Come separare due gatti che litigano?

Assistere a una litigio tra gatti è spiacevole per gli umani, ma mai quanto lo è per i felini, che possono rimanere gravemente feriti. Ecco i consigli per evitarlo.
Come separare due gatti che litigano?

Ultimo aggiornamento: 27 ottobre, 2021

Vedere dei gatti litigare provoca in noi una risposta automatica: mettersi in mezzo e fermali. Tuttavia, non è qualcosa di consigliato, poiché comporta rischi per i felini e per l’essere umano che intercede.

D’altra parte, è vero che è necessaria un’azione rapida per separare i felini prima che vengano inflitte gravi lesioni. Quindi che si fa? In questo articolo vi diamo tutte le informazioni necessarie per prepararvi in caso assistiate a uno di questi litigi, quindi non smettete di leggere.

Litigio tra gatti

Nelle visite veterinarie è comune vedere proprietari che portano il loro felino perché ha litigato con un altro gatto e si è fatto male. Senza andare troppo lontano, 1 gatto su 4 mostra comportamenti aggressivi con i propri conspecifici o con gli umani che condividono con loro la casa. In ogni caso, un segno veloce o un graffio non è la stessa cosa di una lotta.

Una lotta tra gatti implica che il conflitto si è intensificato fino a quando entrambi i gatti non arrivano all’aggressione diretta. In questo scenario, strillano, si graffiano e si mordono a vicenda e non si lasciano andare. Questa situazione è pericolosa, in quanto può portare a lesioni gravi o addirittura alla morte di uno dei felini.

Perché i gatti litigano?

Di solito, il combattimento è preceduto per un po’ di tempo da avvertimenti e marcature e, se la tensione non viene risolta, si intensifica fino a scoppiare. Le ragioni principali per un litigio tra gatti sono queste:

  • Territorialità: i gatti sono animali solitari che marcano il proprio spazio, sia per strada che in casa. La presenza di un altro felino nel suo territorio può portare a conflitti.
  • Gerarchia: quando i gatti vivono in gruppo, si stabilisce una gerarchia tra di loro. Mentre la gerarchia va configurandosi (o se uno dei gatti non lo rispetta) si verificheranno aggressioni.
  • Problemi di adattamento: quando un nuovo gatto arriva in una casa dove già vive un altro, è normale che avvenga qualche aggressione isolata, come sibili o graffi. Questo è prevedibile, poiché i gatti si stanno conoscendo e stanno stabilendo la gerarchia. Tuttavia, è fondamentale gestire la situazione in modo che non si trasformi in uno scontro sanguinoso.
Come separare 2 gatti che stanno litigando?

Come comportarsi in una litigio tra gatti?

La migliore azione di fronte a un litigio tra gatti sarà sempre la prevenzione. I segnali di allarme che i gatti si inviano tra loro sono chiari e potete vederli aumentare di intensità nel tempo. Alcuni consigli per evitare scontri futuri sono questi:

  • Fate una buona presentazione ai membri della casa quando arriva un nuovo gatto.
  • Scoprite quale fattore sta influenzando i vostri gatti e risolvetelo: potrebbe essere che sia il poco cibo, degli spazi che si sovrappongono o problemi quando interagiscono con voi, per esempio. Eliminando la causa del conflitto, ridurrete lo stress che li spinge a litigare.
  • Quando i gatti si minacciano l’un l’altro, distraete la loro attenzione: potete lanciare un giocattolo, per esempio. Fate attenzione a non prenderli o intercedere fisicamente, poiché potreste provocare un’aggressione reindirizzata verso di voi.
  • Premiateli se si ritirano dal conflitto: rafforzare i comportamenti non aggressivi aiuterà i felini a capire che vivere con un altro gatto ha dei vantaggi. Questo è molto utile quando si tratta dei primi giorni di convivenza tra i due individui.
  • Castrateli: la sterilizzazione riduce i comportamenti aggressivi e territoriali, tra molti altri vantaggi (come la prevenzione dei tumori gonadici).
  • Usate feromoni artificiali: sebbene debbano essere prima approvati da un veterinario, i feromoni aiutano i gatti a sentirsi più a loro agio nel loro spazio, soprattutto quando si stanno conoscendo.

Tuttavia, è possibile che non siate in grado di rilevare questi segnali di pericolo (perché sono due individui di una colonia felina e non potete monitorarli tutto il giorno, ad esempio). Se scoppia la rissa e non siete stati in grado di prevenirla, ecco il modo corretto di procedere per separare i gatti coinvolti.

Come fermare un litigio tra gatti?

Fermare la lotta tra gatti è urgente, ma anche pericoloso. La prima cosa che dovreste sapere è che non dovreste mai separare i felini con le mani, poiché potete rimanere coinvolti nelle aggressioni e queste sono soggette a complicazioni (non solo a causa delle ferite stesse, ma anche a causa di possibili infezioni).

Inoltre, non dovreste usare strumenti come manici di scopa (o simili) per separare i gatti da lontano, poiché potrebbero farsi male se li usate. Tra l’altro, molto probabilmente sono così presi dalla lotta che non si rendono nemmeno conto che un oggetto estraneo sta cercando di separarli.

Pertanto, la soluzione migliore è creare una distrazione abbastanza intensa da consentire ai gatti di separarsi. Può essere un urlo, un rumore forte o il lancio di un oggetto. Va da sé che questo oggetto non deve essere in grado di arrecare alcun danno ai felini, cioè deve essere morbido e leggero.

Un’opzione molto comune è il tipico spruzzatore che lancia un getto d’acqua, poiché i gatti sono abbastanza reattivi a questo stimolo.

Una volta che li avete separati (e se il litigio è avvenuto all’interno della casa), mettete ogni gatto in una stanza diversa finché entrambi non si calmano. Non puniteli, poiché ciò aumenterà solo l’ansia del momento. Una volta che i due felini si sono calmati, controllate i loro incontri in modo che siano progressivi e non scoppi di nuovo un litigio.

Un gatto molto arrabbiato fuori casa.

Un’ultima considerazione da tenere a mente è che, sebbene esistano farmaci specifici per placare gli istinti territoriali e aggressivi dei gatti, questi saranno efficaci solo in concomitanza con un intervento comportamentale a domicilio. In caso non siate in grado di risolvere il conflitto a lungo termine, rivolgetevi a uno specialista.

Potrebbe interessarti ...
Perché il mio gatto mangia il cibo dell’altro gatto?
I Miei Animali
Leggi in I Miei Animali
Perché il mio gatto mangia il cibo dell’altro gatto?

Se un gatto mangia il cibo dell'altro, il problema potrebbe essere relativo a squilibri nella quantità di cibo, gerarchia, distribuzione delle riso...



  • Curtis, T. M. (2008). Human-directed aggression in the cat. Veterinary Clinics of North America: Small Animal Practice38(5), 1131-1143.
  • Amat, M., Manteca, X., Brech, S. L., Ruiz de la Torre, J. L., Mariotti, V. M., & Fatjó, J. (2008). Evaluation of inciting causes, alternative targets, and risk factors associated with redirected aggression in cats. Journal of the American Veterinary Medical Association233(4), 586-589.
  • Moesta, A., & Crowell-Davis, S. (2011). Intercat aggression–general considerations, prevention and treatment. Tierärztliche Praxis Ausgabe K: Kleintiere/Heimtiere39(02), 97-104.
  • U.S. pet ownership statistics. (s. f.). American Veterinary Medical Association. Recuperado 27 de septiembre de 2021, de https://www.avma.org/resources-tools/reports-statistics/us-pet-ownership-statistics