Il gambero marmorizzato, un animale capace di clonare se stesso

Il gambero marmorizzato è un mutante che ha già colonizzato regioni dell'Africa e dell'Europa. È una specie che può essere pericolosa per gli ecosistemi, ma con un potenziale che può essere sfruttato.
Il gambero marmorizzato, un animale capace di clonare se stesso

Ultimo aggiornamento: 25 marzo, 2021

I gamberi sono piccoli organismi marini che possono essere trovati in quasi tutti i mari e gli oceani del mondo. La loro distribuzione va dalle profondità del mare alla superficie. All’interno di questo folto gruppo di animali , attira l’attenzione il gambero marmorizzato, una specie mutante che ha iniziato la colonizzazione di vari habitat.

Questo crostaceo (Procambarus virginalis) è un granchio a 10 zampe (decapode) che di solito si nutre di materia organica dal fondo del mare, come resti di alghe e microrganismi marini.

La maggior parte degli esemplari mostra comportamenti aggressivi e, inoltre, forma una parte importante della catena trofica come cibo per vari pesci. Questo crostaceo, soprattutto per le sue caratteristiche tipiche, richiama l’attenzione per un’abilità insolita nel regno animale: è in grado di clonarsi da solo. Se volete sapere come ci riesce, continuate a leggere.

Il gambero marmorizzato e l’autoclonazione

Quando citiamo la parola “clone”, immaginerete sicuramente un organismo identico a un altro, fondamentalmente un gemello. Questo è tipico nelle opere di narrativa, ma la natura si basa su meccanismi fisiologici molto più complessi per portare la vita sulla Terra.

In biologia, la clonazione di un individuo si riferisce al fatto che detto organismo non ha bisogno di un altro per generare nuova prole. In altre parole, la femmina non ha bisogno della fecondazione da parte di un maschio per rimanere incinta. Questo processo è noto come partenogenesi.

Sulla base di questa premessa, si ottiene un organismo geneticamente identico al genitore senza la necessità di cercare un compagno e investire in strategie riproduttive. In questo modo, il gambero marmorizzato produce copie di se stesso con il minimo sforzo, meccanismo con cui riesce a formare un esercito in grado di colonizzare nuovi ambienti.

La clonazione presenta anche alcuni svantaggi, poiché la riproduzione sessuale tra 2 individui è alla base dell’evoluzione e della diversità genetica.

Una doppia elica di DNA bianco.

Gamberi che colonizzano nuovi spazi

I gamberi, in generale, sono organismi ecologicamente importanti, poiché di solito sono specie onnivore in diversi ambienti acquatici. Per questo rappresentano un passaggio importante nella catena trofica, poiché rappresentano il cibo di altri organismi più grandi, che mantengono la stabilità dell’ecosistema.

Ogni specie in un ecosistema ha dei limiti di movimento, quindi rimane limitata in un’area specifica. Le barriere fisiche e comportamentali degli esseri viventi determinano la fauna, la flora e persino la struttura del paesaggio dei diversi ecosistemi.

Ora, cosa succede se aggiungiamo o rimuoviamo qualcosa all’interno di questo equilibrio? Quando gli esseri umani introducono accidentalmente o volontariamente specie in nuovi ambienti, tutti i cicli associati vengono modificati, al punto che nel tempo il paesaggio stesso può cambiare.

Il caso del gambero marmorizzato è grave poiché, se introdotto in un nuovo ecosistema, può influire sull’ambiente crescendo eccessivamente. Essendo in grado di clonare se stesso, sempre più individui appariranno in modo esponenziale, facendo sì che la specie colonizzi sempre più ambienti, cacciando la fauna autoctona.

Se a questo aggiungiamo la capacità dei gamberi di resistere a vari habitat e la loro capacità di mangiare quasi tutto (sono infatti onnivori), ci ritroviamo con un animale con un alto potenziale invasivo. A causa di ciò, in vari studi è stata classificata come specie pericolosa.

Il gambero mutante?

Sfortunatamente, non ci sono dati precisi su quando e dove è apparso il primo gambero marmorizzato. In ogni caso, si possono dedurre diverse cose riguardo al suo aspetto. Grazie a vari studi genetici e fisici, Procambarus fallax è stato identificato come un parente stretto del granchio marmorizzato.

In precedenza, si credeva che questo crostaceo fosse una sottospecie di Procamarbarus fallax. Tuttavia, gli studi genetici erano abbastanza chiari e identificavano il granchio marmorizzato, Procambarus virginalis, come una specie completamente nuova.

Questo rapporto tra le due specie non era una semplice coincidenza, ma si è stabilito che il granchio marmorizzato era il prodotto di una grande mutazione nel genoma di Procambarus fallax, che ha finito per generare questa nuova specie.

Questa mutazione sembra provenire dalla progenie di 2 organismi della specie Procambarus fallax, uno di origine naturale e l’altro da allevamento. Molti di questi gamberi vengono allevati come cibo per i pesci di acquacoltura, quindi le differenze genetiche tra organismi naturali e allevati sono chiare negli studi molecolari.

La mutazione del genoma di una specie può essere causata da vari fattori, come il cambiamento climatico, l’inquinamento marino, la deforestazione e il rilascio di specie invasive. Il cambiamento genetico del gambero marmorizzato non è del tutto naturale, ma ancora una volta bisogna chiamare in causa il comportamento umano.

Come il gambero marmorizzato può esserci utile

Sebbene il gambero marmorizzato sia una specie potenzialmente pericolosa per vari habitat, può anche avere un utilizzo nella società umana.

Uno dei maggiori problemi per la produzione di pesce è la mancanza di cibo che fornisce tutto il necessario per un buon sviluppo muscolare dell’animale. Per risolvere questo problema, una delle migliori opzioni è l’uso di cibo vivo. Tuttavia, questo è piuttosto costoso, a causa di tutti i processi coinvolti.

Per il settore dell’acquacoltura, il mangime vivo genera parecchi costi per 2 ragioni principali: il ciclo di vita e il mantenimento della specie. Prendersi cura di queste prede mentre sono nel loro percorso vitale – nascita, crescita e riproduzione – e allo stesso tempo monitorare tutti gli aspetti necessari del loro ambiente come il livello dell’acqua, l’ossigenazione e il pH, comporta una grande spesa.

È qui che risiede l’importanza dei gamberi marmorizzati. Poiché hanno un’elevata capacità di adattamento, è possibile ridurre i costi di manutenzione e, inoltre, essendo organismi partenogenetici, non è necessario monitorarne la riproduzione. Il processo si riduce a qualcosa di fondamentale come nutrirli e guardarli crescere e riprodursi.

In questo modo, le caratteristiche dell’organismo verrebbero utilizzate a nostro favore, il che consentirebbe una migliore qualità nella produzione dell’acquacoltura. Questo gambero è il cibo vivo perfetto per molti pesci.

Un gruppo di granchi mutanti.

Il gambero marmorizzato apre migliaia di possibilità in diverse aree. Sebbene possa essere un rischio ambientale a causa delle sue capacità di adattamento, ci offre anche nuove alternative per il suo utilizzo nel perseguimento dello sviluppo umano.



  • Gutekunst, J., Andriantsoa, R., Falckenhayn, C. et al. (2018) Clonal genome evolution and rapid invasive spread of the marbled crayfish. Nat Ecol Evol 2567–573. https://doi.org/10.1038/s41559-018-0467-9
  • Hossain, M.S., Guo, W., Martens, A. et al. (2020) Potential of marbled crayfish Procambarus virginalis to supplant invasive Faxonius immunisAquat Ecol 5445–56. https://doi.org/10.1007/s10452-019-09725-0
  • Jurmalietis, R., Grickus, A., & Elstina, A. (2019). Marbled crayfish (Procambarus virginalis) as a promising object for aquaculture industry. In Proceedings of the 12th International Scientific and Practical Conference. Volume I (Vol. 92, p. 95).
  • Guo, W., Kubec, J., Veselý, L., Hossain, M. S., Buřič, M., McClain, R., & Kouba, A. (2019). High air humidity is sufficient for successful egg incubation and early post‐embryonic development in the marbled crayfish (Procambarus virginalis). Freshwater Biology, 64(9), 1603-1612.