Bozzi sulla pelle dei cani: cause e trattamento

Le neoplasie della pelle dei cani si verificano più frequentemente negli esemplari di età superiore ai 6 anni. Tuttavia, vi sono altre condizioni che possono provocare dei bozzi, e che hanno cause e trattamenti diversi.
Bozzi sulla pelle dei cani: cause e trattamento

Ultimo aggiornamento: 10 agosto, 2022

Tutti abbiamo a cuore la salute del nostro cane. Per questo motivo, i bozzi sulla pelle dei cani sono una delle preoccupazioni più frequenti, poiché possono comparire in qualunque esemplare, indipendentemente dalla razza, dal sesso o dall’età. Possono avere diverse cause e non sono necessariamente sintomi gravi, anche se in alcuni casi possono essere segno di una condizione delicata.

La cosa migliore è sempre consultare un esperto che possa definirne la causa e prescrivere un trattamento appropriato. Per darvi una guida generale, in questo articolo parleremo dei bozzi sulla pelle dei nostri cani, perché compaiono e come eliminarli. Non perdetevi le prossime righe.

Cosa sono i bozzi sulla pelle dei cani?

Come indica il nome, si tratta di protuberanze che possono comparire in qualsiasi razza, sesso o parte del corpo dell’animale, a seconda della causa. Esistono diversi tipi di bozzi sulla pelle dei cani e non sono tutti uguali. Possono variare per dimensioni, consistenza (duri o morbidi) e anche in numero (poiché a volte ne compare più di uno).

Bisogna prestare molta attenzione e annotare tutte le variabili e le caratteristiche dei bozzi che rileviamo nel nostro animale domestico, al fine di fornire al veterinario quante più informazioni possibili.

Tra i principali tipi di bozzi sulla pelle del cane abbiamo le cisti, gli ascessi (accumulo di pus) e le neoplasie, provocate da una crescita cellulare incontrollata.

Le neoplasie cutanee hanno un’incidenza di un terzo nell’ambito dello sviluppo tumorale nei cani, e possono essere benigne o maligne. Tra le più comuni troviamo il carcinoma a cellule squamose, i lipomi, il mastocitoma e il carcinoma basocellulare.

Come prendersi cura di un cane malato di cancro.

Cause dei bozzi sulla pelle dei cani

Oltre ad essere diversi tra loro, i bozzi sulla pelle dei cani hanno anche diverse cause. Tra di esse ci sono le seguenti:

  • Colpi e ferite: è normale che la pelle del vostro animale domestico si gonfi in seguito a un colpo, una ferita, un morso o qualsiasi tipo di lacerazione. Pertanto, la pelle si arrosserà e presenterà un ematoma, ma si tratta di sintomi che impiegano poco tempo a passare. Se le ferite non vengono trattate correttamente, è possibile che si formino ascessi sulla pelle. Quando sono conseguenza di una lotta, spesso i bozzi si trovano su collo, viso e schiena.
  • A causa della somministrazione di iniezioni: in determinate situazioni, quando si somministra un vaccino o un farmaco tramite puntura, possono comparire delle protuberanze, sebbene non siano casi molto comuni. Compaiono nella zona del collo o nella zona del garrese, se al cane è stata già fatta una puntura, come ad esempio la somministrazione di un farmaco. Di solito scompaiono dopo poco tempo, senza comportare grossi problemi.
  • A causa del blocco delle ghiandole sebacee: si può formare un rigonfiamento anche a causa dell’ostruzione delle ghiandole sebacee della pelle del nostro animale domestico.
  • Malattie: alcuni bozzi sono il segno di una qualche condizione del cane. Se si tratta di infezioni, provocano un’infiammazione dei linfonodi. I tumori della pelle sono provocati da una crescita incontrollata delle cellule. Devono essere fatti analizzare, poiché possono essere indicativi di cancro. Si possono formare protuberanze anche a causa di allergie o esposizione a sostanze irritanti o tossiche.

Inoltre, alcuni bozzi indicano la presenza di virus come il papilloma virus canino.

Trattamenti dei bozzi sulla pelle dei cani

Il trattamento dei rigonfiamenti sulla pelle del cane può variare. In particolare, dipenderà dalla condizione alla base del problema.

Come abbiamo visto, alcuni bozzi non richiedono delle cure specifiche, alcuni scompaiono addirittura da soli, ad esempio quando sono provocati da punture o quando si tratta di ematomi. Può essere necessaria anche la somministrazione di antinfiammatori.

Per gli ascessi, invece, solitamente vengono somministrati trattamenti antinfiammatori, drenaggio, pulizia, disinfezione e antibiotici per inibire l’aumento dei batteri. Nel caso di bozzi più grandi, potrebbe essere necessario un intervento chirurgico.

Gli antibiotici possono essere utili anche nel caso di linfonodi ingrossati. Tuttavia, è necessario far valutare la condizione a un veterinario, poiché possono intervenire altri agenti patogeni o agenti estranei, che richiedono altri farmaci.

Alcuni tipi di tumore non sono particolarmente problematici. Tuttavia, è meglio far analizzare a fondo il singolo caso al veterinario, che esegua altri test per capire se si tratta di un tumore maligno o benigno o di qualsiasi altro tipo di bozzo.

È possibile ricorrere alla chirurgia per rimuovere l’intero bozzo e il tessuto circostante. Inoltre, sarà necessario eseguire più test, in modo da avere una visione più completa del problema.

Quali sono le malattie più comuni del barboncino?

Affidatevi sempre al parere di un esperto

La cosa migliore è sempre portare il cane dal veterinario, indipendentemente dalle caratteristiche del bozzo sulla pelle del cane. Non appena ne rileviamo uno, dovremo chiedere il parere di un esperto, che effettuerà una diagnosi tempestiva ed esaustiva, e dovremo seguire le sue indicazioni in merito al trattamento. La salute dei nostri animali domestici non è un gioco: meritano le cure migliori in assoluto.

Potrebbe interessarti ...
Tumori della bocca nel cane
I Miei Animali
Leggi in I Miei Animali
Tumori della bocca nel cane

Scoprite come agire se vengono rilevati tumori nella bocca del cane e quali problemi può provocare alla sua salute fisiologica.



  • Pacheco, M. (2020). Revisión bibliográfica de abscesos cutáneos, etiología, signos clínicos, fisiopatología, diagnóstico y tratamiento convencional y quirúrgico en perros. [Tesis de grado, Universidad Técnica de Machala]. http://repositorio.utmachala.edu.ec/bitstream/48000/16116/1/ECUACA-2020-MV-DE00006.pdf
  • Martínez, J., & García, J. (2021). Neoplasias cutáneas en caninos (Canis lupus familiaris) remitidos al laboratorio División Veterinaria en el periodo 2018-2020. [Tesis de grado, Universidad Nacional Agraria]. https://repositorio.una.edu.ni/4340/1/tnl73m385n.pdf
  • Medina, I., Puicón, V., & Sandoval, N. (2017). Frecuencia de tumores en piel de caninos diagnosticados histopatológicamente en el laboratorio de patología veterinaria de la Universidad Nacional Mayor de San Marcos (1999-2012). Revista de Investigaciones Veterinarias del Perú, 28(2), 448-454.
  • Torres, M.; Pino, D.; Zamora, Y., & Matos, R. (2020). Consideraciones actuales sobre las neoplasias cutáneas en la especie canina. Revista de Salud Animal, 42(2), e05.