Come avere un giardino libero da pulci e zecche

I trucchi per mantenere un giardino libero da pulci e zecche sono tutti in questo articolo. Piccolo spoiler: la cura e il mantenimento della vegetazione è la migliore prevenzione.
Come avere un giardino libero da pulci e zecche

Ultimo aggiornamento: 28 dicembre, 2021

Se vivete in una casa con un patio, volete mantenere il vostro giardino libero da pulci e zecche. Questi parassiti non solo possono infestare gli animali con cui vivete, ma sono anche in grado di mordervi. Inoltre, il problema più grande non è tanto il morso quanto le malattie trasmesse da questi piccoli animali.

Pertanto, in questo articolo vi lasciamo le chiavi per tenere pulci e zecche lontane dal vostro ambiente domestico. Se seguite questi suggerimenti, il vostro piccolo pezzo di terreno verde sarà bellissimo senza parassiti in agguato tra le sue foglie.

Mantenere pulci e zecche lontane dal giardino di casa

L’arma migliore che avrete contro la presenza di questi pericolosi parassiti è la prevenzione. Una corretta manutenzione del giardino comporta misure che, di per sé, tengono lontani insetti e aracnidi che potrebbero essere un problema. Vediamo quali sono queste misure preventive.

Far splendere il sole nel giardino

Pulci e zecche (e come molti altri parassiti e insetti) sono attratti dalle aree umide e scure, poiché è qui che sopravvivono e si riproducono meglio. Pertanto, cercate di non avere aree del giardino dove il sole non splende mai. A tal fine, potate le piante alte e non sovraccaricate quegli angoli e fessure che trascorrono molte ore all’ombra.

In alcuni casi, aiuterà anche a sbarazzarsi di decorazioni e rocce che possono fungere da riparo.

Tagliare l’erba

Un prato trascurato attira sempre gli invertebrati che cercano un posto dove stare e riprodursi. Il solo fatto della vostra presenza, calpestare il terreno e falciare l’erba è già un modo per spaventarli e portargli via un riparo. Ovviamente, fate attenzione a non danneggiare la fauna autoctona nel processo.

Mantenere pulito il giardino

Anche se potrebbe non sembrare, è importante anche spostare di tanto in tanto gli oggetti da giardino (vasi, mobili, attrezzi, ecc.) e pulire gli angoli. Inoltre, dovrebbero essere mantenuti accuratamente, poiché il legno e altri materiali rovinano e rilasciano sporco che attira pulci e zecche.

Una persona che falcia il prato.

Attirare i predatori di pulci e zecche

Un giardino colorato con fiori attirerà uccelli e altri insetti mangiatori di invertebrati. Inoltre, è una buona azione dare alle api (Apis mellifera) un posto dove nutrirsi, poiché sono una specie essenziale negli ecosistemi e che affronta molte minacce.

Approfittare delle piante aromatiche

Un’altra buona idea è quella di avere piante aromatiche in giardino. Alcune di queste sono facili da mantenere, attirano api e uccelli e allo stesso tempo tengono lontane pulci, zecche e altri invertebrati indesiderati, come zanzare o vespe. Potete anche usarle per cucinare. Le più efficaci sono le seguenti:

  • Lavanda.
  • Camomilla.
  • Rosmarino.
  • Menta e menta piperita.
  • Citronella.
  • Erba gatta.

Mantenere gli animali domestici sverminati e protetti

Anche se cercate di mantenere un giardino libero da pulci e zecche, non servirà a nulla se i vostri animali li portano con sé. Cani, gatti e qualsiasi altro animale che trascorra del tempo all’aperto devono essere adeguatamente protetti dai parassiti esterni con collari e pipette.

Preservare la salute dei vostri animali significa anche proteggere anche voi stessi. Le zecche, per esempio, a volte portano la malattia di Lyme. Questa è una pericolosa infezione batterica per l’uomo che inizia con un’eruzione cutanea, febbre e affaticamento, ma finisce per colpire il sistema nervoso e causare la morte se non trattata in tempo.

Cosa fare se c’è un’infestazione da pulci o zecche in atto

Nel caso in cui abbiate già un’infestazione in giardino (e probabilmente in casa), è possibile che dobbiate ricorrere all’eliminazione dei parassiti invece di scacciarli. In questi casi, è meglio evitare insetticidi spray e prodotti chimici tossici per più specie di pulci e zecche. Ci sono altri metodi che sono utili in questi casi.

Terra di diatomee

Le diatomee sono alghe fossilizzate che vengono spesso utilizzate per fertilizzare le piante. Oltre a questo, da loro viene creato un insetticida ecologico e naturale a tossicità zero per gli animali domestici e l’uomo. Elimina pulci e zecche con la disidratazione.

Nematodi patogeni parassiti

Una forma di controllo biologico dei parassiti che attaccano gli animali, come pulci e zecche, consiste nel rilasciare prodotti che contengono nematodi che parassitano questi invertebrati. Le specie più utilizzate sono quelle dei generi Steinernema ed Heterorhabditis.

I nematodi sono considerati un metodo sicuro perché non parassitano altri animali o esseri umani. Inoltre, non diventano una piaga, poiché muoiono una volta lasciati senza pulci e zecche da infestare.

Prodotti per la pulizia specializzati in pulci e zecche

Porre fine a un’infestazione avanzata in casa e in giardino richiede una pulizia accurata e approfondita, in quanto è necessario rimuovere anche le uova che si sono sparse sulle superfici. In commercio esistono molti prodotti per la pulizia specifici per questo e che non rappresentano un rischio per la famiglia.

Nella maggior parte dei casi è necessario applicare più volte i trattamenti per uccidere tutte le generazioni di parassiti.

giardino pulci e zecche

In ogni caso, se non riuscite a mantenere il giardino libero da pulci e zecche, potreste dover rivolgervi a un disinfestatore professionista. Le infestazioni gravi sono impossibili da contenere con i metodi tradizionali e rappresentano un pericolo per la salute dei vostri animali e della vostra, quindi non esitate a chiedere aiuto prima che la situazione sfugga di mano.

Potrebbe interessarti ...
La febbre maculosa delle Montagne Rocciose trasmessa dalle zecche
I Miei Animali
Leggi in I Miei Animali
La febbre maculosa delle Montagne Rocciose trasmessa dalle zecche

La febbre maculosa è la febbre maculata più pericolosa presente in Occidente, in grado di provocare infezioni così gravi da essere mortali.