Cervo sika: habitat e caratteristiche

Il comportamento e la dieta del cervo sika sono solo alcuni dei suoi tratti distintivi. Volete conoscere a fondo questa specie?
Cervo sika: habitat e caratteristiche

Ultimo aggiornamento: 09 novembre, 2021

Il cervo sika o cervo shika (Cervus nippon) è un mammifero della famiglia dei cervidi che vive in diversi paesi grazie al suo potenziale adattativo e alla sua introduzione da parte dell’uomo. Come la maggior parte dei cervi, ha un paio di corna e la sua dieta è erbivora.

La sua comunicazione con individui della stessa specie presenta diverse curiosità e il suo stato di conservazione varia a seconda delle sue sottospecie, per lo più insulari. Di seguito troverete maggiori informazioni su questo mammifero.

Habitat del cervo sika

La gamma nativa originale del cervo sika copre i paesi della Siberia, Cina, Giappone, Corea, Taiwan e Vietnam. Può essere visto anche su alcune isole dell’Oceano Pacifico come l’isola di Jolo nel sud delle Filippine o la Nuova Zelanda. Allo stesso modo, è stato introdotto in Australia, Austria, Danimarca, Scozia, Francia, Inghilterra, Irlanda, Marocco e Polonia.

Questo mammifero è stato introdotto anche negli Stati Uniti, in particolare nei territori di Wisconsin, Oklahoma, Texas e Virginia. Abita generalmente un fitto sottobosco, sebbene possa adattarsi a vari habitat come praterie e zone umide.

Il potenziale adattativo permette a questi animali di essere presenti in ambienti fino a 1800 metri sul livello del mare, anche se le popolazioni migrano altitudinalmente a seconda delle stagioni. Sono anche inquilini regolari nei parchi e nei templi in Giappone, specialmente nella città di Nara.

Un cervo sica su una pianura.

Caratteristiche fisiche

Il cervo sika può essere descritto come una specie di piccole e medie dimensioni la cui lunghezza della testa e del corpo è di circa 95-180 centimetri. I maschi crescono fino a 10 anni, mentre le femmine si sviluppano solo fino a 6 anni. Per quanto riguarda il peso, varia dai 45 ai 160 chili a seconda della sottospecie analizzata.

A causa della loro differenza di dimensioni, questa specie presenta un dimorfismo sessuale abbastanza marcato. D’altra parte, il mantello del cervo sika ha una base da marrone a rossastra e presenta un’ampia gamma di colori come giallo-marrone, grigio-marrone, marrone chiaro, nero o grigio completo (questo differisce tra le 7 sottospecie conosciute).

La sua pelliccia mostra anche delle macchie bianche situate in 7 o 8 file nella parte superiore della schiena. La zona dorsale è solitamente più scura del resto del mantello, formando una linea dalla testa al posteriore che termina in una grande macchia bianca sulla groppa, uno dei suoi aspetti più distintivi.

Gli zoccoli dei maschi di questa specie sono lunghi 6 centimetri e larghi 4, mentre quelli delle femmine sono più piccoli. Un’altra caratteristica del cervo sika è che il suo mantello invernale è composta da peli lunghi da 5 a 7 centimetri, mentre quella estiva ha peli di 3 centimetri (notevolmente più corti).

Ogni anno questo tipo di cervo effettua la muta due volte. Nei climi temperati settentrionali questa dura da 2 a 4 settimane e inizia a settembre, mentre la muta estiva dura 3 mesi e inizia a marzo. Curiosamente, e per ragioni sconosciute, l’esemplare più anziano del cervo sika è quello che inizia la muta nel gruppo.

D’altra parte, le corna sono presenti solo nei maschi di questa specie. I cervi sika maschi hanno corna di velluto da maggio ad agosto e la ricrescita richiede 130 giorni. Queste strutture sono strette, erette e leggermente inclinate all’indietro, misurano tra i 30 ei 66 centimetri di lunghezza con 2 o 5 punte.

Comportamento del cervo sika

Una particolarità del cervo sika è quella di non essere gregario, poiché i maschi adulti sono solitari per gran parte dell’anno. A volte possono raggrupparsi, mentre le femmine e i loro piccoli formano gruppi di 2 o 3 individui durante la stagione del parto.

Se ci sono controversie sul territorio tra i cervi sika, i maschi usano le loro corna e zoccoli come armi.

I maschi di questa specie segnano i limiti dei loro territori scavando buche con le corna e le zampe anteriori larghe 1,6 metri e profonde 0,3 metri (in media) nelle quali urinano frequentemente. Colpiscono anche la copertura del terreno con le corna per indicare ad altri individui che stanno entrando nel loro territorio.

Alimentazione del cervo sika

La dieta di un cervo sika è erbivora e può includere erbe palustri, foglie di alberi caduti, vegetazione arbustiva, erbe, funghi, bambù, felci, edera velenosa, semi di soia e mais. La sua capacità di adattamento gli consente di nutrirsi di piante diverse, motivo per cui negli ecosistemi europei è responsabile di danni nelle piantagioni di conifere.

Riproduzione del cervo sika

Il cervo sika è poligamo e di solito un maschio di successo alleva fino a 12 femmine nel suo territorio durante la stagione degli amori. Durante questo periodo, i maschi esauriscono rapidamente le loro riserve di grasso e possono perdere fino al 20-30% del loro peso corporeo.

Le femmine, da parte loro, non perdono peso durante la stagione degli amori di 6 settimane e possono associarsi con diversi maschi per accedere a vari siti di foraggiamento. Entrambi i sessi raggiungono la maturità sessuale a 18 mesi di età e si riproducono solitamente tra settembre e ottobre.

Le nascite avvengono tra maggio e giugno, periodo in cui nasce un solo cucciolo dopo una gestazione di circa 30 settimane. Il piccolo cervo pesa circa 4,5-7 chilogrammi e si nutre per 10 mesi del latte fornito dalla madre. L’allattamento al seno supporta anche lo sviluppo immunitario.

Le femmine di questa specie partoriscono solitamente in aree boschive o in campo aperto, sebbene in alcuni ambienti utilizzino piccole macchie periferiche di copertura. In Giappone, invece, sono stati osservati casi di ibridazione tra il cervo sika e il cervo nobile. Questi mammiferi di solito vivono tra i 15 e i 18 anni in cattività.

Stato di conservazione

La predazione da parte di lupi, licaoni, volpi e linci ha colpito le popolazioni di cervi sika, così come la storica caccia artificiale. Tuttavia, è attualmente considerato una sorta di “Least Concern (LC)” secondo l’Unione internazionale per la conservazione della natura (IUCN).

Un cervo sica in Giappone.

Come potete vedere, il cervo sika è un mammifero imponente che si caratterizza per la difesa del proprio territorio e per un’ampia capacità di adattamento. Fortunatamente non è una specie minacciata e la sua distribuzione nel mondo gli permette di essere apprezzata in più territori allo stato brado o in cattività.

Potrebbe interessarti ...
I cervidi meno conosciuti del mondo
I Miei Animali
Leggi in I Miei Animali
I cervidi meno conosciuti del mondo

Alcuni cervidi sono piccoli e dall'aspetto molto meno minaccioso. Scoprite in questo articolo i cervidi meno conosciuti del mondo.