Diete vegane per animali domestici: parlano gli esperti

Oggi sempre più persone seguono una dieta vegana, ed hanno iniziato a somministrarla anche ai propri animali domestici. Tuttavia, gli esperti non la raccomandano affatto.
Diete vegane per animali domestici: parlano gli esperti

Ultimo aggiornamento: 21 giugno, 2021

Le diete vegane sono diventate una tendenza che è stata applicata anche agli animali domestici, ma gli esperti avvertono che queste non sono abbastanza complete per loro. In questo articolo indicheremo i fondamenti scientifici che sostengono questa tesi, controversa ma corretta dal punto di vista biologico.

Per comprendere meglio i concetti professionali sull’impatto di queste diete sugli animali domestici, è necessario capire da dove provengono gli esseri viventi che oggi conosciamo come animali domestici e come sono cambiate le loro strategie di alimentazione.

Quali sono le diete vegane per animali domestici?

Come sottolinea un articolo scientifico sul veganismo, questo stile di vita si basa sul seguire una dieta che non consumi cibo di origine animale. Pertanto, le persone e gli animali domestici che seguono questa dieta non mangiano proteine animali, latte o suoi derivati, uova o miele. Molti vegani evitano anche l’utilizzo di prodotti non alimentari, ma che hanno comunque comportato lo sfruttamento di un animale.

Uno studio pubblicato su Plos One e applicato nel Regno Unito indica che 1/3 dei tutor vegani fornisce una dieta uguale ai loro amici non umani. Tra le motivazioni che portano a prendere questa decisione espresse dagli intervistati ci sono le preoccupazioni per la salute dei loro animali domestici, il loro impegno per la sostenibilità, la conservazione dell’ambiente e l’empatia per gli altri animali.

Con queste idee di fondo, per alcuni vegani è una contraddizione seguire questa dieta in modo individuale e somministrare invece mangimi a base di carne ai propri animali domestici. Soprattutto perché la produzione di questi mangimi lascia un’elevata impronta di carbonio e richiede una grande quantità di acqua. Ma in che modo questa dieta li influenza?

La vitamina C è essenziale per i cani.

Cani e gatti: carnivori, onnivori o erbivori?

Cani e gatti non sono sempre stati i nostri compagni. Migliaia di anni fa, erano esseri selvaggi e si nutrivano da soli. La caccia ad altri animali era il loro metodo principale per procurarsi il cibo. Infatti, come indicano gli studi, l’antenato selvatico del cane è il lupo, essendo la prima specie addomesticata dall’uomo.

Oggi siamo i guardiani che forniscono il cibo, che a sua volta deve fornire tutti i nutrienti necessari per mantenere la salute generale dell’animale. Sebbene questi animali abbiano lasciato pratiche come la caccia, il loro metabolismo ha ancora richieste correlate che devono essere considerate.

Gli studi indicano che i cani sono geneticamente onnivori, cioè mangiano sia carne che verdura. È importante sottolineare che questi canidi non sono “adattati” a digerire un tipo di cibo piuttosto che un altro, quindi la loro dieta viene definita “generalista”.

La ricerca indica che i gatti hanno bisogno di consumare tessuti animali per soddisfare pienamente i loro bisogni nutrizionali, tenendo conto del fatto che sono rigorosi carnivori. Viene descritto che il fabbisogno proteico è fondamentale per questa specie, per il suo apporto di taurina, acido arachidonico e vitamina A preformata.

Circa la metà dell’energia dei gatti dovrebbe provenire da proteine pure. Il resto sono idealmente grassi naturali provenienti dai tessuti delle loro prede.

Perché le diete vegane per animali domestici non sono complete?

Essendo onnivori, è probabile che un cane possa adattarsi meglio ad una dieta vegana, tuttavia, non è l’opzione migliore. Nel caso dei gatti vengono sottratti i nutrienti essenziali per la loro crescita e sviluppo ottimali. Tanto che la Royal Society for the Prevention of Cruelty to Animals (RSPCA) del Regno Unito è una delle istituzioni che ha fatto di più in questo senso.

Di recente, i media internazionali hanno riportato come la RSPCA abbia fatto diverse visite a una coppia in Australia che ha nutrito i propri cani con una dieta quasi vegana. Il risultato fu la sua malnutrizione dopo 3 anni. La coppia è stata condannata a non poter avere cani per i successivi 3 anni e a pagare una multa di quasi 7.000 dollari.

Oltre alla malnutrizione, ci sono varie patologie che possono manifestarsi a lungo termine se si opta per il veganismo nella dieta del proprio animale domestico. Scopriamo quali sono gli effetti più gravi di questo tipo di dieta.

Malattie cardiache nei gatti

La taurina è un amminoacido essenziale per i gatti. Da questo dipende il corretto funzionamento del muscolo cardiaco, della vista, dell’apparato digerente e riproduttivo. Secondo la ricerca, la cardiomiopatia dilatativa è la principale conseguenza di una carenza di questo amminoacido essenziale nei gatti.

Tenendo conto che l’organismo dei felini non ha la capacità di produrre taurina, fornire una dieta carente può portare a seri problemi per il gatto. Oltre a quelli legati alla salute cardiovascolare, questo deficit può portare alla cecità.

Infezioni

Gli animali domestici vengono spesso colpiti da diversi tipi di infezioni. Tra i principali vi sono quella renale, urinaria e riproduttiva, epidermica (piodermite) e gastrointestinale.

D’altro canto, alcune patologie, come cystourolithiasis, urolitiasi ostruzione, cistite batterica, difetti anatomici e neoplasie, sono inclusi in un unico termine: malattie dell’apparato urinario inferiore (FLUTD). Questa patologia è tipica dei gatti e viene trattata come una condizione multifattoriale.

È stato suggerito che una dieta scorretta può portare i gatti a soffrirne. Le ragioni includono un basso apporto di minerali e un controllo inadeguato del pH urinario, che a sua volta può innescare la formazione di calcoli alla vescica. Sebbene colpisca maggiormente i gatti, è una condizione che include anche i cani.

È anche comune che una dieta vegana promuova la diarrea. Una delle sue possibili cause è l’ingestione di cibi difficili da digerire per l’animale, che a sua volta porta a uno squilibrio del microbiota intestinale. Il consumo di prebiotici (microrganismi vivi), come indicato da alcuni studi, favorisce la crescita di batteri che favoriscono la salute intestinale degli animali domestici.

Problemi alle ossa

La vitamina D aiuta a regolare il metabolismo del calcio e del fosforo nell’organismo degli animali domestici. Pertanto, è essenziale nel normale sviluppo della struttura ossea dell’animale, soprattutto nelle sue prime fasi vitali.

Sebbene le fonti di questa vitamina siano molteplici, si stima che le diete vegane non forniscano la quantità necessaria e che gli alimenti di origine animale siano quelli che apportano il maggior contributo. Anche nell’Unione Europea (UE) e nel Regno Unito l’unica forma approvata di vitamina D per gli animali domestici è il D3 o colecalciferolo, derivato dalla lanolina contenuta nel vello di pecora.

A causa dell’uso di animali per ottenerlo, questa vitamina potrebbe essere considerata non vegana.

La dieta vegana per animali domestici non è completa.

Le diete vegane per animali domestici non sono complete!

In questo articolo abbiamo spiegato perché, secondo gli esperti, le diete vegane per animali da compagnia non sono complete. Sono diverse le affezioni che si possono scatenare nel cane e nel gatto se si sceglie questo aspetto nutrizionale, principalmente perché il loro organismo non è uguale al nostro.

Poiché siamo specie diverse, non possiamo imporre le nostre decisioni personali a cani e gatti senza prima considerare tutti i fattori essenziali alla loro corretta e sana sopravvivenza. Infatti, prima di prendere la decisione di cambiare la dieta degli animali domestici, sarà sempre necessario consultare il veterinario, per orientarsi nel modo migliore per farlo.

Potrebbe interessarti ...
3 cibi dell’uomo che anche i gatti possono mangiare
I Miei Animali
Leggi in I Miei Animali
3 cibi dell’uomo che anche i gatti possono mangiare

Quando il vostro gatto si avvicina chiedendo del cibo, è facile dargliene un po'. Ma sappiamo i cibi dell’uomo che anche i gatti possono mangiare?



  • Dodd SAS, Cave NJ, Adolphe JL, Shoveller AK, Verbrugghe A (2019) Dietas vegetales (veganas) para mascotas: una encuesta sobre las actitudes y prácticas de alimentación de los dueños de mascotas. PLoS ONE 14 (1): e0210806. https://doi.org/10.1371/journal.pone.0210806
  • Andreu, M. Nutrición y salud en la dieta vegana.
  • Gaviria, J. Alimentación general y especializada para mascotas en una empresa productora de alimentos balanceados para animales. Corporación Universitaria Lasallista. 2016.
  • Dunner S, Cañón J. Origen y diversidad de la especie canina. Revista veterinaria profesional de animales de compañía. Núm. 130, 2014.
  • Risso, A. Conceptos básicos de nutrición en perros y gatos. CVPBA.
  • N. Corzo, J. L. Alonso, F. Azpiroz, M. A. Calvo, M. Cirici, R. Leis, F. Lombó, I. Mateos-Aparicio, F. J. Plou, P. Ruas-Madiedo, P. Rúperez, A. Redondo-Cuenca, M. L. Sanz, A. Clemente. Prebiòticos; concepto, propiedades y efectos beneficiosos. Nutr Hosp. 2015;31(Supl. 1):99-118.
  • Biourge, V., Chetboult, V. Enfermedades cardiovasculares adquiridas en el gato: influencia de la nutrición.