L’importanza dell’addestramento e dell’educazione nei cani

· 21 novembre 2018

Da qualche anno, la professione di istruttore cinofilo sta vivendo una tappa davvero molto florida Tuttavia, non possiamo dimenticare che la chiave di questo boom va cercata nell’abilità e la bravura nell’addestramento degli istruttori.

Nuovi studi, anche in ambito psicologico, permettono oggi di avere un approccio diverso alla formazione di questi straordinari animali domestici. Proprio per questo, diventa cruciale scegliere bene il tipo di addestramento ed educazione nei cani

Cos’è l’addestramento cinofilo?

Un istruttore cinofilo insegna trucchi ai cani, migliorando alcuni suoi comportamenti.

Quelli di base sono sedersi e non tirare il guinzaglio, ma il livello di difficoltà può essere innalzato fino all’allenamento previsto, ad esempio, nel caso dei cani da salvataggio.

Un allenatore insegna all’animale a fare qualcosa indipendentemente dalle circostanze in cui ciò viene chiesto. Un cane ben addestrato può rispondere a tali comandi in qualsiasi momento, diventando molto affidabile.

Questo succede perché i formatori insegnano gli ordini in modo difficilmente eguagliabile dai padroni. Si tratta di professionisti qualificati che sfruttano sistemi di insegnamento che pochi conoscono.

Se il vostro cane tira troppo il guinzaglio e vi recate da un istruttore cinofilo, gli insegnerà a camminare accanto a voi in modo normale.

A prescindere dal tipo, razza o dimensione, i risultati vi sorprenderanno, nella maggior parte dei casi.

Se il vostro cane tende ad allontanarsi, per annusare qualcosa che gli sembra interessante, dopo l’addestramento, non si muoverà mai senza il vostro permesso.

Addestramento del cane

L’allenatore lavora molto con il cane e poco con il proprietario: in caso di un addestramento più complesso, può anche passare giornate intere con il cane, nelle strutture del centro cinofilo.

Cioè, il proprietario ha poco da fare nella formazione: l’animale domestico ripeterà quindi gli ordini impartiti. Ritornare a casa, sarà un semplice passaggio di consegne tra istruttore e padrone.

Educazione nei cani: di cosa si tratta?

Al contrario, un educatore cinofilo insegna al cane a comportarsi senza ordini. Ossia lavora con le emozioni e il comportamento generale dell’animale.

Cioè, se il vostro amico a quattro zampe tira il guinzaglio, l’educatore cinofilo gli insegnerà a stare calmo fuori casa, e l’animale smetterà di strattonarvi durante le passeggiate quotidiane.

Un educatore cinofilo risolve problemi comportamentali, non insegna comandi. In questo senso, se un cane mostra aggressività nei confronti di altri cani, il professionista scoprirà le cause del comportamento. In questo modo affronta il problema alla radice.

Da parte sua, un istruttore insegnerebbe l’ordine di non reagire rispetto allo stimolo ricevuto da altri cani, quindi si potrebbe dire che “maschera” il problema.

Gli educatori tengono conto dello stato mentale del cane e della sua situazione familiare, per poter realizzare la formazione.

Pertanto, gestiscono lo stress che colpisce il cane di giorno e cercano di analizzare e migliorare la comunicazione con la sua famiglia umana, tra le altre cose.

Ecco perché gli educatori lavorano di più con i padroni e meno con i cani. In realtà, l’apprendimento è fatto a casa e un educatore non passa mai troppo tempo con l’animale su cui interviene.

Il suo obiettivo è insegnare alla famiglia come risolvere i problemi e verificare i progressi. Ogni caso è diverso e il trattamento da seguire è personalizzato e appropriato per ogni singola situazione.

Addestratore alle prese con un pastore belga

Il ruolo cruciale dell’addestramento e dell’educazione nei cani

In realtà, questi due professionisti cinofili non si escludono mai a vicenda. Anzi, il loro lavoro è ottimale quando si riesce a complementare i benefici che entrambi possono trasmettere a cani e proprietari.

Spesso e volentieri, infatti, queste due figure professionali combaciano, offrendovi dunque una varietà di alternative in base elle esigenze di ogni cane.

Tanto per fare chiarezza, un istruttore non può insegnare a un cane a praticare uno sport se non riesce a gestire i suoi livelli di stress. In primo luogo, lavorerà sulle sue emozioni (mettendosi nei panni dell’educatore) e poi gli insegnerà gli ordini dello sport che vuole praticare (proprio come farebbe un addestratore).

D’altra parte, un educatore può utilizzare indicazioni concrete per risolvere problemi comportamentali.

Come quando il cane tende a fuggire, insegue tutto ciò che si muove o chiede continuamente cibo. Il trattamento cambia in base alla problematica da affrontare.

Il professionista vi fornirà delle linee guida per un tempo limitato. Vi insegnerà dunque degli ordini, proprio come farebbe un istruttore.

Per ottenere il massimo dall’addestramento e dall’educazione dei cani, com’è facile intendere, conviene pianificare un percorso a metà tra il lavoro di istruttore ed educatore cinofilo.

Da un lato, è fondamentale formare e preparare il cane in modo pratico. Dall’altro è cruciale affrontare tematiche di tipo psicologico e studiare la relazione tra famiglia e animale domestico.

Trovare un professionista adeguato per il vostro cane

Se il vostro amico a quattro zampe ha un problema di comportamento o volete insegnargli dei trucchi, potete sicuramente rivolgervi a un professionista che vi aiuterà di buon grado.

Ma come si fa a scegliere un istruttore cinofilo o un educatore? Seguite questi semplici ma efficaci consigli:

  • Controllate le opinioni e le valutazioni di altri clienti.
  • Assicuratevi che non lavori usando il rinforzo negativo (punizioni, collari a spillo, elettrici o a soffocamento).
  • Mostra interesse e si preoccupa per le esigenze contingente di ogni esemplare.
  • Non basa il suo lavoro sulla teoria del dominio ma sugli studi scientifici più moderni.
  • Verificate diplomi, titoli e licenze del centro, che devono essere pubblici.

Un buon professionista conosce l’importanza dell’addestramento e dell’educazione nei cani e pratica entrambe le professioni per aiutare i propri clienti nel miglior modo possibile.

Inoltre, realizza il suo loro lavoro senza violenze, né castighi o punizioni. Se vi rivolgete a un educatore o un istruttore cinofilo e pensate che stia facendo del male al vostro cane, lasciate quel centro e cercatene un altro.