10 curiosità sui ragni cammello, questi sconosciuti

I ragni cammello sono aracnidi molto poco conosciuti dalla popolazione generale, che abitano luoghi aridi e inospitali.
10 curiosità sui ragni cammello, questi sconosciuti

Ultimo aggiornamento: 28 agosto, 2021

I ragni cammello o solifugi appartengono alla classe Arachnida. La loro forma è molto strana, costituiscono un gruppo relativamente piccolo e vivono in aree desertiche, quindi le persone nelle città europee e americane raramente hanno incontrato un esemplare nella loro regione. Volete conoscere 10 curiosità sui ragni cammello?

Questi affascinanti invertebrati sono innocui per l’uomo, hanno una processione vertiginosa e la scienza ha ancora molto da scoprire su di essi. In questa occasione, vi racconteremo 10 fatti interessanti che vi permetteranno di avvicinarvi ai solifugi direttamente da casa vostra, poiché localizzare un esemplare vivo è piuttosto difficile.

10 curiosità sui ragni cammello

1. Non sono ragni

Innanzitutto va notato che i solifugi sono aracnidi (classe Arachnida ), ma non appartengono all’ordine Araneae. Non sono scorpioni, né amblipigi, né acari, né opilionidi: nonostante il loro nome comune, hanno formato un proprio taxon battezzato come ordine Solifugae.

L’ordine che raccoglie tutti i ragni cammello conta circa 1000 specie suddivise in 153 generi. Per darvi un’idea, si stima che ci siano più di 49.600 specie di ragni, 6.500 di opilioni e 2.500 di scorpioni, quindi il gruppo dei solifugi è uno dei più piccoli all’interno degli aracnidi.

I ragni cammello sono aracnidi, ma non appartengono allo stesso ordine dei ragni. Non lasciatevi ingannare dal loro nome comune.

2. I ragni cammello hanno un corpo unico

I solifugi hanno un piano corporeo comune che è simile a quello del resto degli aracnidi. Ad esempio, hanno un cefalotorace (in cui compaiono gli occhi, i cheliceri, i pedipalpi e le 4 paia di zampe in marcia) e un addome a 10 segmenti, con il gonoporo e le stimmate respiratorie nella sezione ventrale.

Una delle curiosità più sorprendenti dei ragni cammello sono i loro cheliceri. Mentre nei ragni e negli scorpioni questi sono piuttosto piccoli, nei solifugi sono allungati, occupando praticamente l’intera regione della testa e conferendo loro un aspetto molto aggressivo. Inoltre, queste strutture sono bi-articolate: hanno un “dito fisso” e un “dito mobile”, che conferisce loro la funzione di pinza.

Colpiscono anche i pedipalpi, poiché hanno una morfologia diversa da quella delle zampe e servono soprattutto a tastare il suolo.

Un gigantesco solifuge su sfondo bianco.

3. Varie dimensioni tra le 10 curiosità sui ragni cammello

I ragni cammello si presentano in diverse forme e colori, sebbene quasi tutte le specie siano caratterizzate dalla loro tonalità crema e dai loro peli sul corpo e sulle zampe. Per quanto riguarda le dimensioni ci sono non poche differenze: la specie europea Gluvia dorsalis misura circa 3 centimetri di lunghezza, mentre il Galeodes arabicus raggiunge facilmente i 15 centimetri di altezza.

Quest’ultima specie è di grande interesse, poiché si distingue anche per il tono del corpo nero e l’aspetto robusto. Sembra quasi più uno scorpione che un solifugo, ma dobbiamo ricordare che i ragni cammello formano il proprio ordine e gli altri aracnidi sono i loro parenti, non analoghi.

4. I ragni cammello sono attratti dalla secchezza

I solifugi sono indicatori endemici della presenza di un deserto nelle vicinanze. Ciò significa che se ne vedete uno, siete in una zona asciutta o state per raggiungerla. Nonostante la loro chiara relazione con le aree desertiche, va notato che alcune specie hanno colonizzato anche luoghi semi-aridi e praterie mediterranee. Si sono diffusi in tutto il mondo, ad eccezione dell’Australia e dell’Antartide.

Alcune poche specie abitano le foreste, ma questo non è un fenomeno comune.

5. Sono animali notturni

Le curiosità dei ragni cammello non sono tutte presenti qui, poiché ci sono ancora molte informazioni mancanti sull’ecologia di questo ordine. In ogni caso, si sa che sono animali per lo più notturni, anche se alcuni si avventurano a fare incursioni durante il giorno.

Come indicato dalla Società Entomologica Aragonese, la Gluvia dorsalis è una delle specie più studiate in termini di abitudini, principalmente perché è l’unico solifugo della Penisola Iberica. In Spagna, questo ragno cammello trascorre l’inverno in letargo nella sua tana, poi esce di notte durante i mesi primaverili ed estivi per nutrirsi e riprodursi.

6. Predatori, come quasi tutti gli aracnidi

Forse dall’aspetto dei cheliceri sospettavate già che i ragni cammello fossero predatori, giusto? Sebbene non abbiano ghiandole velenose come altri loro parenti, questi invertebrati presentano un apparato boccale che può raggiungere fino a 1/3 della loro lunghezza corporea. I solifugi catturano le loro prede con i cheliceri e le fanno a pezzi per mangiarle.

Questi aracnidi si nutrono di termiti, coleotteri, cavallette e qualsiasi invertebrato terrestre che incontrano sulla propria strada. Sono anche spazzini opportunisti, essendo stati visti mangiare carcasse di topi, serpenti e persino piccoli uccelli. Nel deserto nulla va sprecato.

7. Velocità tra le 10 curiosità sui ragni cammello

Un’altra delle curiosità dei ragni cammello è che sono abbastanza veloci, almeno se li confrontiamo con altri aracnidi della loro taglia. Come indica il National Geographic, possono raggiungere le 10 miglia orarie in gara, in altre parole, i 16 km/h. Sono esseri ectotermi (a sangue freddo) che vivono in luoghi molto caldi, quindi possono “permettersi” di spendere le loro energie correndo.

La temperatura dei ragni cammello dipende dall’ambiente. Poiché questo tende ad essere molto alto negli ambienti secchi, il loro metabolismo può accelerare.

8. Si hanno poche informazioni sulla loro riproduzione

Finora non sono state rilevate fonti che indichino la possibilità di riprodurre questa specie in cattività. Si ritiene che i maschi di una specie si sincronizzino e appaiano malaticci per le femmine, perché durante questo periodo non si nutrono, non si riparano nelle tane, né si fermano per riposare. Vivono molto poco, quindi la loro unica missione è la fecondazione.

È stato riscontrato che la riproduzione dei ragni cammello avviene in 3 fasi: “assalto”, “collocamento femminile” e “inseminazione”. L’intera procedura può essere eseguita nel giro di mezzo minuto: il maschio sorprende la femmina, la pone in una posizione di assoluta sottomissione e la feconda. Dopodiché, fugge alla ricerca di un altro partner.

9. Madri nelle tane

Una volta fecondata, la femmina continua con la sua vita normale. Tuttavia, aumenta drasticamente la sua voracità e inizia a costruire una tana molto ampia, usando i suoi cheliceri come un bulldozer. La madre deporrà da 50 a 200 uova in breve tempo e rimarrà con loro fino alla schiusa, circa 12 ore dopo.

I giovani non sono ancora completamente sviluppati quando si schiudono dall’uovo, quindi presentano una forma larvale e immobile e si nutrono delle riserve di tuorlo. È dalla loro prima muta esoscheletrica che iniziano a condurre una vita normale, sebbene con una taglia molto più piccola di quella degli adulti.

I ragni cammello muoiono da 9 a 10 volte prima di raggiungere la maturità sessuale.

Uno dei ragni cammello.

10. L’essere innocui tra le 10 curiosità sui ragni cammello

Come ultima delle curiosità dei ragni cammello, vogliamo sottolineare che sono animali innocui, poiché mancano di ghiandole velenose o pungiglioni che iniettano tossine. Il loro morso è piuttosto doloroso, ma un esemplare non vi attaccherà mai, a meno che non mettiate le dita nei cheliceri o proviate a calpestarlo.

Per questo motivo, se un giorno avrete la fortuna di trovare un essere di questo ordine nella vostra casa, non uccidetelo in nessun caso. Raccoglietelo con un bicchiere o una scatola e portatelo in giardino, poiché terrà a bada gli insetti nocivi che potrebbero presentarsi.

Potrebbe interessarti ...
Le tre tecniche di caccia dei ragni
I Miei AnimaliLeggi in I Miei Animali
Le tre tecniche di caccia dei ragni

Le tecniche di caccia dei ragni variano tanto quanto le loro dimensioni e colori. Scopriamo di più su come cacciano i ragni in quest'articolo.



  • Orden Solifugae, Sociedad Entomológica Aragonesa. Recogido a 18 de agosto en http://sea-entomologia.org/IDE@/revista_19.pdf
  • Hrušková-Martišová, M., Pekár, S., & Cardoso, P. (2010). Natural history of the Iberian solifuge Gluvia dorsalis (Solifuges: Daesiidae). The Journal of Arachnology, 38(3), 466-474.
  • Maury, E. A. (1982). Solifugos de Colombia y Venezuela (Solifugae, Ammotrechidae). Journal of Arachnology, 123-143.
  • de Armas, L. F. (2004). Arácnidos de República Dominicana: Palpigradi, Schizomida, Solifugae y Thelyphonida (Chelicerata: Arachnida). Sociedad Entomológica Aragonesa, Grupo Ibérico de Aracnología.