Il forte carattere dei gatti

28 ottobre, 2015
 

I gatti sono rinomati al mondo principalmente per due aspetti: la loro personalità indipendente e il loro forte carattere. Anche se tutti conosciamo almeno un gatto affettuoso, di quelli che non lesinano coccole ai loro padroni o a qualunque altra persona, spesso dietro a questa facciata si nasconde una creatura dal carattere forte. Ma per capire meglio di cosa si tratta, è bene scoprire innanzitutto alcuni aspetti riguardanti questi straordinari felini.

Le origini dei gatti

I gatti discendono dai felini, dai quali hanno ereditato i tratti forti del loro carattere. Sono tutti discendenti del Felis Catus, esemplare la cui storia si intreccia con quella degli uomini a partire da 4000 anni fa. I primi esseri umani ad addomesticare i gatti furono gli egizi.

I gatti ebbero una forte influenza sugli egizi di migliaia di anni fa, i quali li adottarono tanto come animali domestici, come in qualità di dei. Proprio così: il gatto era considerato sacro, e veniva per questo adorato nell’Antico Egitto. Questo spiega il perché del loro portamento regale ed elegante.

Le relazioni fra gli umani e i gatti ebbero inizio a causa delle grandi quantità di roditori che abitavano quelle zone. Grazie alla loro natura di cacciatori, i felini riuscirono a guadagnarsi la fiducia e l’affetto degli umani. Talmente alta fu la riconoscenza, che nonostante il loro carattere forte alcuni egizi presero a mummificare i gatti stessi, e con loro anche uno svariato numero di topi, il cui compito sarebbe stato quello di servir loro come fonte di alimentazione lungo il viaggio nell’aldilà.

 

A mano a mano che l’affetto verso questi animali cresceva, gli antichi egizi cominciarono ad adorarli, costruendo addirittura statue a loro immagine e somiglianza adoperando materiali costosi.

gatto-fontana

Il loro carattere forte e la loro evoluzione

Se si unisce la loro discendenza dai felini con l’adorazione smisurata che gli egizi riservavano loro, è possibile risalire ai fattori che hanno reso il carattere di questi animali tanto forte da sfiorare a tratti persino l’arroganza.

Tuttavia, successivamente agli egizi, molte altre nazioni cominciarono ad adottare i gatti in qualità di animali domestici, ed è qui che ebbe il via il processo di addomesticazione. Questo fenomeno si è evoluto al punto da far divenire i gatti quelle creature a tutti noi oggi familiari.

Creature dal carattere forte o affettuosi?

miagolii-gatto
 

Questo è un dibattito spesso in corso tra gli amanti e i non amanti dei gatti. Sono i gatti animali dal carattere forte, talvolta persino scontroso, o sono invece docili e teneri? Non è difficile incappare in un gatto alla ricerca del nostro affetto, che magari ci fa le fusa tutt’intorno, o che si infila nel nostro letto per darci il buongiorno, o ancora che strofina la propria zampa sulle nostre gambe in cerca di carezze.

Ma questi aspetti non devono essere considerati in contrasto con la possibilità che abbiano un carattere forte. Appare evidente come i gatti abbiano una doppia personalità: da un lato un carattere forte, dall’altro un’estrema dolcezza. Quale dei due aspetti predomina? Spesso ciò dipende dal tipo di addomesticamento conferito all’animale, come è stato educato, come ci si comporta con lui e, naturalmente, in base alla sua stessa personalità.

Come addomesticare un gatto dal carattere forte

Non appena un gatto è inserito in un ambiente nuovo, è normale che non si senta a suo agio, abbia paura o si nasconda sotto a un letto; potrebbe inoltre mostrarsi scontroso o dare mostra del suo carattere deciso. Il nostro consiglio è questo: abbiate pazienza. Non obbligatelo a venire fuori, né tentate di afferrarlo per farlo uscire. Non otterreste niente di tutto ciò, e potreste invece spingerlo a difendersi attaccandovi.

Ogni volta che lo accarezzate, ripetete il suo nome con affetto e in modo dolce. Abituatelo fin da piccolo ad essere accarezzato mentre mangia o beve acqua. In questo modo acquisterà la fiducia nel fatto che nessuno lo priverà del suo cibo, e che può stare tranquillo in qualsiasi occasione del giorno.

 

Non passate tutto il tempo cercando di insegnare cose al vostro gatto. In questo modo lo annoiereste, e si mostrerebbe scontroso. Eseguite delle sessioni brevi, non sgridatelo, impiegate tutto il vostro affetto. Ricordate, trattate lui come vorreste essere trattati voi. Volete un gatto irritabile? Gridategli contro. Volete un gatto dolce, tenero e affettuoso? Siate a vostra volta dolci, teneri e affettuosi.

Ma soprattutto, siate costanti. Non vi arrendete facilmente, e vedrete che i risultati saranno dei migliori. È pur vero che il carattere dei gatti sarà sempre forte e deciso, ma essi possono al tempo stesso dimostrarsi teneri e affettuosi; tutto dipende da voi e dai vostri sforzi.