7 sostanze nocive per il vostro gatto

Rimarrete sorpresi nello scoprire quali sono le sostanze che possono essere nocive per il vostro gatto e che abbiamo comunemente in casa!
7 sostanze nocive per il vostro gatto

Ultimo aggiornamento: 08 aprile, 2021

È importante sapere quali sono le sostanze nocive per il vostro gatto, soprattutto se pensiamo che molte di queste si trovano comunemente in casa. Queste informazioni possono essere cruciali, vista la grande curiosità di questi felini.

La casa può diventare un luogo pericoloso per il vostro gatto, per cui è una nostra responsabilità creare un ambiente sicuro per lui. Ovviamente quello che vi presentiamo in questo articolo non è un elenco esaustivo. Ci auguriamo che serva a sottolineare l’importanza di affrontare questo problema per prevenire incidenti che possono essere fatali.

7 sostanze nocive per il vostro gatto

1. Erbe

Non allarmatevi, le erbe più comuni come basilico, rosmarino e aneto sono sicure per i gatti. Per non parlare dell’erba gatta.

Tuttavia, altre piante ed erbe possono essere nocive per i gatti, poiché possono causare battito cardiaco accelerato, vomito, diarrea o persino la morte. Queste erbe pericolose per la loro vita includono la digitale purpurea, la consolida maggiore, l’aloe e il ricino.

Gatto vicino ad una pianta.
L’aloe vera è una delle piante comuni nocive per i gatti.

2. Piante d’appartamento

Ci sono molte piante d’appartamento che sono tossiche e addirittura letali per i gatti, tra cui azalee, gigli e stelle di Natale. L’ingestione di foglie e semi può causare vomito, diarrea e persino la morte.

Secondo gli esperti, i gigli sono uno dei problemi di tossicità più comuni per i gatti domestici. La ragione? Molte persone semplicemente non sanno che tutte le parti di un giglio (generi Lilium ed Hemerocallis) sono velenose per i gatti. Ciò include i petali, gli stami e persino l’acqua nel vaso che li contiene. Se avete un gatto, sappiate che non potete tenere dei gigli in casa o in giardino.

Sostanze nocive per i gatti. Gatto con il muso sporco di polline.

Altre piante come il giglio della pace, la pianta del rosario e la calla non causano insufficienza renale. Tuttavia, queste piante contengono cristalli di ossalato, che possono causare sintomi minori, come irritazione alla bocca, alla lingua, alla gola e all’esofago.

3. Caffeina, tra le sostanze più nocive per il vostro gatto

Tra le sostanze comuni nocive per il vostro gatto c’è la caffeina. Ci sono molti modi in cui un gatto può assumere caffeina, dato che è presente in: caffè, tè, soda, bevande energetiche, integratori per il sollevamento pesi e persino nelle pillole dimagranti.

Gatto di fronte ad una tazza.

La caffeina nei gatti, anche in quantità moderate, ha effetti potenzialmente letali. L’ingestione può causare aritmia cardiaca, problemi al pancreas, aumento della pressione sanguigna e danni agli organi.

4. Sostanze nocive per i gatti: il cioccolato

Il cioccolato contiene l’alcaloide teobromina, che è tossica per i gatti. Contiene anche caffeina e può contenere zucchero. Se il vostro gatto accidentalmente mangia del cioccolato, può manifestare un ritmo cardiaco anormale, tremori, convulsioni e può persino morire. Più il cioccolato è fondente, più è pericoloso per un felino.

Bisogna assolutamente evitare il contatto con i prodotti da forno al cioccolato e persino con i prodotti da giardino a base di cacao.

5. Farmaci

Esistono diversi farmaci relativamente sicuri per gli altri animali che invece sono molto dannosi per i gatti. Questo elenco include aspirina, paracetamolo, antistaminici, decongestionanti, ibuprofene, FANS, salicilati e clisteri di fosfato di sodio.

I farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS) possono causare grave insufficienza renale e ulcere gastriche. Senza un trattamento adeguato, le conseguenze possono essere fatali.

Dovrete sempre assicurarvi che i farmaci che state somministrando al vostro gatto siano sicuri e specifici per i felini. Chiedete consiglio al veterinario prima di somministrare dei farmaci da soli. E, naturalmente, tenete sempre l’armadietto dei medicinali in un punto che un gatto non possa raggiungere.

6. Insetticidi

L’avvelenamento da insetticidi domestici è abbastanza comune, anche a causa di un trattamento inappropriato con un medicinale topico – destinato all’uso nei cani – per combattere pulci e zecche.

L’esposizione a insetticidi, come prodotti per prati e giardini, spray e polveri avviene quando un gatto si muove all’interno di un’area trattata. Questi casi generalmente sono causa di avvelenamenti che vanno da lievi a moderati.

I casi più gravi si verificano con l’esposizione a farmaci per gli ectoparassiti canini. Questi prodotti contengono piretrine o piretroidi, che sono altamente tossici per i gatti. Di solito, dopo l’applicazione, i gatti possono leccare se stessi o altri cani che vivono con loro.

Gatto che prende una pillola.


7. Naftalina

Gli animali domestici possono essere attratti dal curioso odore della naftalina, ma questa rappresenta una minaccia grave per la salute degli animali domestici.

L’inalazione dei vapori della naftalene provoca difficoltà respiratorie, irritazione agli occhi e molti altri sintomi. L’ingestione provoca intossicazione che porta a danni al fegato, insufficienza respiratoria, convulsioni, aritmia cardiaca e possibilità di morte. Ingerire una singola pallina di naftalina può causare malattie significative sia ai cani che ai gatti.

In caso di dubbio, consultate il veterinario o un esperto di antiveleni. Evitate di esporre il vostro gatto alle sostanze nocive e non tenete sempre presente che solo perché qualcosa sembra inaccessibile, un gatto non sarà in grado di raggiungerla.

Potrebbe interessarti ...
Piante velenose per gli animali: ecco quali sono
I Miei AnimaliLeggilo in I Miei Animali
Piante velenose per gli animali: ecco quali sono

Esistono delle incompatibilità tra alcune piante domestiche e gli animali. Per questo, è utile conoscere il nome delle piante velenose per i nostri...



  • Panziera, W., Schwertz, C. I., Henker, L. C., Konradt, G., Bassuino, D. M., Rodrigues, R., … & Sonne, L. (2019). Lily poisoning in domestic cats. Acta Scientiae Veterinariae. Porto Alegre, RS. Vol. 47, supl. 1 (2019), Pub. 357, 5 p.
  • Cortinovis, C., & Caloni, F. (2013). Epidemiology of intoxication of domestic animals by plants in Europe. The Veterinary Journal, 197(2), 163-168.
  • Cortinovis, C., & Caloni, F. (2016). Household food items toxic to dogs and cats. Frontiers in veterinary science, 3, 26.
  • Gupta, P. K. (2019). Food Hazards. In Concepts and Applications in Veterinary Toxicology (pp. 289-300). Springer, Cham.