Cernia striata: habitat e caratteristiche

La cernia striata è una specie abbastanza comune nelle acque tropicali, che ha anche caratteristiche e comportamenti unici. Si stima che un singolo individuo di cernia striata, in un anno, possa percorrere più di 220 chilometri.
Cernia striata: habitat e caratteristiche

Ultimo aggiornamento: 25 luglio, 2021

La cernia striata (Epinephelus striatus) è un pesce comune sfruttato commercialmente, che si trova su diverse barriere coralline. Appartiene alla famiglia dei Serranidae, una delle più estese e distribuite nelle acque marine. Questa specie un tempo era considerata una delle più abbondanti al mondo, anche se ora è in grave pericolo di estinzione.

È un predatore che compete attivamente contro barracuda, squali e altri pesci. Grazie alla diversità nella sua colorazione e alla sua importanza economica, è stato un importante pilastro per l’industria della pesca. Tuttavia, attualmente affronta rischi che potrebbero minacciare la sua popolazione. Continuate a leggere per saperne di più su questo curioso pesce.

Habitat della cernia striata

La cernia striata è una specie tropicale, che copre gran parte delle coste dell’Oceano Atlantico. È possibile incontrarlo nelle regioni dei Caraibi, delle Bermuda, della Florida, della penisola dello Yucatan e del Venezuela.

Questa specie preferisce le barriere coralline poco profonde, ma può raggiungere profondità fino a 100 metri. È anche comune rilevare esemplari in alghe, buche, e fessure con buona visibilità. Da parte loro, gli esemplari giovani selezionano habitat con coralli e un’elevata quantità di microalghe.

Questi organismi sono eurialini, quindi possono tollerare diversi intervalli di salinità. Inoltre, man mano che crescono, modificano leggermente il loro habitat. È per questo motivo che vivono in una vasta gamma di ecosistemi, poiché sono dotati di meccanismi che consentono loro di conquistare vari ambienti.

Una cernia striata sul fondo del mare.

Caratteristiche fisiche

Per quanto riguarda la colorazione, questa specie presenta un motivo a strisce simile a quello delle zebre, con colori come il rosa-rosso, l’arancione e il bianco. Inoltre, gli esemplari adulti presentano 5 strisce scure, che sono distribuite lungo il corpo, con una linea dorsale che parte dalla bocca e arriva fino alla pinna dorsale.

Gli individui più grandi possono raggiungere 1,2 metri di lunghezza, ma la maggior parte rimane intorno ai 72 centimetri. Allo stesso modo, il loro peso può raggiungere i 27 chili, ma la media è di 12 chili.

Alcuni esemplari sono in grado di cambiare la propria colorazione, in risposta a qualche stimolo o come segno di aggressione. Questa oscillazione tonale avviene in pochi minuti, passando dalla solita colorazione rigata ad una molto più uniforme. La variazione cromatica dipende dallo stato “emotivo” dell’organismo.

Comportamento della cernia striata

Questa specie ha un comportamento solitario. Le cernie striate sono predatori silenziosi e inseguono le loro prede da buchi o altri ripari. Inoltre, preferiscono cacciare al buio, quindi non sono molto attive durante il giorno. In generale sono animali molto aggressivi, anche durante il  periodo riproduttivo.

Secondo uno studio della North Carolina State University, questi organismi mostrano anche un cambiamento nell’habitat man mano che maturano. Cioè, quando nascono preferiscono rifugiarsi in zone con abbondanti microalghe, per potersi nascondere e nutrirsi. Man mano che crescono e aumentano di dimensione, questo non è più necessario, quindi escono dal nascondiglio e si muovono liberamente.

In questo modo, il suo comportamento mantiene la specie al sicuro finché non è abbastanza grande da poter affrontare i predatori. Inoltre, è molto fedele al luogo in cui è natia, poiché torna a deporre le uova nello stesso posto.

Infine, va notato che la capacità di cambiare colorazione serve come mezzo per comunicare tra un esemplare e l’altro. La variazione tonale può significare un avvertimento o un invito alla copulazione.

Altre tipologie di cernia

Nonostante abbiamo concentrato l’attenzione sulla cernia striata, esistono anche altre specie che fanno parte della famiglia dei Serranidae. Tra questi, le più noti sono le seguenti:

  • Cernia rossa (Epinephelus morio): molto comune sulle coste del Golfo del Messico, questo pesce può misurare fino a 125 centimetri di lunghezza. Il suo colore è bruno-rossastro.
  • Cernia nera (Epinephelus nigritus): un pesce che può raggiungere i 230 centimetri di lunghezza. È distribuito nell’Atlantico occidentale, nel Golfo di Cariaco, in Venezuela. Viene anche chiamato “mero bartotero”.
  • Cernia maculata (Epinephelus analogus): questa specie raggiunge i 104 centimetri di lunghezza ed è distribuita nelle regioni orientali del Pacifico, che vanno dalla California al Perù e alle Isole Galapagos.
  • Cernia gigante atlantica (Epinephelus itajara): è un organismo capace di raggiungere i 175 centimetri di lunghezza. La sua distribuzione comprende regioni dell’Atlantico e del Pacifico, coincidenti in alcune con quella della cernia striata.

I Serranidi condividono molte delle loro caratteristiche. Tuttavia, alcune delle principali differenze tra i taxa sono solitamente il peso, le dimensioni e la distribuzione geografica.

Alimentazione della cernia striata

Queste cernie possono essere considerate animali predatori generalisti, ma hanno un metodo unico per inghiottire la loro preda. Per catturarli, creano un’aspirazione attraverso le loro branchie, che consente al cibo di entrare rapidamente nella bocca e con il minimo dispendio energetico.

Man mano che cresce, aumenta anche la taglia della preda consumata da questa specie. Mentre i giovani mangiano alcuni crostacei o bivalvi, gli adulti si nutrono di pesci, aragoste e gasteropodi.

Riproduzione

Questo pesce è considerato ermafrodita, poiché nasce con entrambe le gonadi immature, ma al raggiungimento dell’età adulta si sviluppa come maschio o femmina. Il suo meccanismo riproduttivo è ancora più intricato, poiché le cernie striate hanno la capacità di rilevare i cambiamenti nelle fasi lunari, quindi il loro orologio biologico è strettamente correlato ad esse.

La cernia striata, per riprodursi, forma dei grappoli, ma questa è l’unica occasione in cui viene considerata socievole. Tra dicembre e gennaio, solo una notte all’anno e con la luna piena, gli esemplari si riuniscono per deporre le uova in un luogo specifico. Questo luogo si trova ai margini della barriera corallina, in acque poco profonde, in cui circa 100.000 individui trascorrono più di 3 giorni a fecondare le proprie uova.

Le uova si schiudono e nascono i piccoli, dopo 24 o 48 ore di permanenza in acqua. I primi movimenti dei giovani sono sempre alla ricerca di un posto dove ripararsi. A questo punto, i genitori non prestano alcuna cura parentale alla prole: una volta terminata la deposizione delle uova, vengono rimossi dal sito.

I giovani maturano lentamente, e quando raggiungono i 4 o gli 8 anni, raggiungono lo stadio riproduttivo. Da questo momento in poi finiranno il loro sviluppo e si trasformeranno in femmine o maschi; a quel punto il ciclo vitale si ripete.

Stato di conservazione

Uno dei grandi problemi di questa specie è l’eccessivo sfruttamento, poiché all’inizio era un pesce piuttosto abbondante nel suo areale originario. Sfortunatamente, dopo anni di saccheggi, la cernia striata è stata indicata come “Critically Endangered (CE)” secondo l’International Union for Conservation of Nature.

Nonostante ci siano già programmi che ne regolano la pesca, questo organismo continua a mostrare una riduzione della sua popolazione, sia sostenuta che preoccupante. Ciò significa solo che gli sforzi non sono sufficienti, quindi è probabile che sia necessaria un’azione più severa.

Un semplice striato è protetto.

Questa specie ha alcune delle caratteristiche più sorprendenti, dal cambiamento nei suoi modelli di colorazione ai suoi comportamenti. Ecco perché una possibile soluzione al loro problema è la promozione dell’ecoturismo, che aiuterebbe la conservazione e produrrebbe profitti. In alcuni casi la natura e l’uomo possono raggiungere un equilibrio, o almeno questo è ciò a cui dovremmo aspirare.

Potrebbe interessarti ...

Cernia: dimensioni e proprietà nutrizionali
I Miei AnimaliLeggi in I Miei Animali
Cernia: dimensioni e proprietà nutrizionali

La cernia è un animale solitario che preferisce vivere su fondali rocciosi dove abbondano grotte e cavità. Da lì può cacciare le sue prede.



  • Tuz-Sulub, A., Cervera-Cervera, K., Espinoza-Mendez, J. C., & Brulé, T. (2006). Primeras descripciones de la agregación de desove del mero colorado, Epinephelus guttatus, en el Parque Marino Nacional “Arrecife Alacranes” de la plataforma Yucateca.
  • Sadovy, Y., & Eklund, A. M. (1999). Synopsis of biological data on the Nassau grouper, Epinephelus striatus (Bloch, 1792), and the jewfish, E. itajara (Lichtenstein, 1822).
  • Colin, P. L. (1992). Reproduction of the Nassau grouper, Epinephelus striatus (Pisces: Serranidae) and its relationship to environmental conditions. Environmental Biology of Fishes34(4), 357-377.
  • Carter, J., Marrow, G. J., & Pryor, V. (1994). Aspects of the ecology and reproduction of Nassau grouper (Epinephelus striatus) off the coast of Belize, Central America.
  • Aguilar-Perera, A., Villegas-Hernández, H., & Arrivillaga, A. Situación actual del mero de Nassau, Epinephelus striatus, en el Arrecife Mesoamericano.
  • SILVA, L., & LEE, S. (1974). Habitos alimentarios de la cherna criolla Epinephelus striatus Bloch y algunos datos sobre su biologia.
  • Aguilar-Perera, A. (1994). Preliminary observations of the spawning aggregation of Nassau Grouper, Epinephelus striatus, at Mahahual, Quintana Roo Mexico.
  • Dahlgren, C. P., & Eggleston, D. B. (2001). Spatio-temporal variability in abundance, size and microhabitat associations of early juvenile Nassau grouper Epinephelus striatus in an off-reef nursery system. Marine Ecology Progress Series217, 145-156.
  • Eggleston, D. B. (1995). Recruitment in Nassau grouper Epinephelus striatus: post-settlement abundance, microhabitat features, and ontogenetic habitat shifts. Marine Ecology Progress Series124, 9-22.