Cosa mangia un coniglio appena nato?

23 Aprile 2018

Sapere cosa mangia un coniglio appena nato è essenziale per poter fornirgli i nutrienti necessari. Ciò fa parte delle cure di cui avrà bisogno questo animale domestico, durante la sua fase di crescita. In questo articolo vi mostreremo come nutrire un cucciolo di coniglio, indicandovi frequenza e tempi.

Prendersi cura di un animale con pochi giorni di vita può sembrare un compito scoraggiante per chi non ha molta esperienza. Vediamo allora qualche suggerimento pratico in modo che possiate gestire il coniglio appena nato, nel miglior modo possibile.

Le fasi dell’alimentazione di un coniglio appena nato

Il sistema digestivo dei conigli appena nati è molto suscettibile ai cambiamenti del loro ambiente. Un calo o un aumento drastico delle temperature o una variazione troppo brusca della dieta possono influire negativamente sulla salute.

un coniglio appena nato tra le mani di una ragazza

Pertanto, è consigliabile seguire una serie di linee guida che vi permetteranno di nutrire correttamente questo piccolo roditore, giorno per giorno. E’ evidente che il tipo di alimentazione cambierà, mano mano che il coniglietto diventa più grande:

  • Fino alle 3 settimane di età è consigliabile nutrire il coniglio solo con latte materno o uno che lo sostituisca. Nel caso in cui la madre non sia disponibile, provate a comprarne un tipo raccomandato dal veterinario, che probabilmente avrà un alto contenuto di calorie.
  • Da 3-4 settimane dovreste continuare ad alimentare il coniglio con il latte, ma potete iniziare ad aggiungere dell’erba medica, che fornirà il calcio e le proteine ​​di cui hai bisogno. I conigli adulti, e in particolare le femmine gravide, vengono spesso nutriti con erba medica per il loro prezioso contributo nutrizionale. Il modo migliore per incorporare questa pianta, nella dieta di un coniglio nel processo di svezzamento, è miscelarla con acqua o latte.
  • Dopo 12 settimane potete iniziare a includere diversi tipi di verdure. La flora intestinale del vostro coniglio impiegherà del tempo per abituarsi a questa nuova acquisizione, quindi cercate di dargli un diverso tipo di verdura ogni volta e aspettate un po’ prima di dargliene una nuova.
  • Dopo 4 mesi, le cose iniziano a diventare più facili. La dieta del vostro roditore domestico è ora quella di un esemplare adulto e, come tale, consisterà in grandi quantità di fieno (80%), verdure fresche (10%) e mangimi (10%), nonché acqua dolce.

Superata agevolmente la barriera dei quattro mesi di vita, potrete definitivamente abbandonare il latte e iniziare a somministrare del semplice mangime per conigli adulti. A questo punto potrete anche ridurre le quantità di erba medica e aumentare la quantità di fieno.

bambina con coniglio in mano

Prendersi cura di un coniglio appena nato

Gli animali appena nati dipendono dalla presenza della madre per apprendere alcune abitudini e riflessi di base. Non a caso, uno svezzamento precoce può portare a dei disturbi comportamentali nei piccoli. In genere, per natura, tutte le madri tendono a stimolare gli sfinteri dei loro neonati per regolare il loro transito intestinale.

Nel caso in cui la madre dell’allevamento non sia presente, dovreste cercare di fare altrettanto e rimpiazzare queste cure il più possibile. Nel caso della regolazione delle evacuazioni, dovreste stimolare la sua zona genitale con un piccolo fazzoletto umido.

L’ambiente in cui allevare il coniglio appena nato deve essere caldo e accogliente. Dovrete cercare di ricreare una vera e propria tana, come quella che mamma coniglio allestirebbe. Quindi, cercate di montare un piccolo giaciglio di paglia pulita, sotto il quale posizionerete della carta assorbente.

A volte, la madre del coniglietto è presente, ma si dimostra indifferente rispetto al neonato. Se siete sicuri che non vuole interagire con i piccoli e che questo comportamento non tende a cambiare, dovrete separarli dalla madre, prima che possano esserci dei rischi per i cuccioli.