Calore nei cani: sintomi e comportamenti

· 11 Gennaio 2019
Oltre alle normali perdite di sangue evidenti negli esemplari femmine, anche nei maschi è possibile riscontrare chiari cambiamenti comportamentali dovuti al calore nei cani.

Quando si avvicina il momento della riproduzione, è normale che anche gli animali domestici mostrino  determinati cambiamenti, a livello di comportamento. Addirittura, durante il periodo di calore nei cani, è possibile riscontrare alcuni sintomi fisici ed emotivi.

Certamente, quando si parla di fertilità e accoppiamento, le argomentazioni riguardano maggiormente gli esemplari di sesso femminile. Ma, come vedremo nel seguente articolo, il calore nei cani produce sintomi ed effetti significativi anche nei maschi.

Il calore nei cani: cosa occorre sapere?

Per prima cosa, è importante conoscere alcune informazioni fondamentali riguardo il calore nei cani. Si tratta del periodo in cui la femmina inizia a ovulare con l’obiettivo di portare a compimento il processo di riproduzione.

Durante questo intervallo di tempo, la femmina cercherà di attirare l’attenzione dei maschi in diversi modi.

I cambiamenti ormonali interferiscono con abitudini e comportamenti dell’animale, e ciò vi aiuterà a comprendere che sta succedendo “qualcosa” semplicemente osservando la vostra cagnolina, ben prima che riscontriate la presenza di perdite in molte zone della casa.

Il primo calore nelle femmine appare tra i sei e gli otto mesi di vita e si ripete una o due volte l’anno.

Questo è così per garantire la sopravvivenza dei cuccioli, una “eredità” ricevuta direttamente dai lontani parenti selvatici, i lupi.

Non esiste un periodo dell’anno esatto per la comparsa del calore, anche se è più frequente che si verifichi a fine inverno e nelle prime settimane della primavera.

Il calore nei cani di sesso femminile può durare fino a 23 giorni, anche se la femmina non ha la possibilità di procreare durante l’intero arco di tempo. È bene sapere che tutti i sintomi del calore possono essere evitati, una volta realizzata la sterilizzazione.

Boxer femmina sdraiata in cucina

Come riconoscere il calore nei cani

Come con tutti i mammiferi, le femmine subiscono diversi cambiamenti ormonali, fisici ed emotivi durante il calore. Per esempio, noterete che la vostra cagnolina si comporta in modo diverso in questi giorni.

Addirittura il suo temperamento può far registrare strani sbalzi in poche ore, dalla mattina al pomeriggio. Alcuni dei sintomi di calore nei cani sono:

1. Maggiore dimostrazione di affetto

Durante i primi giorni di calore, è probabile che la cagna sia molto più affettuosa del solito. Sarà anche più legata ai proprietari e cercherà continuamente coccole e carezze: può soffrire di ansia da separazione se viene lasciata da sola per un numero eccessivo di ore.

2. Organi sessuali infiammati

Questo è uno dei segni fisici più evidenti, quando le femmine entrano nella fase di calore. L’infiammazione della vulva è normale durante le prime due settimane del periodo.

In alcune cagnoline è possibile che quest’area assuma un colore più scuro e probabilmente la vedrete leccarsi con maggiore frequenza.

3. Ricerca del maschio

Dovrete stare molto attenti nel caso in cui non vogliate ritrovarvi con una cucciolata “indesiderata”. Tenete vicino a voi la cagnolina, ogni volta che uscite, durante una passeggiata in strada o nel parco.

La possibilità di contatto con esemplari maschi è molto elevata e, quando vi troverete vicino a un potenziale partner, noterete che farà di tutto per avvicinarsi.

Chihuaha si annusano a vicenda

4. Sanguinamento

Un altro dei tipici segni di calore nelle femmine è la perdita di sangue, come succede alle donne durante le mestruazioni. In questo caso, il sanguinamento è accompagnato dall’infiammazione della vulva e si tratta di un escamotage della Natura per attirare l’attenzione dei maschi.

Tenete presente che questi animali sono guidati dall’olfatto e, attraverso il sangue, la femmina rilascia feromoni che attiveranno i potenziali partner.

5. Cambiamenti nella dieta

In alcune femmine, durante il calore, è possibile notare un diverso approccio al cibo. Di solito riposano e sonnecchiano più del solito, mostrano meno interesse verso la pappa.

Cosa succede ai cani maschi in calore?

I maschi non vanno in calore come le femmine, ma modificano il loro comportamento quando rilevano la possibilità di accoppiarsi.

Possono diventare più aggressivi a causa dell’aumento degli ormoni, (testosterone e cortisolo), mostrandosi assai più irrequieti.

Inoltre, è normale che abbaino o ululino di notte, con una certa tendenza a scappare di casa o contrassegnare il territorio in modo ossessivo, attraverso l’urina.

A loro volta, i maschi possono soffrire di depressione quando non escono di casa, possono sentirsi confusi o distratti e aumentano i rischi di scontri con i pari sesso.

Per evitare tutte queste situazioni spiacevoli, sia per quanto riguarda gli esemplari maschi e femmina, l’alternativa migliore è la sterilizzazione.

Oltre a evitare la nascita di cuccioli indesiderati, condannati a diventare randagi, permettono di evitare molteplici patologie soprattutto alle cagnoline, garantendo comunque una migliore e più agevole convivenza dentro casa.

Freeman, S. (2009). Reproducciòn animal. Biologìa.