Consigli per gestire i pipistrelli in cattività

I pipistrelli sono ospiti presenti in tutti i rifugi per animali, dato che spesso i piccoli cadono dal nido o si feriscono. Ecco come gestirli in cattività.
Consigli per gestire i pipistrelli in cattività

Ultimo aggiornamento: 09 marzo, 2021

Questi piccoli mammiferi sono pazienti abituali nei centri di recupero della fauna selvatica, soprattutto i cuccioli ritrovati fuori dai nidi dai viandanti o gli esemplari malati. Ma servono alcune competenze specifiche per saper gestire i pipistrelli in cattività.

Scoprite tutto quello che c’è da sapere per gestire i pipistrelli in cattività e aiutare questi animali così particolari e spesso bistrattati.

Dati generali sulla gestione dei pipistrelli in cattività

In primo luogo, prima di entrare in contatto con qualsiasi pipistrello è fondamentale sottoporsi ad un vaccino antirabbico. Si tratta di una precauzione necessaria considerata la tendenza dei pipistrelli a mordere e la possibilità che siano infetti. Si raccomanda anche l’uso di guanti di cuoio in ogni momento.

Uomo si prende cura di un pipistrello in cattività.
Fonte: https://www.grefa.org/

Prima di raccogliere un pipistrello da terra, procuratevi un grande sacco di tela che possa fungere da nido. Le dimensioni ideali variano a seconda della specie che vive in quell’area, ma in ogni caso ciascun sacco può ospitare esclusivamente un individuo.

Riponete il sacco in sospensione, ben fissato, all’interno di casse di cartone o di legno. Così facendo renderete il trasporto più facile evitando colpi.

I sacchi possono essere utili per avvolgere l’animale e lasciare esposte le parti del corpo che volete esaminare in una prima ispezione.

Pipistrelli in cattività

Strutture

I pipistrelli hanno bisogno di spazi ampi, soprattutto le specie più grandi. In quel caso, il modo più comodo per catturarli per esaminarli può essere l’uso di un acchiappa farfalle.

All’interno della struttura che li accoglierà si raccomanda di inserire casette di legno dove possano appendersi e nascondersi. L’ideale è almeno 3 o 4 per ogni struttura. I pipistrelli costretti a stare in ambienti piccoli e insieme a gruppi numerosi tendono a ferirsi e presentare alopecia, a causa dello stress e dei combattimenti con altri individui.

Pipistrello si ciba di vermi.
Fonte: https://grefa.org/

Anche se sono animali sociali, tendono ad alimentarsi in solitudine. Per questo motivo assicuratevi che dispongano di spazi in cui allontanarsi dal resto degli individui. Se il gruppo è numeroso, procurate loro tante ciotole per il cibo disposte in diversi punti del recinto, ben distanziati tra di loro. In questo modo preverrete anche possibili collisioni durante le loro planate.

Si raccomanda di coprire il pavimento della struttura per ridurre il rischio che esemplari diversi si feriscano quando si posano a terra.

Tenuto conto della cattiva resistenza dei pipistrelli al freddo, si raccomanda di garantire all’interno delle strutture una temperatura vicina ai 38°C. Di notte spegnete il riscaldamento per ricreare la dualità giorno-notte a cui sono abituati. È stato dimostrato come queste misure bastino ad aumentare le probabilità di sopravvivenza e il consumo di cibo.

Per poterli identificare individualmente, molti centri optano per l’uso di braccialetti o collari con un codice a colori.

Alimentazione

Molti pipistrelli tendono a catturare le loro prede o a raccogliere i pezzetti di frutta in volo. Gli esemplari catturati da poco e che sono stati tenuti a lungo in spazi troppo piccoli, potrebbero avere difficoltà a volare.

Un pipistrello mangia della frutta.
Fonte: https://www.batworlds.com/

Nei primi giorni dopo la cattura, il cibo dovrà essere posizionato in un punto accessibile sul pavimento della struttura, onde evitare una morte prematura. Per alcuni individui potrebbe essere necessaria un’alimentazione manuale fin quando ricominciano a nutrirsi da soli.

L’acqua potabile deve essere sempre a disposizione.

Malattie e cause di mortalità

La prima causa di mortalità nei pipistrelli in cattività è lo stress dovuto alla cattura, che sopravviene durante le prime ore. Quelli che sopravvivono possono sviluppare salmonella e altre infezioni derivate dalle ferite che si producono durante il trasporto e ai litigi con gli altri individui. Sono abbastanza comuni anche gli ectoparassiti, che negli esemplari più giovani possono essere causa di morte.

Gestire pipistrelli in cattività: quando sono cuccioli

Gestire pipistrelli in cattività. Uomo nutre un pipistrello in cattività con siringa.
Fonte: https://www.grefa.org/

Se arrivano nel centro di recupero pipistrelli nati da poco dovranno ricevere un’alimentazione speciale attraverso una siringa. Si alimenteranno quattro volte al giorno con una quantità corrispondente al 5% del loro peso. È anche importante mantenerli ad una temperatura tra i 36 e i 40°C per almeno due ore prima di dare loro il cibo.

Potrebbe interessarti ...
Conosciamo la donna che salva i pipistrelli
I Miei Animali
Leggi in I Miei Animali
Conosciamo la donna che salva i pipistrelli

La donna che salva i pipistrelli è riuscita a restituire alla natura centinaia di pipistrelli nel corso degli anni. Vediamo in che modo.



  • Fowler M, Cubas Z. Biology, Medicine, and Surgery of South American Wild Animals. Hoboken: John Wiley & Sons; 2008. Pages: 219-222