Come si riproducono i coccodrilli?

I coccodrilli si riproducono in un modo più simile ai mammiferi di quanto si possa pensare. In ogni caso, alcune delle sue peculiarità in relazione a questo argomento ti sorprenderanno.
Come si riproducono i coccodrilli?

Ultimo aggiornamento: 09 agosto, 2021

I coccodrilli sono esseri imponenti, letali, veloci e armati di denti pronti a uccidere. In ogni caso, sebbene siano l’apice della catena alimentare e dominino assolutamente gli ecosistemi in cui abitano, attraversano anche fasi di crescita in cui sono piccoli, vulnerabili e, soprattutto, adorabili. Sapete come si riproducono i coccodrilli?

Anche se può non sembrare, l’atto che dà origine alla fecondazione nei coccodrilli è più simile di quanto si possa immaginare a quello che compiamo nei mammiferi. Se volete sapere tutto sulla danza sessuale di questi rettili, tanto arcaici quanto affascinanti, non smettete di leggere.

Caratteristiche del coccodrillo

Innanzitutto va precisato che il termine “coccodrillo” si riferisce, nella sua accezione più stretta, solo ai membri della famiglia Crocodylidae. Questo taxon comprende 3 generi suddivisi in 15 specie diverse, che sono considerati i rappresentanti dei “tipici coccodrilli”. Alcuni esempi sono Crocodylus niloticus, Crocodylus palustris e Crocodylus siamensis.

Se viene utilizzato un criterio di classificazione più ampio, tutti i membri dell’ordine Crocodilia possono essere inclusi in questo gruppo. Questo include coccodrilli, alligatori e gaviali. Comunque sia, tutti questi rettili sono fossili viventi —l’inizio della loro esistenza risale a 83,5 milioni di anni—, hanno corpi e scaglie robusti, denti aguzzi e sono legati all’acqua.

Tutti i coccodrilli sono rettili con un corpo allungato, un muso piatto prominente, una coda compressa e vari adattamenti all’ambiente acquatico.

Il volto di un coccodrillo.

Dove vivono?

I coccodrilli sono animali eminentemente tropicali e possono essere trovati in Africa, Asia, Australia e alcune regioni delle Americhe. La loro tendenza ai climi caldi non è aneddotica: i rettili sono ectotermici e quindi hanno bisogno del calore ambientale per vivere. Pertanto, non vedrete mai un coccodrillo vivere ai poli.

Inoltre, questi esseri sono inseparabili dagli ambienti acquatici. La loro strategia di caccia è del tipo sit and wait: rimangono nascosti e immobili in uno specchio d’acqua, in attesa che un mammifero o un uccello venga ad abbeverarsi. Una volta catturata la preda, la portano in profondità nello specchio d’acqua in cui si trovano, la annegano e la fanno a pezzi.

Come si riproducono i coccodrilli?

I coccodrilli sono generalmente poligami, il che significa che i maschi cercano di riprodursi con il maggior numero possibile di femmine. In ogni caso, gli studi indicano che sono pochi i maschi dominanti che lasciano la prole in ogni ciclo riproduttivo, soppiantando così i più deboli.

Quando un maschio e una femmina ricettivi si incontrano, si verificano una serie di comportamenti riproduttivi – carezze facciali, pose di nuoto e comportamenti di sottomissione, tra gli altri – che possono estendersi nel tempo. Quando la femmina è stata “convinta”, entrambi vanno in acqua e avviene la fecondazione vera e propria.

Stranamente, questi animali sono caratterizzati da una fecondazione interna. Come indicato da fonti professionali, l’organo riproduttivo del coccodrillo è un a forma di cono, che termina in un setto cloacale. Questo non è visibile in situazioni normali, poiché è retratto nell’orifizio cloacale. L’inserimento del pene avviene dopo l’allineamento della cloaca e l’atto dura circa 15 minuti.

Una volta che i coccodrilli si riproducono, il maschio abbandona la femmina e cerca altri potenziali partner riproduttivi.

Quando raggiungono la maturità sessuale?

I coccodrilli raggiungono la maturità sessuale a una media di 10 anni. Questa cifra può sembrare molto alta, ma bisogna tenere presente quanto segue: gli esemplari della specie Crocodylus porosus vivono fino a 70 anni, mentre Crocodylus niloticus va dai 50 ai 60 anni. In altre parole, sono rettili davvero longevi.

I coccodrilli maschi si riproducono quando raggiungono i 25 centimetri di lunghezza, un valore leggermente inferiore per le femmine.

Incubazione delle uova

I coccodrilli sono ovipari. Ciò significa che, dopo la fecondazione, le femmine depongono un numero variabile di uova che si sviluppano nell’ambiente. Prima che avvenga l’ovideposizione, le femmine scavano nidi, che possono essere permanenti o abbandonati. È possibile rilevare l’attività dei coccodrilli senza vederli grazie a queste costruzioni.

Una volta che la femmina sceglie il posto giusto, procede alla nascita della sua prole – a seconda della specie, saranno da 7 a 95 uova, nella specie tipica da 40 a 60. Una volta terminata la deposizione, lo copre e non si allontana mai troppo da esso durante l’intero processo di incubazione, che dura fino a 95 giorni.

Determinazione del sesso dei cuccioli

Questo potrebbe già suonarvi familiare, poiché è risaputo che il sesso dei coccodrilli è determinato dalla temperatura. Come indicato da studi pubblicati sulla Royal Society, le uova incubate a 30 daranno origine alle femmine, mentre quelle esposte a temperature più elevate (34 ) saranno i maschi.

Poiché è molto più facile mantenere la temperatura costante a circa 30 ℃ che a 34 ℃, la maggior parte dei piccoli che nascono sono femmine, anche se possono esserci esemplari di entrambi i sessi in un’unica deposizione a causa dei minimi cambiamenti ambientali. Pertanto, fonti già citate stimano che il rapporto tra i sessi nella maggior parte delle popolazioni di coccodrilli e alligatori sia 10:1, cioè 10 femmine per ogni maschio.

Il tasso di mortalità è molto alto durante l’infanzia, ma quando i coccodrilli crescono, di solito sono in grado di sopravvivere senza problemi.

Cure parentali nei coccodrilli

I coccodrilli sono i rettili più socievoli là fuori. Sebbene non formino gruppi o branchi, gli esemplari solitamente si radunano insieme sulle rive dei fiumi, riscaldandosi con i raggi del sole. In ogni caso, si costruiscono delle gerarchie: i coccodrilli più grandi sono quelli che hanno accesso alle aree più vantaggiose e a più femmine nella stagione degli amori.

Grazie alla loro socialità, i coccodrilli sono in grado di emettere vocalizzazioni e comunicare tra loro. Questo è molto importante durante lo sviluppo dei piccoli, poiché iniziano a produrre un suono sotto forma di “cinguettio” prima della nascita, avvertendo la madre che sono pronti per venire al mondo. Prima di questo richiamo, la femmina scava il nido e controlla che tutti i suoi piccoli nascano sani e salvi.

Una volta che tutte le uova si sono schiuse – di solito lo fanno quasi contemporaneamente – la femmina si mette in bocca i piccoli e li porta in acqua, dove rimarranno in gruppo fino a raggiungere una dimensione sufficiente per emanciparsi. A titolo di curiosità, studi sulla rivista Nature hanno dimostrato che le femmine prestano meno attenzione ai richiami dei cuccioli più grandi, in quanto ciò potrebbe favorire la loro autonomia e distacco.

Coccodrilli che escono dall'uovo.

Le curiosità dei coccodrilli sono innumerevoli, da come si riproducono alla determinazione del loro sesso. Al di là di quella macchina per uccidere, si nascondono mamme attente e premurose e una socialità insolita nel mondo dei rettili. Senza dubbio, questi fossili viventi non smetteranno mai di stupirci.

Potrebbe interessarti ...
Differenze tra alligatore e coccodrillo
I Miei AnimaliLeggi in I Miei Animali
Differenze tra alligatore e coccodrillo

Nonostante appartengano alla stessa famiglia e sembrino simili, in realtà ci sono diverse differenze tra alligatore e coccodrillo.



  • Piña, C. I., Merchant, M. E., & Verdade, L. M. (2015). Introduction: reproduction in Crocodilians. South American Journal of Herpetology, 10(1), 1-3.
  • Lang, J. W. (1987). Crocodilian thermal selection. Wildlife management: crocodiles and alligators, 301, 317.
  • Larriera, A., Simoncini, M. S., Cruz, F. B., & Piña, C. I. (2011). Climatic effects on the reproductive biology of Caiman latirostris (Crocodylia: Alligatoridae). Amphibia-Reptilia, 32(3), 305-314.
  • Chabert, T., Colin, A., Aubin, T., Shacks, V., Bourquin, S. L., Elsey, R. M., … & Mathevon, N. (2015). Size does matter: crocodile mothers react more to the voice of smaller offspring. Scientific reports, 5(1), 1-13.
  • Woodward, D. E., & Murray, J. D. (1993). On the effect of temperature-dependent sex determination on sex ratio and survivorship in crocodilians. Proceedings of the Royal Society of London. Series B: Biological Sciences, 252(1334), 149-155.