I gatti possono soffrire di ipertiroidismo

19 gennaio, 2017

Ci può risultare strano sentir dire che i nostri animali possono soffrire di malattie che colpiscono anche noi, ma è così. In questo caso vi parliamo dell’ipertiroidismo e di come si presenta nei gatti.  

Prima di approfondire l’argomento, vediamo di che malattia si tratta e come può compromettere la salute dei felini.

Cos’è l’ipertiroidismo?

gatto-assonnato

L’ipertiroidismo è causato da un eccessivo lavoro della ghiandola tiroidea, altrimenti nota come tiroide.

Questo intenso lavoro genera un eccesso di ormoni tiroidei, i quali sono incaricati di controllare numerosi processi dell’organismo. In caso di una sovrabbondanza degli stessi, il corpo perde il controllo, causando alcune malattie.

Secondo i veterinari, 1 gatto adulto su 10 soffre di questa malattia. 

Tuttavia, nonostante la salute di un gatto che soffre di ipertiroidismo possa peggiorare in modo allarmante, nella maggior parte dei casi la situazione può essere tenuta sotto controllo con un trattamento che, molte volte, ne garantisce la completa guarigione.

Cosa provoca l’ipertiroidismo nei gatti

L’accelerazione della ghiandola tiroidea causa una parallela accelerazione nel corpo del gatto. Questo vuol dire che il suo metabolismo è più veloce, dunque brucerà energia molto più in fretta e, pertanto, diminuirà notevolmente di peso. Tuttavia, il suo appetito aumenterà.

Anche se è stato verificato che l’ipertiroidismo può essere causato da un tumore maligno, questo si è verificato solo in un 2% dei casi; la causa generale di questa affezione, infatti, non è nota, poiché non è stato possibile trovare punti comuni tra gli animali affetti.

Per quanto riguarda l’aspetto del felino, il suo pelo perderà di luminosità e forza.

L’animale avrà una sete smisurata, dunque urinerà con maggiore frequenza, e probabilmente avrà un atteggiamento strano. Se è un gatto giovane, sembrerà essere invecchiato all’improvviso; se è adulto, potrebbe avere di nuovo la stessa energia di un cucciolo.

Sintomi non molto comuni, ma che possono presentarsi, sono la debolezza, vomito e diarrea, depressione, stress e problemi di respirazione.

Trattamento per l’ipertiroidismo

Per fortuna l’ipertiroidismo non è una malattia che ucciderà il vostro gatto, perché i trattamenti sono efficaci ed effettivi. Ce ne sono di 3 tipi:

  • Trattamento medico
  • Intervento chirurgico
  • Ioni radioattivi

Come tutto, ognuno di questi trattamenti ha i suoi pro e i suoi contro:

gatto-dal-veterinario

  • Il trattamento medico, per esempio, è molto efficace per controllare la produzione di ormoni tiroidei. È capace di ripristinare le condizioni fisiche, quindi la tiroide tornerà a lavorare con normalità. Tuttavia, non cura definitivamente la malattia, dunque se si opta per questa opzione, il gatto dovrà assumere farmaci per tutta la vita.
  • L’intervento chirurgico sradicherà il problema; solo con una semplice operazione si estrae la ghiandola tiroidea regolando, così, la produzione di ormoni. In questo modo, il gatto non dovrà assumere medicinali per tutta la vita. Tuttavia, anche se si tratta di un intervento molto semplice, può implicare alcuni rischi.
  • Ioni radioattivi, che in questo caso si applicano sotto forma di iodio, sono molto efficaci per combattere questa malattia. Sono stati provati in numerosissimi casi di gatti affetti da ipertiroidismo ottenendo sempre totale successo.

Il trattamento a base di ioni radioattivi consiste nel fare al gatto tutti i giorni delle iniezioni di iodio radioattivo che attaccheranno la tiroide controllandola e permettendole di produrre gli ormoni in modo normale. Il vantaggio? In solo due settimane il vostro gatto sarà totalmente guarito, senza intervento né farmaci a vita.

Ricordate che se avete un animale domestico, è importante vigilarlo sempre in modo da notare qualsiasi cambiamento nel carattere, dato che, come in questo caso, può essere uno dei sintomi di una malattia.