Albert, il cane scienziato

L’epoca in cui si usavano le scimmie per gli esperimenti scientifici sull’intelligenza è ormai finita. I diversi studi nel corso degli anni hanno dimostrato che i cani sono esseri molto intelligenti e in grado di risolvere situazioni difficili. E per questo oggi vi parleremo di un cane molto speciale: Albert, il cane scienziato.

Albert, il cane scienziato e Youtube

cane-labrador

Come è riuscito questo cane molto intelligente a diventare famoso? Youtube è la risposta. DogScientist.com è un canale fondato su Youtube nel Novembre del 2015, che contiene diversi video che vedono come protagonista questo intelligente cane che porta a termine diverse prove, superandole brillantemente!

Vedendo alcuni di questi video, si può facilmente pensare che molte persone forse avrebbero impiegato più tempo per risolvere i vari problemi.

Albert, il cane scienziato, è un Labrador dorato molto intelligente. Ecco di seguito alcune delle prove da lui superate: lasceremo giudicare a voi se è davvero geniale.

Albert, il cane scienziato e il principio di Archimede

Conoscete il principio di Archimede? Se non lo conoscete, ve lo spieghiamo. Consiste nella certezza che un corpo sommerso in un liquido applica una spinta sul liquido verso l’esterno, o verso l’alto, pari alla dimensione o al peso dell’oggetto in questione. A cosa serve questo principio? Non riusciamo a pensare ad un modo per descriverlo più pratico di quello usato da Albert.

Prima di farvi vedere il video, vi spiegheremo brevemente di cosa si tratta. In un tubo, ovviamente tappato (altrimenti a cosa servirebbe), è stata versata una deliziosa zuppa di pollo che era stata fatta annusare ad Albert, il cane scienziato. Purtroppo la sua lingua è troppo corta per arrivarci, ma gli sono stati lasciati i mezzi per risolvere  il problema e di conseguenza, anche per placare il suo appetito.

Questi mezzi erano delle palle che cadevano perfettamente nel tubo e che avrebbero potuto spingere la zuppa verso l’alto, permettendogli così di arrivarci. Sembra complicato? Bene, Albert, il cane scienziato, ha saputo chiaramente cosa fare fin dal primo momento.

Osservate:

Non è incredibile? Capite ora perché questo bellissimo Labrador è conosciuto come Albert, il cane scienziato? Condivide il nome con il suo collega, Albert Einstein, e non è da meno, perché la sua intelligenza merita il premio Nobel canino.

Chissà, forse molti penseranno che Albert, il cane scienziato, è stato addestrato anni per raggiungere questi risultati o che è un semplice caso.

Vi diremo che nel canale Youtube di cui vi abbiamo parlato prima ci sono almeno 10 video di Albert che risolve diversi problemi e che esce vincitore da varie situazioni.

Altri video di Albert, il cane scienziato

Uno dei video che ci ha sorpresi di più è quello intitolato Dog wants ball, dog gets ball (Il cane vuole la palla, il cane ottiene la palla). In questo video vediamo che dentro una speciale cassa rettangolare e trasparente, con tre leve di diversi colori (giallo, rosso e azzurro), è stata collocata una bella e attraente palla gialla.

Questa palla sarebbe uscita attraverso il lato destro dopo aver azionato le tre leve in sequenza. Ogni leva porta la palla a quella seguente, e l’ultima all’esterno.

Inizialmente Albert sembra nervoso, tocca la scatola con il muso, quasi facendola cadere per tirare fuori la palla, cosa che è riuscito a fare, anche se non nel modo più elegante né intelligente.

In seguito, hanno mostrato ad Albert un grafico che spiegava come tirare fuori la palla spingendo le leve. Tornato alla scatola, questa volta senza sforzarsi e senza fermarsi a pensare, ha tirato fuori la palla al primo tentativo usando il metodo delle leve descritto nel grafico.

Questi sono solo alcuni esempi di tutto quello che Albert, il cane scienziato, è stato in grado di fare. I cani sono animali intelligenti, e questo è un fatto di cui nessuno può dubitare. Se dedicherete del tempo ad addestrare il vostro cane, chissà, forse potrà diventare il Newton dei cani, perché l’Einstein dei cani esiste già.

Categorie: Curiosità Tags:
Guarda anche