Come alleviare lo stress nei conigli

· 29 agosto 2018
Nei conigli, lo stress si manifesta in molti modi, specialmente quando i loro bisogni di base non sono soddisfatti in modo adeguato.

Gli animali, come noi umani, sono inclini allo stress, siano essi esseri completamente selvatici che domestici. Avete mai sentito parlare di stress nei conigli? Questi animali possono presentare una serie di sintomi che, se non trattati in tempo, rischiano di produrre conseguenze persino fatali. Vediamo allora come combattere e alleviare lo stress nei conigli in modo efficace e naturale.

Stress nei conigli: malattia silenziosa

Lo stress emotivo è una vera e propria malattia che colpisce sia le prestazioni psicologiche che fisiche degli animali. Indubbiamente, questo si manifesta in modi diversi per ogni specie. Combattere questa patologia “invisibile” richiede molto tempo e pazienza.

Nel caso dei conigli, occorre tener presente che si tratta di animali abituati a trovarsi sempre nel livello più basso della catena alimentare. Sebbene vivano tranquillamente, e sicuri, come animali da compagnia, conservano ancora l’istinto di sopravvivenza. Ciò rende sempre complicato il loro adattamento al nuovo ambiente domestico.

La possibilità di muoversi in spazi aperti, avere oggetti da rosicchiare e un numero ridotto di coinquilini, sono alcuni dei consigli di base che vi aiuteranno a favorire la serenità emotiva del vostro coniglio. Tuttavia, una volta che lo stress inizia a manifestarsi, dovrete stare molto attenti per poterlo trattare correttamente.

Coniglio domestico fuori dalla sua casetta

Come si manifesta lo stress nei conigli?

Nei conigli, lo stress si manifesta in molti modi, specialmente quando i loro bisogni di base non sono soddisfatti in modo adeguato (o non lo sono affatto).

Le varie specie della famiglia delle leporidi sono animali molto silenziosi e docili durante il giorno. Questo perché sono animali notturni, che si nutrono a partire dal tramonto, dato che in questo frangente si sentono più sicuri e meglio protetti da possibili predatori. Un improvviso cambiamento di questi comportamenti possono essere la prima avvisaglia del fatto che qualcosa non va.

Sintomi di stress nei conigli

Il primo sintomo di malessere si presenta quando il vostro coniglio inizia a gridare forte e spesso. L’urlo del coniglio è molto peculiare e riconoscibile. Si tratta di un sistema di comunicazione, usato in natura, che serve per avvertire la mandria di possibili pericoli o della presenza di predatori.

I cambiamenti dell’umore e della routine giornaliera sono altri sintomi di uno stato di stress. Se il vostro animale domestico diventa improvvisamente rumoroso, scalcia contro i bordi della gabbia o digrigna i denti, tenete presente che sta cercando di scaricare la rabbia accumulata. Potrebbe voler esprimere il proprio dominio in presenza di un altro maschio. Se il vostro coniglio si trova solo o con una femmina, questo è un segnale di avvertimento serio che non va assolutamente sottovalutato.

Come sicuramente sapete, non è nella natura dei conigli stare fermi e buoni tutto il tempo. Possiedono un’indole attiva e curiosa, che li porta ad esplorare e controllare il proprio ambiente. Anche un coniglio che rimane eccessivamente fermo vuole comunicare che non si trova affatto a suo agio.

Coniglio esce da sotto il letto

Lo stare fermo è una reazione molto comune. L’istinto suggerisce questo comportamento ai conigli che cercano di nascondersi dai predatori nel caso in cui non possa contare sulla protezione di un nascondiglio. Questo comportamento si verifica di solito davanti ad altri animali domestici di grandi dimensioni (come cani o gatti) o nei confronti di altre persone estranee.

Un caso più serio è l’automutilazione. Il coniglio ricorre a questa azione quando è sotto grande pressione e prova dolore in alcune parti del suo corpo. L’animale inizia a leccarsi una parte del corpo in modo ossessivo e a mordersi, terminando col reciderla completamente.

Cosa fare in questi casi?

Anche se sembra che non ci sia nulla da fare, la prima cosa da fare è non agitarsi. Esistono tanti rimedi e sono abbastanza semplici da mettere in pratica. Dovrete solo dare al vostro animale da compagnia il tempo e la libertà per poter migliorare il prima possibile. Anzitutto, vi consigliamo di portare subito il coniglio dal veterinario che saprà diagnosticare il problema, offrendovi soluzioni concrete e sicure.

Veterinario visita coniglio bianco e grigio

  • Spazio sufficiente e libertà di movimento: un coniglio può stressarsi molto se viene tenuto perennemente chiuso in gabbia. Per evitare ciò, potete lasciarlo libero di correre sul pavimento o nel patio. Controllate che questo spazio sia recintato e protetto ed evitate che l’animale possa ingerire elementi tossici o dannosi per il suo metabolismo.
  • Dategli qualcosa da masticare: i conigli adorano mordicchiare le cose, ed è un ottimo modo per liberare lo stress, oltre che per limare i denti. Nelle loro tane naturali, di solito, hanno diversi oggetti che possono rosicchiare. Quindi fate in modo che ne abbiano anche in cattività, in modo da avere sempre qualcosa da fare, se si sentono ansiosi.
  • Un ambiente sereno: i rumori molto forti e gli spaventi improvvisi sono una delle principali cause di stress nei conigli. Quindi, fate in modo che la stanza dove posizionate la gabbia sia tranquilla. Se avete degli ospiti, evitate che agiscano in modo imprudente o diano fastidio all’animale.
  • La cura dell’igiene: ai conigli non piace vivere in un ambiente sporco e potrebbero risentire molto di una gabbia tenuta in pessime condizioni igieniche. Assicuratevi di pulire lo spazio in cui vive regolarmente, per evitare che possano affiorare degli attacchi di rabbia.