6 disturbi autunnali nei cani che bisogna conoscere

21 Ottobre 2019
Ecco qui i 6 più comuni disturbi autunnali dei cani. Alcuni potete prevenirli, mentre con altri purtroppo bisogna convivere.

Molte persone amano i mesi di settembre e ottobre, anche se in questo periodo dell’anno possono insorgere diversi disturbi autunnali nei cani. Durante l’autunno le foglie cambiano colore e arrivano i venti freddi che precedono l’inverno. Finalmente una pausa dal caldo implacabile dell’estate!

Sfortunatamente, l’autunno comporta anche una serie di rischi per i cani, poiché il freddo li rende maggiormente inclini alle malattie. Ecco alcune delle problematiche più comuni nei cani durante questo periodo:

Disturbi autunnali nei cani

1. Abbassamento delle difese immunitarie

Come capita a tutti gli animali, anche nei cani in autunno si verifica un brusco abbassamento delle difese immunitarie. La minor quantità di vitamina D, che l’organismo assume dal sole durante l’estate, rende più debole il sistema immunitario. Per questo motivo in autunno i cani tendono ad ammalarsi più facilmente che in altri periodi dell’anno.

L’abbassamento delle difese immunitarie può essere facilmente contrastato con un’alimentazione adeguata. Una maggior somministrazione di sostanze nutritive può evitare la debilitazione del sistema immunitario e l’insorgere di disturbi autunnali nei cani.

2. Leishmaniosi, uno dei più gravi disturbi autunnali nei cani

Poiché il sistema immunitario dei cani è più debole in autunno, il rischio di contaminazione da batteri e virus è maggiore.

La leishmaniosi viene trasmessa da una zanzara le cui uova si schiudono a fine estate e che impiega alcune settimane per arrivare alla fase adulta. Per tale motivo, è necessario prestare grande attenzione ai sintomi: ricordatevi che questa malattia deve essere trattata da un veterinario.

La leishmaniosi è uno dei più gravi disturbi autunnali nei cani

3. Tosse del canile

Tosse del canile è il nome colloquiale della tracheobronchite, uno dei disturbi che si verificano con più frequenza nei cani in autunno. Il rischio di contagio è molto elevato nei luoghi frequentati da più cani: parchi, aree per cani e canili sono le zone più a rischio.

La tosse del canile è una malattia simile all’influenza, che causa starnuti e può provocare febbre. In alcune occasioni, la tosse del canile passa da sola in qualche giorno. Tuttavia, si raccomanda sempre di portare il cane dal veterinario affinché possa ricevere adeguate cure mediche.

4. Parassiti

Contrarre parassiti è un rischio a cui il cane è esposto nel corso di tutto l’anno, ma che aumenta ulteriormente in autunno. Le pulci e le zecche si diffondono da un cane all’altro anche durante le passeggiate, perché in questa stagione il freddo non è sufficientemente forte da eliminarle.

Eliminare completamente un’infestazione di pulci o zecche può essere piuttosto difficile. Inoltre, questi parassiti portano con sé anche altri pericoli: molte malattie si diffondono attraverso le punture delle zecche. Chiedete al veterinario qual è la migliore opzione preventiva per il vostro cane.

5. Artrosi

Sfortunatamente,l’artrosi è una delle problematiche che si riscontrano più facilmente nei cani anziani. Si tratta di una condizione piuttosto dolorosa e che non può essere curata: il padrone di un cane con artrosi può solamente alleviarne i sintomi.

Durante l’autunno le temperature diminuiscono e, per questo motivo, i dolori aumentano. Per evitare i dolori dell’artrosi, i cani vanno tenuti al caldo: coperte spesse e cuscini comodi allevieranno il dolore causato da questa problematica. Quando uscite per una passeggiata, fate indossare al cane un cappotto morbido con sopra un impermeabile per ripararlo dalla pioggia.

muta del pelo nei cani

6. Muta del pelo, tra i disturbi autunnali nei cani più fastidiosi

Anche se non si tratta di una vera e propria malattia, la muta del pelo è un fenomeno che può influenzare la salute del cane.

I cani cambiano il pelo durante l’intero corso dell’anno, tuttavia, questo processo accelera nel periodo del cambio di stagione, in particolare dall’estate all’autunno. Ciò accade perché durante l’estate il pelo si sfoltisce, fino a diventare molto leggero. In questo modo, i cani riescono a smaltire un po’ più di calore e a mantenersi più freschi.

Quando arriva l’autunno, il manto estivo diventa inutile. I venti freddi fanno sì che il pelo dei nostri cambi nuovamente, per diventare più folto. Durante la muta, è necessario spazzolare bene il manto del cane: in questo modo rimuoverete i peli morti e il manto crescerà più sano.

Se il pelo vecchio non viene rimosso, il cane potrebbe soffrire di problematiche legate al mantello o di eccesso di acari. Ciò potrebbe provocare vesciche o allergie anche difficili da gestire.

La cosa più importante durante l’autunno è tenere il cane al caldo ed evitare gli sbalzi di temperatura. Inoltre, cercate di adattare l’alimentazione in modo da somministrare all’animale una maggiore quantità di vitamine B, C e D. In questo modo, ridurrete le carenze nutritive che potrebbero causare problemi al sistema immunitario.

Se il vostro cane soffre di alcuni di questi problemi autunnali, non preoccupatevi: sono abbastanza comuni. Naturalmente, se l’animale inizia a mostrare sintomi di malattia, portatelo subito dal veterinario!