Aspetti legali per l’adozione di un cane

· 10 novembre 2018
Le procedure per l'adozione non sono così difficili da seguire e vale la pena affrontarle perché, in cambio, riceverete molto affetto.

Adottare un cane comporta il rispetto di alcuni aspetti legali. Oggi ci sono molti animali abbandonati che hanno bisogno di una casa. Leggi e regolamenti che moderano le adozioni comportano determinati problemi e responsabilità per i nuovi proprietari.

Prima di adottare un animale, è necessario essere ben informati sugli aspetti legali in merito. In questo modo, potrete evitare inconvenienti futuri.

La prima cosa da sapere è che fare questa scelta è un gesto di estrema generosità. Le procedure non sono così difficili da seguire e vale la pena affrontarle perché, in cambio, riceverete molto affetto.

Inoltre, qualche passo di burocrazia serve anche a misurare la motivazione delle persone che hanno deciso di accogliere, in casa, un cane. Un piccolo trucco per mettere alla prova il livello di partecipazione e serietà delle persone, contro l’abbandono.

Adozione di un cane: aspetti legali

Prima di tutto, è necessario parlare dei requisiti necessari per adottare un cane. Vediamo assieme quali sono:

Cucciolo di cane sdraiato sulle zampe

  • La persona che desidera adottare deve essere maggiorenne. Per verificare queste informazioni, è necessario mostrare la propria carta d’identità.
  • Bisogna verificare l’indirizzo di domicilio. Soprattutto occorre capire se chi adotta è proprietario della casa in cui va a stare l’animale o se, al contrario, è un affittuario. In quest’ultimo caso, è necessario anche mostrare un certificato rilasciato dal padrone di casa. Tale documento serve per verificare che il proprietario dell’immobile autorizzala presenza di animali nello stabile.
  • La persona che adotterà deve firmare un contratto di adozione.

Il contratto di adozione

In tale contratto, la persona si impegna a mantenere l’animale in buone condizioni e a prendersene cura.

Il vostro amico a quattro zampe dovrà ricevere sempre cibo e assistenza sanitaria adeguati. Senza scordare le visite regolari dal veterinario. Inoltre, il contratto stabilirà che l’animale non può essere utilizzato per la riproduzione commerciale.

Il contratto garantirà inoltre che il cane non verrà abbandonato in futuro. Sarà consegnato al suo nuovo proprietario con vaccini e cure antiparassitarie aggiornati e con il suo microchip di identificazione.

I passi che anticipano l’adozione di un cane

Esistono altri tipi di problemi che integrano gli aspetti legali nell’adozione di cani. Sono aspetti che servono per evitare possibili conflitti e disagi negli anni successivi.

Per esempio, le associazioni e i volontari di rifugi e canili hanno tutto il diritto di negare un’adozione, nel caso in cui i futuri padroni non dimostrino di avere i requisiti necessari.

Inoltre, la consegna dell’animale viene effettuata direttamente nella sua nuova casa. Un misura che può sembrare semplice ma che, ancora una volta, serve per verificare le condizioni del luogo in cui il cane si troverà a vivere.

Dopo aver consegnato l’animale, verrà effettuato un monitoraggio dettagliato della situazione. Si tratta di garantire il buon adattamento dell’animale al nuovo ambiente.

Inoltre, servirà a garantire la responsabilità della persona nei confronti del cane.

Quanto costa adottare un cane?

Nell’analisi degli aspetti legati all’adozione di un cane, occorre spendere qualche riga anche al discorso economico. I costi per questo tipo di procedure non sono generalmente alti.

L’unica cosa che vi suggeriamo di fare è comprendere il formidabile lavoro che svolgono volontari e associazioni cinofile.

Nessuno vi chiederà mai soldi né stabilirà un prezzo per un cucciolo o un cane adulto. Al contrario, sarete invitati a fare una donazione: siate generosi, perché grazie al vostro contributo altri animali potranno continuare ad essere nutriti e curati.

Non solo donazioni in denaro

Oltre alla donazione monetaria, potrete contribuire con altre cose. Molte persone donano giocattoli e altri oggetti a queste associazioni di volontari.

È un modo semplice per migliorare le condizioni di vita degli animali abbandonati. È anche un modo per ringraziarli, per aver potuto adottare un animale domestico. A volte, come si capisce, i soldi non bastano.

Se avete visitato più volte il canile o il rifugio, sicuramente avrete notato che possono avere bisogno di qualcosa in concreto. Mangimi, coperte, strumenti di lavoro, guanti o anche di qualche piccola riparazione. Sono molti i modi per aiutare l’attività di queste brave persone.

Sarà anche un modo per sentirvi utili e fare del bene.

Cangnolino riposa in strada

Infatti, c’è anche la possibilità di diventare voi stessi volontari. Questa opzione ha lo scopo di contribuire il più possibile all’associazione.

Alcune persone scelgono di ospitare temporaneamente un animale nella loro casa. Almeno finché non trova una nuova famiglia.

In breve, adottare un cane non è per nulla complicato. Gli aspetti legali dell’adozione, come abbiamo visto, riguardano sempre e solo la tutela del cane e verificare la certezza della motivazione dei nuovi proprietari.

Sono moltissimi gli animali abbandonati e la prima preoccupazione delle associazioni è evitare che un cane sia scambiato per un peluche o un passatempo.

Prendere un cane in casa implica accettare molte responsabilità che includono tempo, dedizione e soldi, specie per medicine e visite dal veterinario. Ecco perché è giusto che esistano leggi e norme che regolano le adozioni.