Ara blu: habitat e caratteristiche di un uccello magnifico

Appartenente al gruppo di pappagalli, l'ara blu mostra comportamenti sorprendenti, come l'imitazione o la ripetizione di suoni e parole.
Ara blu: habitat e caratteristiche di un uccello magnifico

Ultimo aggiornamento: 22 maggio, 2021

Molti uccelli dai colori vivaci, come l’ara blu, sono abitanti originari del Sud America. Questo prezioso uccello abita una buona parte del Brasile, della Bolivia e del nord del Paraguay. Inoltre, va notato che è la specie più grande all’interno del gruppo di are.

Sfortunatamente, oggi questa specie è in uno stato vulnerabile. I bracconieri rendono la ricerca su questo animale sempre più difficile, così come la conoscenza dei suoi comportamenti e caratteristiche. Continua a leggere se vuoi saperne di più sull’ara blu.

Caratteristiche fisiche dell’ara blu

L’ara blu ( Anodorhynchus hyacinthinus ) è un uccello psittaciforme appartenente alla famiglia degli Psittacidae. All’interno di questo gruppo si trovano gli uccelli comunemente noti come pappagalli. A sua volta, questa famiglia comprende are, pappagalli e altri uccelli simili, situati in America e in Africa.

Quando si confrontano questi uccelli, è facile concludere che condividono tutti una serie di caratteristiche comuni. Tuttavia, l’ara blu si distingue dai suoi parenti per i suoi splendidi colori e per alcuni comportamenti.

Un paio di are blu.

1. L’ara blu è il pappagallo più grande del mondo

Rispetto al resto dei suoi parenti, Anodorhynchus hyacinthinus raggiunge i 90-100 centimetri di lunghezza e un’apertura alare fino a 140 centimetri. Questo lo rende il più grande pappagallo attualmente conosciuto. Inoltre il suo peso oscilla tra 1,5 e 1,7 chili, cifra non trascurabile per un uccello.

2. La sua tonalità blu intenso è inconfondibile

La tonalità colorata di questo Ara lo rende un bersaglio visivo irresistibile per i turisti. Il suo potente tono blu – che ricorda l’indaco – è accompagnato da ali e da una coda molto lunga, la cui parte inferiore è nera.

Inoltre, la base del becco e l’anello perioculare si presentano di colore giallo. Non stupisce quindi che questa specie sia considerata uno degli uccelli più colorati, insieme al lorichetto arcobaleno e ad altri rappresentanti.

3. Il suo becco ricurvo e appuntito si adatta alla sua alimentazione

Charles Darwin ha stabilito che i becchi degli uccelli svolgono una funzione essenziale: sono il loro strumento chiave nella dieta. Nel caso dell’ara blu, il cibo principale sono le noci. Questo frutto proviene da palme diverse, a seconda della regione in cui risiede l’uccello.

Gli studi hanno osservato che questi uccelli possono raccogliere le noci di palma da terra o strapparle dalla pianta. Inoltre, completano la loro dieta con frutti del genere Ficus sp. (fichi e fichi), nonché molluschi gasteropodi d’acqua dolce del genere Pomacea.

Grazie alla forza del suo becco nero, questo uccello può spaccare le noci e il resto degli alimenti che compongono la sua dieta.

4. Non mostrano dimorfismo sessuale

Non è possibile differenziare i maschi dalle femmine ad una prima occhiata. Anche se sembra che siano quasi indistinguibili, le femmine hanno la particolarità di essere più snelle.

Habitat e comportamento

La distribuzione di questa specie si estende all’interno del Sud America, anche se tra aree ampiamente separate. Normalmente si trova nelle regioni tropicali, dove crescono diverse specie di palme con semi grandi. All’interno di queste regioni predilige quelle con bassa umidità o umidità stagionale.

Ad esempio, questo uccello può essere trovato nelle foreste amazzoniche brasiliane di pianura e negli altopiani rocciosi nel nord-est del Brasile.

Comportamento dell’ara blu

Sebbene i pappagalli si distinguano per le loro capacità cognitive molto sviluppate, forse la più nota è la loro capacità di imitare suoni o parole. Tuttavia, questo non è l’unico comportamento che possiamo evidenziare dell’ara blu. Eccone qualcuno in più:
  1. Questo uccello esegue movimenti migratori.
  2. Vive in diverse strutture sociali: in coppia, un gruppo familiare o piccoli greggi fino a 10 individui.
  3. Gli Ara blu hanno degli alberi preferiti in cui nidificare: specialmente nei generi Enterolobium e Sterculia.
  4. I maschi “collaborano” alla cova: per tutto il mese di cova, il maschio è incaricato di prendersi cura della propria compagna.
  5. Anche se depongono 2 uova, normalmente solo una sopravvive: l’uovo che si schiude prima ha le maggiori possibilità di sopravvivenza, poiché il secondo pulcino non può competere per il cibo, essendo più debole.
  6. Imitano e ripetono parole da 6-7 mesi di vita: si ritiene che dopo 2 anni questi uccelli siano in grado di capire quello che dicono.
Un Ara giacinto adulto.

Stato di conservazione

Attualmente, l’ara blu fa parte dell’elenco delle specie vulnerabili in pericolo. In particolare, questa situazione deriva dall’eccesso di catture per scopi commerciali, nonché dall’uso delle loro piume per realizzare accessori.

Inoltre, come il resto degli animali che compongono la fauna selvatica delle regioni in cui vivono, gli esseri umani hanno messo in pericolo il loro habitat. Particolarmente significativi sono gli incendi appiccati per ottenere terreni agricoli, che finiscono per distruggere i nidi di questa e di altre specie.

Tutto ciò influisce sul declino della popolazione di questi straordinari uccelli.