Come allevare i triops, dei crostacei poco esigenti

05 gennaio, 2021
I triops sono degli invertebrati poco esigenti, ma, come tutti gli animali, il loro allevamento presenta dei requisiti specifici che devono essere presi in considerazione.

I triops sono un genere di crostacei appartenenti alla classe Branchiopoda. Si tratta di esseri preistorici, apparsi per la prima volta sulla Terra durante il Triassico, ovvero circa 220 milioni di anni fa. È davvero affascinante che siano riusciti a sopravvivere fino ai giorni nostri. I triops non hanno bisogno di molte cure, ma se volete allevarli, avrete bisogno di qualche consiglio.

Una volta i triops venivano acquistati come uova, covati in un piccolo acquario ed entro un mese o due tutti gli esemplari morivano. Sebbene il ciclo di vita dei triops sia davvero breve, potete allevarli in un acquario e farli sopravvivere molto più a lungo se seguite le linee guida che vi mostreremo di seguito.

Cosa bisogna sapere prima di allevare i triops

Attualmente ci sono sette diverse specie di triops e tutti possono essere allevati come animali domestici. Tuttavia, quando acquistate le uova triops, dovrete assicurarvi che provengano da allevamenti in cattività e non siano state estratte dal loro habitat naturale. Alcune specie di triops sono considerate a rischio, come il Triops australiensis.

I triops vengono sempre allevati dalle uova, che devono essere acquistate in negozi specializzati o da rivenditori certificati su Internet. Di solito vengono vendute in confezioni che includono circa 20 uova, cibo e istruzioni per l’allevamento.

Altre confezioni includono anche un acquario e vari accessori. Sfortunatamente, in molti casi le strutture fornite insieme alle uova lasciano molto a desiderare. Pertanto, è meglio acquistare un acquario per triops, in cui potrete persino far riprodurre i vostri animali domestici.

Un triops su uno sfondo bianco.


Come prendersi cura dei triops in un acquario

I triops sono animali domestici molto facili da allevare e con un po’ di cura otterrete un bellissimo acquario. Inoltre, l’allevamento di questi animali ci permette di osservare il loro intero ciclo biologico, dalla formazione delle uova agli adulti.

La loro aspettativa di vita è breve, non più di quattro mesi nelle specie che raggiungono dimensioni maggiori. Gli esemplari di Triops cancriformis possono crescere fino a circa 10 centimetri e, prima di morire, espellono il maggior numero di uova possibile. Continuate a leggere per scoprire come allestire un acquario per triops e come allevarli.

L’acquario per i triops

Alcuni decidono di tenere i loro triops in un acquario standard senza alcuna decorazione, substrato o controllo delle variabili dell’acqua. Questo va bene se volete vedere solo una volta il ciclo di vita dell’animale. Se volete tenerli come animali domestici per un po’ e affinché gli esemplari rimangano in salute, avrete bisogno di più accessori.

La vasca dovrebbe avere una capacità di almeno quattro litri, poiché quando i tre gemelli sono adulti, la densità di popolazione ottimale è di un triops per ogni litro d’acqua. L’acqua può provenire dal rubinetto, ma deve essere preventivamente trattata per rimuovere cloro e clorammine, poiché sono tossiche per questi crostacei.

Il substrato ideale per i triops è la sabbia grossa, su cui posizioneranno le uova una volta raggiunta l’età adulta, cosa che accade prima che abbiano un mese. Questo substrato dovrebbe avere una profondità di circa tre centimetri.

D’altra parte, è possibile posizionare piante e rocce naturali all’interno dell’acquario, ma devono essere acquistate in negozi specializzati in modo che gli animali non si intossichino. Nessuno di questi elementi decorativi è essenziale, ma daranno un bell’aspetto al vostro acquario.

Come vedremo più avanti, le uova dei triops si schiudono in acqua distillata. Tuttavia, dopo 10 giorni dovrebbero passare a un tipo di acqua più mineralizzata. Ciò produrrà dei cambiamenti nelle caratteristiche dell’ambiente, che devono essere tenute sotto controllo.

Fattori fisico-chimici

L’acqua della vasca deve avere una temperatura costante di circa 25 ºC, perché se questo valore cambia troppo i triops moriranno. Quindi assicuratevi di avere un termometro per monitorare la temperatura.

Un altro fattore cruciale per la cura e lo sviluppo dei triops in acquario è il pH, che cambierà a seconda delle specie che lo abitano. Alcune specie di triops abitano solo acque altamente alcaline, mentre altre preferiscono gli ambienti acidi. Tuttavia, l’intervallo di pH ottimale solitamente si aggira tra sette e nove.

Infine, ci sono due elementi che non possono mai mancare nell’acqua: ossigeno e calcio. Affinché questi crostacei si sviluppino correttamente, l’acqua deve essere ben ossigenata. Usare degli apparecchi che producono bollicine è un buon modo per farlo.

Riproduzione del triops.

Per quanto riguarda il calcio, è necessario per la muta. Pertanto, è consigliabile introdurre regolarmente delle compresse di calcio, che possono essere trovate nei negozi per animali.

Infine, è importante posizionare un filtro nell’acquario, in quanto questo eviterà l’accumulo di ammoniaca e altre sostanze tossiche nell’acqua che si formano a causa della digestione degli animali.

La schiusa delle uova

I nuovi triops non dovrebbero schiudersi direttamente nella vasca dove trascorreranno il resto della loro vita. Vi conviene pianificare la schiusa in un piatto profondo circa due centimetri e sempre con acqua distillata.

Prima di aggiungere le uova all’acqua, dovete assicurarvi che sia ad una temperatura di 25 ºC. Inoltre, prima di aggiungerla al piatto, dovete scuoterla in modo che si ossigeni. Adesso potete aggiungere le 20 uova, che si schiuderanno in 24 ore circa.

In genere, le confezioni che contengono le uova hanno anche il cibo per le prime fasi di sviluppo. Dovrete seguire le istruzioni, ma è meglio non sovralimentare le larve, poiché potrebbero svilupparsi alghe e batteri e uccidere i vostri animali domestici.

Quando i triops sono adulti, mangeranno quasi tutto. Per questo motivo, potete utilizzare il tipico cibo in scaglie di pesce o anche cibo vivo – come le pulci d’acqua (Daphnia) – come alimento di base.

Una volta trascorsi dagli otto ai dieci giorni, potete posizionare i triops nell’ultima vasca, dove vivranno per il resto del loro ciclo di vita. Questo passaggio dovrebbe essere fatto gradualmente per evitare uno shock: è meglio aggiungere l’acqua poco alla volta dal piatto alla vasca e mescolare. Entrambi devono essere alla stessa temperatura.

La riproduzione dei triops

Come abbiamo detto più volte, i triops hanno una vita breve ma intensa. Se volete che il vostro acquario possa ospitarli più a lungo del loro normale ciclo di vita, dovrete fare in modo che le uova si schiudano ogni pochi mesi.

Quando le femmine raggiungono l’età adulta, inizieranno a deporre le uova. La riproduzione di questi animali è sia sessuale che asessuata, quindi i maschi non sono sempre necessari. Questa varietà delle strategie riproduttive fa sì che le popolazioni di triops crescano molto rapidamente.

Non appena le femmine depositano le uova, potete estrarle insieme al substrato. Affinché le uova si schiudano, devono attraversare un periodo di essiccazione. Pertanto, dovreste lasciarli asciugare completamente prima di ricominciare con la schiusa della generazione successiva.

Allevare i triops come animali domestici è molto semplice. Tuttavia, non possiamo dimenticare che sono esseri viventi, quindi hanno certamente dei requisiti impegnativi. I bambini possono divertirsi a guardare i triops crescere e svilupparsi, ma gli adulti devono prestare attenzione.

  • Boix, D., Sala, J., & Moreno-Amich, R. (2002). Population dynamics of Triops cancriformis (Crustacea: Branchiopoda: Notostraca) of the Espolla temporary pond in the northeastern Iberian peninsula. Hydrobiologia, 486(1), 175-183.
  • Sean B. (2020). Triops Aquarium Care: Hatching, Tank Setup & Diet. The aquarium adviser. Disponible en: https://theaquariumadviser.com/triops-care-hatching-feed-preparing-the-tank/#How_to_Feed_Your_Triops_and_Watch_Them_Grow
  • Seaman, M. T., Kok, D. J., Von Schlichting, B. J., & Kruger, A. J. (1991). Natural growth and reproduction in Triops granarius (Lucas)(Crustacea: Notostraca). In Studies on Large Branchiopod Biology and Aquaculture (pp. 87-94). Springer, Dordrecht.