Cavallo Brumby: habitat e caratteristiche

Nelle praterie dell'Australia corre libera la razza dei marroni chiamata "cavallo brumby", arrivata in questo paese con la colonizzazione del XVIII secolo. Scoprite di più su di essa in questo articolo.
Cavallo Brumby: habitat e caratteristiche

Ultimo aggiornamento: 29 agosto, 2021

Quando si pensa a grandi mandrie di cavalli che corrono allo stato brado, la prima immagine mentale finisce direttamente alle praterie degli Stati Uniti e ai cavalli Mustang, ma la verità è che l’Australia precede il Nord America con il cavallo brumby. Questa razza di marrone vive libera nelle praterie del nord e del sud-est di questo paese.

In questo articolo potrete conoscere meglio l’origine di questa razza (poiché non c’erano equini in Australia prima della sua colonizzazione) e le caratteristiche che le hanno permesso di adattarsi alla vita in libertà.

Origine della specie

L’ingresso degli equini in Australia avvenne per mano dei primi coloni europei, nel XVIII secolo, precisamente nel 1788. Qui servirono come selle e animali da lavoro fino al secolo successivo, poiché alla fine della corsa all’oro molti cavalli venivano abbandonati.

Il nome di questa razza deriva dalla parola baroomby, che significa “selvaggio” nella lingua degli indigeni del sud dell’attuale Queensland.

La moltitudine di razze abbandonate nelle praterie australiane ha fatto sì che il cavallo brumby acquisisse una serie di caratteristiche ottimali per la sopravvivenza in natura attraverso l’incrocio naturale. Il loro numero è gradualmente aumentato nel corso degli anni.

Successivamente, durante la guerra boera e la prima guerra mondiale, questi equidi furono nuovamente addomesticati per essere incorporati nella cavalleria degli eserciti, per poi essere nuovamente abbandonati. Attualmente, alcuni gruppi li considerano un parassita, quindi il governo australiano ne ha autorizzato la caccia.

Un gruppo di cavalli brumby.

Habitat del cavallo brumby

Il cavallo brumby vive allo stato brado in tutta l’Australia. La popolazione più numerosa vive nella regione delle Alpi australiane, nel sud-est. Un altro importante nucleo vitale si trova a nord, vicino al Queensland. Allo stesso modo, può essere visto anche in alcuni parchi nazionali che hanno una propria popolazione di questa razza molto estesa.

Caratteristiche fisiche

Il cavallo brumby è alto al garrese da 1,40 a 1,50 metri, quindi non è una razza molto grande. Ciò è dovuto alla miscela di sangue condivisa con i pony britannici, arrivata anche con la colonizzazione.

Questi equini hanno un collo corto e le zampe sono sottili e forti, con zoccoli duri. La loro costituzione è robusta e compatta, a volte un po’ sproporzionata rispetto alle dimensioni. Per quanto riguarda il colore del mantello, si muove in diverse tonalità di marrone e bianco, ma c’è una grande varietà.

Adattamento del cavallo brumby

È una razza adattata alla vita allo stato brado e a sopravvivere in ambienti aridi e con poche risorse. Non è un cavallo particolarmente veloce (i suoi posteriori non sono molto potenti) e la sua pelle è delicata. Non è considerato bravo a cavalcare.

Quando l’Australia iniziò a essere colonizzata, non c’erano grandi erbivori in grado di competere con il cavallo brumby. D’altra parte, non avevano nemmeno predatori, quindi potevano nutrirsi e riprodursi senza problemi.

All’inizio la vegetazione era ricca e abbondante, ma con la rapida proliferazione di questo cavallo è arrivata la scarsità di risorse per altre specie più piccole, mettendole in pericolo. Come risultato di questo problema, sono state lanciate strategie di controllo della popolazione.

Alimentazione del cavallo brumby

Come tutti i cavalli, il cavallo brumby è erbivoro. Si nutre principalmente dei pascoli che frequenta e a questo aggiunge diverse erbe e fieno, oltre a ortaggi e foglie che trova.

Riproduzione del cavallo brumby

È un mammifero viviparo che raggiunge la maturità sessuale a 14-15 mesi per le femmine e 14-18 per i maschi. La riproduzione comprende le fasi del corteggiamento, dell’accoppiamento, della gestazione e del parto.

La gestazione del cavallo brumby dura 11-12 mesi e la cavalla ha solitamente un solo cucciolo, o a volte può trattarsi di gemelli. L’allattamento del puledro dura fino a 6 mesi di età.

Controllo della popolazione

Esistono diverse strategie per controllare le popolazioni di cavalli in Australia. L’impatto ambientale che la sua proliferazione ha su un ecosistema già gravemente colpito è qualcosa che mette la popolazione australiana l’una contro l’altra.

Alcuni enti governativi trasferiscono questi equini nei parchi nazionali, ma altri cacciano per ucciderli. Alcuni gruppi sono contrari agli omicidi, altri li considerano parassiti e altri ancora vogliono diffonderli per ridurne l’impatto. L’opinione pubblica pesa molto sulle misure adottate e cambia a seconda della regione.

Il metodo tradizionale per trasferire le mandrie consiste nell’usare il lazo per catturarle e condurle in una nuova posizione.

I costi economici del controllo demografico sono elevati e al momento nessuno risparmia le sofferenze dei cavalli. Il trattamento attualmente considerato il più umano è il controllo della fertilità tramite iniezioni. Sebbene sia stato implementato in alcuni luoghi, resta da vedere se sarà efficace a lungo termine.

Molte organizzazioni per i diritti degli animali sostengono che metodi come le uccisioni con colpi di pistola da un elicottero rasentano le barbarie e che la responsabilità di controllare la loro popolazione dall’etica è la stessa di quelle che hanno rilasciato i cavalli sul campo quando non gli servivano più. Cosa ne pensate?

Potrebbe interessarti ...
Adottare un cavallo: tutto quello che dovete sapere
I Miei AnimaliLeggi in I Miei Animali
Adottare un cavallo: tutto quello che dovete sapere

Se volete adottare un cavallo, in questo articolo troverete le informazioni che vi servono per dare a questo animale le cure che merita.



  • Dawson, M. J. (2005). The population ecology of feral horses in the Australian Alps Management Summary. Australian Alps Liaison Committee, Canberra.
  • Scasta, J. D., Adams, M., Gibbs, R., & Fleury, B. (2020). Free-ranging horse management in Australia, New Zealand and the United States: socio-ecological dimensions of a protracted environmental conflict. The Rangeland Journal42(1), 27-43.