possono vedere come molti altri invertebrati, poiché la complessità del loro apparato capo è evidente per la sua assenza. Tuttavia, sul retro dell’idiosoma e sulle gambe presentano una serie di recettori sensoriali molto sensibili al tatto. Portano anche chemocettori nelle sezioni finali delle gambe I e II.

I chemocettori sono chiamati solenidia, famulus ed eupatidia in base alla loro morfologia.

5. Vivono nella polvere

Senza dubbio, gli acari che suonano di più all’essere umano sono gli acari della polvere, poiché vivono nelle nostre case e causano problemi di salute a più di uno. Dermatophagoides farinae e Dermatophagoides pteronyssinus sono le specie più comuni all’interno di questo gruppo, ma è necessario evidenziare che ci sono più di 20 i tipi di acari della polvere che abitano abitualmente le case.

Una delle curiosità degli acari della polvere è che si nutrono delle scaglie epidermiche di esseri umani e altri animali e di alcuni funghi microscopici. Le femmine vivono per circa 70 giorni e possono deporre più di 100 uova nelle ultime 5 settimane del loro ciclo di vita.

6. Allergia agli acari: un problema di salute pubblica

Il principale allergene che gli acari presentano nella loro struttura corporea è la tropomiosina, una proteina presente nei citoscheletri di actina di molti esseri viventi (compresi quelli che qui ci interessano). Alcuni degli enzimi presenti nelle feci causano anche una reazione, che può essere inalata direttamente a causa delle loro dimensioni microscopiche.

I sintomi più comuni dell’allergia agli acari sono tosse, occhi rossi, naso chiuso e peggioramento dell’asma nei pazienti che hanno già difficoltà respiratorie. Come indicato dal portaleHealthLine,gli antistaminici e la pulizia dell’ambiente sono i migliori alleati per chi soffre di allergie.

7. Alcuni acari sono parassiti degli animali

Sebbene la maggior parte degli acari che conosciamo siano innocui per altri animali, ci sono molte specie che parassitano direttamente su altri esseri viventi. Alcuni di loro si nutrono del sangue dei vertebrati, mentre altri succhiano l’emolinfa di insetti molto piccoli, come le formiche.

Un esempio in questa zona è l’acaro rosso degli uccelli, Dermanyssus gallinae. Questo parassita riposa durante il giorno in luoghi bui, ma di notte salta sui polli ruspanti e ne succhia il sangue. Gli esemplari con carichi parassitari molto elevati possono anche soffrire di quadri anemici.

8. Alcuni acari sono parassiti delle piante

Mentre gli acari animali parassiti sono un incubo per l’industria zootecnica, la parte peggiore è senza dubbio a carico del settore agricolo. La specie Tetranychus urticae è la più famosa su questo fronte, in quanto acaro polifago capace di parassitizzare centinaia di specie vegetali. Questo piccolo aracnide succhia il materiale dalle foglie delle piante cellula per cellula e finisce per ucciderle.

Un singolo parassita provoca lesioni insignificanti, ma quando ci sono migliaia di esemplari in una singola pianta, è molto probabile che finisca per morire perché non può fotosintetizzare.

9. Un’insolita capacità colonizzatrice tra le 10 curiosità sugli acari

Gli acari hanno colonizzato praticamente ogni ambiente del mondo, sia acquatico che terrestre. Per darvi un’idea della sua importanza ecosistemica, vi offriamo le seguenti informazioni: in 1 metro quadrato di sottobosco potete trovare più di 1 000 000 di acari appartenenti a 200 specie diverse. Questi esemplari a vita libera si nutrono di materia organica in decomposizione.

Ragno rosso su una pietra.

10. La maggior parte degli acari sono innocui

Come ultima delle curiosità degli acari, ci teniamo a sottolineare che la stragrande maggioranza di essi è innocua per l’uomo (a meno che non si sia allergici). Questi invertebrati sono responsabili della digestione della materia organica microscopica in decomposizione nell’ambiente e poco altro, quindi ucciderli ha poco senso.

Sfortunatamente, ci sono specie che possono danneggiare seriamente le colture e alcuni animali. Quindi, tanto rispetto quanto meritano come esseri viventi, ma a volte è necessario combattere attivamente gli acari per proteggere gli animali domestici e le verdure.

Potrebbe interessarti ...
Come riconoscere l’acariasi nei cani
I Miei AnimaliLeggi in I Miei Animali
Come riconoscere l’acariasi nei cani

Vi spieghiamo come riconoscere l'acariasi nei cani attraverso alcuni sintomi evidenti, come il prurito e la mancanza di appetito.



  • Fan, Q. H., & Zhang, Z. Q. (2005). Raphignathoidea (Acari: Prostigmata). Fauna of New Zealand, 52.
  • Mullen, G. R., & OConnor, B. M. (2019). Mites (Acari). In Medical and veterinary entomology (pp. 533-602). Academic Press.
  • Chandler, D., Davidson, G., Pell, J. K., Ball, B. V., Shaw, K., & Sunderland, K. D. (2000). Fungal biocontrol of Acari. Biocontrol Science and Technology, 10(4), 357-384.
  • Hughes, T. E. (1959). Mites or the Acari. Mites or the Acari.