Cauda equina nei cani: cause e cure

La cauda equina nei cani è una malattia degenerativa che provoca un forte dolore nell'animale. Ecco le informazioni per identificarla in tempo e semplificarvi la vita.
Cauda equina nei cani: cause e cure

Ultimo aggiornamento: 14 ottobre, 2021

Se notate che il vostro cane non riesce a sedersi correttamente, soffre di sbalzi d’umore improvvisi o mostra segni di dolore quando si alza, potreste trovarvi di fronte a un caso di cauda equina nei cani. È importante conoscere i segni che lo rendono evidente, soprattutto se l’esemplare è più vecchio e debole.

Per aiutarvi a capire meglio questo disturbo, in questo articolo mettiamo a disposizione tutte le informazioni di base sulle cause, i sintomi e il trattamento che richiede. Prendete nota, sarà molto utile.

Cos’è la cauda equina nei cani?

Conosciuta anche come coda di cavallo o stenosi lombare, la cauda equina nei cani è una malattia degenerativa che colpisce l’articolazione lombosacrale, cioè dove termina l’anca e inizia la coda del cane (vertebre L7-S1). Quando queste ossa degenerano, il canale del midollo spinale si restringe, venendo compresso.

Questo allungamento produce dolore intenso nell’area e difficoltà di movimento nel cane. È anche possibile che al processo degenerativo si accompagni un’ernia del disco secondaria, che peggiora notevolmente le condizioni dell’animale.

Un esempio di cauda equina nei cani.

Cause della cauda equina nei cani

La causa più comune è il passare del tempo stesso, che degenera naturalmente le ossa dell’animale. Tuttavia, può anche apparire per ragioni molto diverse. Evidenziamo quanto segue:

  • Lussazione vertebrale.
  • Infezione delle vertebre.
  • Tumore vertebrale.
  • Tumore delle vie nervose.
  • Traumi.
  • Frattura vertebrale.
  • Anomalie congenite come la spina bifida.
  • Spondilosi – qualsiasi forma di degenerazione della colonna vertebrale.
  • Displasia dell’anca.
  • Ernia dell’ultimo disco intervertebrale.

Predisposizioni genetiche

Sebbene qualsiasi cane possa soffrire di cauda equina, appare più frequentemente nei cani anziani e di taglia medio-grande. Ci sono anche razze che sono a maggior rischio di soffrirne, come il pastore tedesco, incline a problemi all’anca in generale. Altre razze suscettibili includono il Labrador, il Golden Retriever, il Boxer e il Bulldog.

I sintomi della malattia

I segni più evidenti di questa malattia si vedono nel terzo posteriore del corpo del cane. Nella cauda equina del cane è facile notare che l’animale non alza la zampa per urinare, non scodinzola eccessivamente, ha difficoltà a camminare o ad alzarsi e mostra una riduzione dell’attività generale. È comune anche un umore alterato e irritabile.

È caratteristico vedere come i cani con cauda equina trascinano le unghie delle zampe posteriori quando camminano.

La cauda equina ha anche una serie di segni clinici che vengono rilevati durante la visita dal veterinario. Ecco i più importanti:

  • Lombalgia o dolore lombare.
  • Zoppia intermittente unilaterale o bilaterale.
  • Dolore durante la deambulazione.
  • Debolezza o paralisi della coda e dell’area pelvica.
  • Atrofia muscolare del terzo posteriore del corpo.
  • Alterazione dei riflessi delle zampe posteriori.
  • Incontinenza urinaria e fecale.

Diagnosi di cauda equina nei cani

La cauda equina nei cani presenta sintomi molto generali che possono essere facilmente confusi con l’artrosi in età avanzata. Inoltre, non mostra segni distintivi – come l’incontinenza – fino a quando non è in fase molto avanzata. Alla fase sintomatica, il cane soffre molto e il trattamento non è efficace come nelle fasi precedenti.

In clinica vengono eseguiti una serie di test di base per determinare la causa della lesione. Il più comune è una radiografia, con la quale si verifica la diagnosi differenziale rispetto ad altre cause che potrebbero dare sintomi simili, come tumori o fratture. Potrebbe anche essere necessaria una TAC o una risonanza magnetica.

Trattamento della malattia

Il trattamento che viene somministrato al cane varierà a seconda dello stato di avanzamento della cauda equina e delle disabilità che essa comporta all’animale. In casi molto gravi saranno praticabili solo delle cure palliative, ma se diagnosticata in tempo si può cercare di rallentarne i progressi oppure operare sul paziente.

Trattamento palliativo per la cauda equina nei cani

Quando il caso è inoperabile o è impossibile ripristinare la mobilità, verrà implementato un programma per migliorare la qualità della vita del cane. Per fare ciò, vengono utilizzate diverse strategie:

  • Controllo del dolore: questo punto è fondamentale, perché come è stato detto, il dolore provato dal cane è intenso e invalidante.
  • Pettorine di sostegno: utilizzate per sollevare manualmente i quarti posteriori del cane per aiutarlo a camminare meglio.
  • Carrozzine: indicate per quando si presenta una totale immobilità delle gambe.
  • Trattamenti complementari: la fisioterapia e l’agopuntura sono tra le terapie più utilizzate.

Trattamento chirurgico della cauda equina nei cani

Quando si prevede che ci possa essere un recupero della mobilità e qualità di vita nel cane — o quando i farmaci non funzionano —, una valida soluzione è l’intervento chirurgico nell’area. L’obiettivo è decomprimere il midollo spinale.

La procedura scelta è chiamata laminectomia dorsale. Consiste in un’apertura nella zona spinale L7-S1 e si estrae la lamina, che è la parte posteriore della vertebra che ricopre il canale spinale. Questo crea spazio per il midollo spinale, alleviandolo dalla pressione.

Il tipo di operazione può variare a seconda di molti fattori, come la presenza di ernie o altre lesioni che richiedono interventi specifici.

Trattamento medico della cauda equina nei cani

Poiché l’intervento chirurgico è un’opzione invasiva e costosa, nei casi ancora curabili si tenta spesso di controllare la progressione della degenerazione con una terapia farmacologica che contenga quanto segue:

  • Antinfiammatori e analgesici: per alleviare il processo infiammatorio e doloroso.
  • Condroprotettori e vitamine del gruppo B: aiutano a controllare la progressione dell’artrosi primaria o secondaria.
  • Antibiotici: solo se la cauda equina è la conseguenza di un processo infettivo.
  • Chemioterapia se la causa è un tumore.
  • Riposo totale o parziale.
Ci sono molte cure per un cane sterilizzato.

L’ultima cosa da sapere sulla cauda equina nei cani è che la diagnosi precoce è essenziale per garantire la qualità di vita, se non il recupero, da questa malattia. Sebbene all’inizio possa sembrare un’osteoartrite, è comunque un motivo per visitare il veterinario. Se volete risparmiare al vostro cane più sofferenza possibile, la prevenzione sarà molto più efficace.

Potrebbe interessarti ...
Come curare le ossa e le articolazioni del nostro cane
I Miei Animali
Leggi in I Miei Animali
Come curare le ossa e le articolazioni del nostro cane

Con il passare degli anni, come succede anche a noi, le ossa e le articolazioni del cane si deteriorano e si sfregano, causando dolore.



  • Martín, G. Surgery of the lumbosacral spine. Cauda equina syndrome and neoplasias. Canis et Felis (España).
  • Morales Restrepo, A. (2020). Caso de estenosis degenerativa lumbosacra en hembra Pastor Alemán (Doctoral dissertation, Corporación Universitaria Lasallista).
  • Mejía, E. C. S. (2008). Síndrome de cauda equina. Ortopedia, neurología y rehabilitación en pequeñas especies. Perros y gatos, 451.
  • Orellana, R., & Antonio, R. (2003). Diagnóstico clínico y radiológico de síndrome de inestabilidad lumbosacra en perros pastor alemán adultos. Memoria de titulación.