Commensalismo: tutto quello che c'è da sapere

Il commensalismo è una relazione molto efficiente tra le specie, poiché una ne trae beneficio senza che l'altra ne soffra. Scoprite di più a riguardo in questo articolo.
Commensalismo: tutto quello che c'è da sapere

Ultimo aggiornamento: 13 ottobre, 2021

Nessun individuo è un’isola in natura: in misura maggiore o minore, tutti gli organismi interagiscono tra loro e persino dipendono l’uno dall’altro per sopravvivere. È il caso del commensalismo, una delle varie forme di simbiosi che esistono nel regno animale.

Le relazioni interspecifiche hanno sempre un livello di complessità più elevato di quanto sembri. Quindi ecco tutti concetti base sul commensalismo, così come alcuni esempi. Continuate a leggere.

Cos’è il commensalismo?

Il commensalismo è un tipo di simbiosi in cui la specie parassita beneficia dell’ospite senza che questo abbia ripercussioni, siano esse positive o negative. È uno dei tipi più comuni di relazioni interspecifiche, sia in macro che in microbiologia. Il termine deriva dal latino cum Mensa, che significa “condividere la tavola”.

Il commensalismo è una relazione a senso unico, cioè c’è sempre un organismo avvantaggiato e un ospite la cui situazione rimane invariata (non ha né vantaggi né svantaggi). Inoltre, il primo è solitamente collegato fisicamente all’ospite.

Un bue sulla testa di una zebra.

Tipi di commensalismo

All’interno del commensalismo stesso esistono diverse varianti a seconda di come si configura la relazione tra i 2 individui. Nelle righe seguenti potrete trovare tutti i tipi che possono verificarsi.

Inquilinismo

L’inquilinismo si verifica quando il parassita utilizza lo spazio abitativo di un’altra specie senza che questo comporti uno svantaggio per essa. Può avvenire mentre l’ospite si trova sul posto o quando se ne va, e conta come strategia di inquilinismo anche il caso di un animale che occupa uno spazio abbandonato, come le specie di uccelli che si stabiliscono nei nidi lasciati vuoti.

Metabiosi

La metabiosi comporta la scomposizione dei composti chimici creati da una specie in prodotti utili per un’altra. È comune vederla nel mondo dei microrganismi, poiché si verifica tra i batteri e il parassita di solito utilizza questi composti per creare energia.

Foresi

La foresi si riferisce all’uso dell’ospite come mezzo di trasporto o riparo. In generale, il parassita aderisce all’ospite senza arrecare alcun danno (infatti, molte volte non si accorgono nemmeno di trasportare qualcuno) e può addirittura nutrirsi di alcuni dei loro resti.

Classificazione in base alle esigenze del parassita

A seconda del grado di dipendenza che una specie presenta con il suo ospite, si possono trovare 2 tipi di commensalismo:

  1. Obbligatorio: l’organismo ha bisogno dell’altro per la propria sopravvivenza.
  2. Facoltativo: la specie parassita potrebbe sopravvivere senza l’altra, ma unirsi ad essa le rende la vita più facile.

Metabiosi o tanatocresi

Questo tipo di commensalismo è molto diffuso in natura e fa parte di una funzione essenziale: l’eliminazione degli sprechi. Si verifica quando una specie si nutre dei rifiuti di un’altra, come le sue feci o il suo cadavere.

Esempi di commensalismo

Tutte queste informazioni in astratto possono essere un po’ difficili da visualizzare nel mondo reale. Per questo motivo, e perché possiate verificare che il commensalismo è davvero comune in natura, ecco alcuni esempi che lo illustrano.

Squalo e remore

Forse questo è il primo esempio che viene in mente quando si pensa al commensalismo: le piccole remore attaccate ad un enorme squalo che rimane impassibile e non le mangia (nonostante sia un piscivoro). Questa relazione è classificata all’interno della foresi.

La remora si attacca al corpo degli squali con la bocca, adattata a forma di disco aspirante, per percorrere lunghe distanze senza sprecare energie. Inoltre, lo squalo protegge la remora da potenziali predatori e fornisce persino cibo con i resti del cibo che consuma.

Opilioni e formiche

Gli opilioni sono invertebrati dell’ordine degli aracnidi che tendono a vivere in zone buie e umide. È stato scoperto che alcune zone dell’Argentina non soddisfano le condizioni necessarie alla loro sopravvivenza, pertanto sono zone in cui non dovrebbero trovarsi opilioni.

Tuttavia, questi aracnidi si rifugiano nei formicai, poiché sono luoghi con un microclima più adatto a loro. Le formiche lo permettono, perché questo tipo di relazione non causa loro alcun danno. Questo è un caso di inquilinismo.

Gli opilioni sono piccoli.

Commensalismo tra ragni e alberi

Anche le specie vegetali fanno parte dei rapporti commensali: basta osservare da vicino il tronco di un albero. Sicuramente troverete almeno un invertebrato che ci corre intorno.

Molti ragni creano le loro tele o si rifugiano nei tronchi degli alberi senza causare danni alle piante. In questo modo ottengono protezione contro i loro predatori e hanno un migliore accesso al cibo (di solito altri invertebrati che si avvicinano alla loro zona).

I ragni e gli alberi rappresentano un tipo di commensalismo.

Mosche e acari del prosciutto

Negli essiccatoi per prosciutti, i lavoratori devono prestare molta attenzione agli acari che se ne nutrono, poiché di solito rendono il prodotto inutilizzabile per la vendita. Questi microscopici aracnidi sono in grado di saltare da una stanza all’altra grazie alle mosche che entrano nel luogo.

Gli acari si posano su queste mosche quando atterrano sul prosciutto e scendono quando si posano su un altro pezzo. È un caso di foresi e anche la mosca non si rende conto che sta trasportando microrganismi sul suo corpo.

Mosche e acari rappresentano un tipo di commensalismo.

Commensalismo tra uccelli e alberi

Questa abitabilità è simile al caso precedente dei ragni: gli uccelli, in genere, creano i loro nidi tra i rami degli alberi. Questo di solito non provoca danni all’organismo vegetale, ma fornisce protezione ai piccoli dagli elementi e dai predatori (e può anche fornire cibo con i suoi frutti).

Alcuni uccelli appena nati su un nido.

Pesce pagliaccio e anemoni

Questo è un altro dei tipi più conosciuti di commensalismo, in questo caso obbligatorio, poiché il pesce pagliaccio non potrebbe sopravvivere senza l’anemone. Il primo è immune al veleno delle attinie, a differenza dei suoi predatori, per i quali risulta urticante.

In questo modo il pesce pagliaccio vive tra i tentacoli degli anemoni e si avventura solo al di fuori di essi per trovare cibo. La prole di questo pesce non sopravvivrebbe senza il rapporto commensale che pratica, poiché anche le sue uova godono della protezione dell’anemone.

Conoscete alcune delle curiosità del pesce pagliaccio?

Iene e leoni

Questo tipo di relazione è facoltativo, poiché le iene sono capaci di cacciare e, inoltre, lo fanno in gruppo. Tuttavia, è molto più facile per loro approfittare degli avanzi di cibo lasciati dai leoni, poiché possono nutrirsi di carne in decomposizione. I grandi felini non vengono danneggiati, poiché mangiano tutto ciò di cui hanno bisogno e poi se ne vanno.

Le iene sono animali digitigradi.

Ci sono molti altri esempi di commensalismo in natura, poiché è una relazione sicura in entrambe le direzioni e che, inoltre, svolge funzioni essenziali nell’ecosistema. Se siete interessati all’argomento, sicuramente trovete casi ancora più incredibili di quelli che avete letto in questo articolo. Provate a trovarne altri!

Potrebbe interessarti ...
Le relazioni tra esseri viventi: tipi ed effetti
I Miei Animali
Leggi in I Miei Animali
Le relazioni tra esseri viventi: tipi ed effetti

Si formano relazioni tra esseri viventi di diverse specie al fine di raggiungere l'equilibrio di tutti gli animali presenti nella stessa area



  • Acosta, L. E. (2002). Patrones zoogeográficos de los opiliones argentinos (Arachnida: Opiliones). Revista Ibérica de Aracnología, (6), 69-84.
  • Lotero, B. (2013). Adaptación, mutualismo, parasitismo, comensalismo.
  • Lubbock, R. (1980). Why are clownfishes not stung by sea anemones?. Proceedings of the Royal Society of London. Series B. Biological Sciences207(1166), 35-61.