10 curiosità sui pidocchi

I pidocchi sono animali che hanno la reputazione di essere fastidiosi e irritanti, ma si possono anche raccontare una serie di cose interessanti su di essi. Vi va di conoscerli?
10 curiosità sui pidocchi

Ultimo aggiornamento: 12 settembre, 2021

Le 10 curiosità sui pidocchi sono interessanti, ma sono veramente pochi quelli che vogliono conoscerli a livello biologico. Solo negli Stati Uniti, ogni anno, il parassita invertebrato della testa Pediculus humanus capitis infetta da 6 a 12 milioni di persone, soprattutto tra i 3 e gli 11 anni. Sebbene non sia un’immagine seria, è molto sgradevole e facile da trasmettere.

A nessuno piace sentire sulla testa la crescita di una popolazione di pidocchi, ma è necessario riconoscere che ci sono molte più specie all’interno del loro gruppo sul pianeta che non ci influenzano e riportano preziose conoscenze biologiche. Se volete scoprire altre curiosità su questi insetti invertebrati, continuate a leggere.

10 curiosità sui pidocchi che nessuno sa

1. Non esiste una sola specie di pidocchio

Gli umani hanno familiarità con la specie Pediculus humanus e le sue due sottospecie (capitis e humanus), ma la realtà è che ci sono molti più pidocchi. Tutti appartengono all’ordine degli insetti Phthiraptera, che comprende circa 5000 specie diverse di esapodi senza ali.

Tutti i pidocchi sono parassiti obbligati, che richiedono un ospite per nutrirsi e svilupparsi. Inoltre, sono in grado di parassitare tutte le specie di uccelli e mammiferi, ad eccezione di pangolini, monotremi (ornitorinchi ed echidne) e pipistrelli. Senza dubbio, la loro strategia evolutiva si basa sull’avvantaggiarsi degli altri.

Esistono più di 5000 specie di pidocchi, ma gli umani hanno più familiarità con il Pediculus humanus.

2. Tipi di pidocchi

I pidocchi possono essere classificati in 2 gruppi in base alle loro abitudini vitali. Questi sono i seguenti:

  • Pidocchi succhiatori: questi insetti ottengono il loro cibo succhiando le secrezioni sebacee, il sangue e altri fluidi prodotti dal corpo dell’ospite.
  • Pidocchi masticatori: sono spazzini e si nutrono dei resti di materia organica secreti dall’ospite durante la loro vita normale. Ciò include la desquamazione della pelle, frammenti di peli e piume e detriti trovati sulla superficie.

Alcuni pidocchi sono altamente specializzati e vivono solo sulla superficie di un ospite, mentre altri possono colonizzare vari sistemi biologici. Va anche notato che alcune specie limitano il loro raggio d’azione a una singola parte del corpo, ma altre possono parassitare l’intera superficie dell’animale finché il cibo è disponibile.

Un pidocchio visto al microscopio.

3. Un piccolo sguardo

Come indicato dalla Società Entomologica Aragonese, la maggior parte delle specie di pidocchi sono minuscole. La media è di 2-3 millimetri di lunghezza negli adulti, anche se alcuni esemplari eccezionali possono raggiungere quasi un centimetro. Inoltre, le loro teste sono ovali e il corpo è stretto, semitrasparente e molto appiattito a livello dorsoventrale.

Questi insetti non hanno ocelli e i loro occhi composti sono di dimensioni ridotte (o assenti). Anche le antenne sono molto semplici, quindi possiamo presumere che non siano abili a navigare nello spazio tridimensionale. Il colore è generalmente pallido o grigiastro, ma si scurisce con il tempo nelle specie che si nutrono del sangue di chi li ospita.

Il torace di questi insetti ha 3 segmenti fusi, ed hanno 6 zampe che terminano con artigli per attaccarsi all’essere che li ospita.

4. Specificità o generalismo?

Una delle curiosità sui pidocchi è che tendono ad essere altamente specializzati nelle specie che parassitano. Per questo motivo lo stato di conservazione di ogni specie dipende da chi li ospita: se l’essere in questione si estingue, anche il pidocchio si estingue. Questi insetti sono ottimi modelli per spiegare i processi di coevoluzione, cioè come parassiti-parassitati si sono evoluti nel tempo per adattarsi alla natura dell’altro.

5. Un ciclo di vita più semplice di quanto sembri tra le 10 curiosità sui pidocchi

I pidocchi sono insetti emimetabolici, subiscono una metamorfosi incompleta e i neonati sono più o meno simili agli adulti. Le loro fasi sono molto facili da citare: fase uovo, 3 stadi ninfali e fase adulta. Per raggiungere la maturità sessuale, la ninfa deve passare attraverso 3 mute esoscheletriche.

È curioso sapere che il 38% delle ninfe della specie Pediculus humanus capitis muore nei primi due giorni dopo la nascita in cattività. Si stima che il tasso di mortalità nell’ambiente naturale sia molto più alto, quindi questi insetti devono fare più affidamento sul numero di uova che producono che sulla qualità della loro prole.

Un pidocchio femmina depone in media 6 uova al giorno e vive 30 giorni. Per fare in modo che non si stacchino, li aderisce con la sua saliva alla superficie dell’ostia.

6. Quali specie colpiscono gli esseri umani?

Gli esseri umani sono colpiti solo da 2 specie di pidocchi tra le oltre 5000 descritte. Questi sono Pthirus pubis (pidocchio pubico) e Pediculus humanus. Va notato che quest’ultimo è diviso in altre 2 sottospecie in base alla sua area di distribuzione: P. humanus capitis (testa) e P. humanus humanus (corpo). Senza dubbio, nei paesi ad alto reddito la sottospecie della testa è più comune.

7. L’insetto con il genoma più piccolo al mondo

Il pidocchio del corpo umano è l’insetto con il genoma più elementare esistente. La lunghezza del suo DNA è di 108 megabasi (Mb), mentre quella dell’essere umano è di 3.200 Mb. Ciò significa che ha pochissime informazioni genetiche per codificare le proteine. Tuttavia, gli studi indicano che questo insetto mantiene una notevole quantità di DNA nonostante sia un parassita obbligato.

Il suo basso numero di geni ha reso il pidocchio del corpo umano utilizzato come modello in molteplici indagini.

8. Dati epidemiologici tra le 10 curiosità sui pidocchi

Da qui in poi, ci concentreremo un po’ di più sulle specie che colpiscono gli umani. Un’altra delle curiosità dei pidocchi (soprattutto quelli della testa) è che generano onde epidemiologiche in determinati periodi dell’anno nei bambini tra i 3 e gli 11 anni. Senza andare oltre, negli Stati Uniti vengono segnalati da 6 a 12 milioni di casi ogni anno.

La prevalenza varia dallo 0,7% al 59%, a seconda dell’area geografica analizzata. In ogni caso è un parassita che colpisce le donne più degli uomini, perché hanno più capelli ed è più difficile identificare larve e uova e liberarsene.

9. I pidocchi non possono volare

I pidocchi non hanno ali, quindi non possono volare da una testa all’altra per colonizzare un nuovo ospite. Tuttavia, sono in grado di “saltare” da umano a umano quando vedono un’opportunità favorevole. Questo di solito si verifica quando una persona infetta tocca una persona sana con la testa o quando qualcuno non infetto usa prodotti per la pulizia di un altro che lo è.

Inoltre, è necessario sottolineare che la presenza o l’assenza di pidocchi sul corpo di un essere umano non dipende dalla loro igiene. Sebbene la mancanza di igiene possa favorire la crescita delle ninfe e il carico di uova sia maggiore, alla fine l’infezione è arbitraria e conta solo essere abbastanza vicini a qualcuno infetto.

10. Gli altri animali non trasmettono i loro pidocchi

Come indica la Biblioteca Nazionale degli Stati Uniti, quasi ogni pidocchio è specifico della sua specie ospitante, almeno fino al livello del genere. Pertanto, se il vostro cane o il vostro coniglio ha i pidocchi, potete stare certo che non vi salteranno sulla testa e non cominceranno a vivere lì. Come abbiamo detto, la coevoluzione ospite-parassita è forte e richiede che entrambi si specializzino in quella relazione.

Cosa ne pensate di queste curiosità sui pidocchi? Sebbene questi invertebrati siano parassiti piuttosto fastidiosi per l’uomo, rappresentano anche un’ottima opportunità per esplorare il rapporto ospite-patogeno e i sacrifici che quest’ultimo deve compiere per adattarsi alla vita parassitaria. Anche se in testa non ci piacciono, in laboratorio possono darci molte risposte.

Potrebbe interessarti ...
Si possono contagiare i pidocchi tra uomo e animali?
I Miei AnimaliLeggi in I Miei Animali
Si possono contagiare i pidocchi tra uomo e animali?

Tanto le persone come gli animali, tra cui cani e gatti, possono contrarre i pidocchi. Il contagio di pidocchi tra umani e animali è però impossibi...