4 motivi per evitare il cibo secco per cani

6 Novembre 2019
I croccantini sono un modo semplice per nutrire i cani, che i nostri amici a quattro zampe apprezzano molto. Ma hanno anche alcuni lati negativi. È meglio il cibo secco o il cibo umido?

In questo articolo, vi diciamo alcuni motivi per evitare il cibo secco per cani. Il cibo secco e il cibo umido per cani si sono evoluti nel secolo scorso per diversi motivi. In primo luogo, prima della seconda guerra mondiale, il cibo per cani che veniva commercializzato veniva venduto in barattoli di vetro o metallo.

Ad un certo punto, la produzione di cibo per cani in scatola è diminuita ed è stata sostituita da cibi misti. Questi erano di scarsa qualità, poiché gli ingredienti provenivano da resti di animali non adatti al consumo. D’altra parte, solo nelle grandi città o nelle aree di allevamento era possibile trovare cibo per cani. Nelle aree rurali, i cani venivano nutriti con gli avanzi del cibo umano.

La situazione rimase tale fino all’arrivo degli anni ’80 e ’90. Fu allora che il possesso di cani e gatti come animali domestici aumentò. Di conseguenza, le esigenze dei padroni hanno costretto l’industria del cibo per animali ad adeguarsi. Vediamo insieme alcuni motivi per evitare il cibo secco per cani.

Cibo secco per cani: l’importanza della qualità

Non vogliamo dire che il cibo secco per cani sia il modo peggiore per nutrire il vostro animale domestico. Tuttavia, è un dato di fatto che ci sono croccantini di qualità peggiore rispetto ad altri.

Prebiotici per cani

Un’alimentazione di qualità di solito ha un prezzo elevato, anche se un cibo più costoso non sempre significa che è migliore. Questo perché ci sono marchi affermati sul mercato la cui qualità è dubbia, ma spendono migliaia di euro in pubblicità.

Alta concentrazione di cereali

Il cane è un animale carnivoro facoltativo. Ciò significa che la sua principale fonte di energia è la carne. Tuttavia, a causa della loro evoluzione e del processo di addomesticamento, i cani possono tollerare altre fonti alimentari.

Generalmente, i croccantini contengono elevate concentrazioni di grano, mais o soia come fonte di proteine. A volte, questi ingredienti possono essere i più abbondanti, poiché abbassano i prezzi ed ingannano il consumatore.

Il padrone pensa di nutrire correttamente il suo animale domestico perché nella parte principale del pacchetto pubblicizzano “con pollo fresco” e, tuttavia, la quantità di pollo e le sue parti sono minime.

Questa grande quantità di cereali può aumentare il rischio che il nostro animale domestico soffra di una dilatazione gastrica, tra le altre patologie.

I conservanti sono dannosi

I cibi commerciali, per mantenere la corretta condizione degli alimenti e prolungarne la durata, contengono conservanti. Durante questo processo il cibo viene compresso e disidratato attraverso variazioni di pressione e temperatura.

Questo processo influenza, in misura maggiore o minore, i diversi nutrienti contenuti nel cibo secco per cani. A volte, il cibo deve contenere additivi che consentano il corretto assorbimento dei nutrienti da parte del cane. Inoltre, possono contenere una maggiore concentrazione di alcuni oligoelementi, poiché molti vengono persi durante la compressione.

Tutto ciò rende il cibo per cani un alimento ultra elaborato. Possiamo trovare croccantini di qualità migliore o peggiore, ma non può mai essere paragonato a una dieta equilibrata basata su cibi freschi e naturali.

Osso per il cane

Salute dentale e cibo per cani secco

Recentemente, è stato dimostrato che una dieta basata esclusivamente su cibo secco può influire negativamente sulla salute dentale del cane. Per cui, ecco altri motivi per evitare il cibo secco per cani.

Inoltre, a differenza di quanto si pensi, l’uso dei croccantini non riduce l’accumulo di tartaro sui denti del cane. L’unico modo naturale per rimuovere il tartaro è attraverso l’uso di ossa grezze.

Secondo diversi studi, offrire ossa di mucca crude al vostro animale domestico, una volta ogni due settimane per circa 10 minuti, è sufficiente per ridurre il tartaro.

  • H. de Animales, (2010). Guías para la evaluación nutricional de perros y gatos de la Asociación Americana Hospitalaria de Animales (AAHA). J Am Anim Hosp Assoc46(4).
  • Gaviria Arango, J. (2016). Alimentación general y especializada para mascotas en una empresa productora de alimentos balanceados para animales (Doctoral dissertation, Corporación Universitaria Lasallista).
  • Logan, E. I., Finney, O., & Hefferren, J. J. (2002). Effects of a dental food on plaque accumulation and gingival health in dogs. Journal of veterinary dentistry, 19(1), 15-18.
  • Marx, F. R., Machado, G. S., Pezzali, J. G., Marcolla, C. S., Kessler, A. M., Ahlstrøm, Ø., & Trevizan, L. (2016). Raw beef bones as chewing items to reduce dental calculus in Beagle dogs. Australian veterinary journal, 94(1-2), 18-23.
  • Raghavan, M., Glickman, N. W., & Glickman, L. T. (2006). The effect of ingredients in dry dog foods on the risk of gastric dilatation-volvulus in dogs. Journal of the American Animal Hospital Association, 42(1), 28-36.
  • Tran, Q. D., Hendriks, W. H., & van der Poel, A. F. (2008). Effects of extrusion processing on nutrients in dry pet food. Journal of the Science of Food and Agriculture, 88(9), 1487-1493.