Gatto britannico a pelo lungo: origine e caratteristiche

Con un carattere calmo e amichevole, la pelliccia lunga e una taglia grande, il gatto britannico a pelo lungo è un fantastico micio da compagnia.
Gatto britannico a pelo lungo: origine e caratteristiche

Ultimo aggiornamento: 09 giugno, 2021

I gatti sono uno degli animali domestici più popolari, ma ne esistono molte razze. Quando si cerca un gatto da adottare come animale da compagnia, tanta varietà può rendere la scelta molto difficile. Qui ti presentiamo una razza altamente raccomandata, il gatto a pelo lungo britannico.

Questi gatti sono stati creati accidentalmente nel XX secolo e stanno per essere riconosciuti come una razza a sé stante. Se stai cercando un compagno felino e vuoi saperne di più sul gatto britannico a pelo lungo, continua a leggere!

Origine del gatto britannico a pelo lungo

I gatti britannici provengono dai felidi che accompagnarono i romani una volta colonizzati la Gran Bretagna. Questi animali sono stati originariamente importati dall’Egitto.

Da questi antichi animali è nata la razza dei gatti British Shorthair, rimasta molto attuale e poco alterata nel tempo. Tuttavia, la loro sopravvivenza non è sempre stata garantita.

Con l’avvento della prima guerra mondiale, e ancora di più dopo la seconda guerra mondiale, il pool genetico del British Shorthair fu gravemente ridotto. Al fine di fornire variabilità genetica e salvare la razza, gli allevatori iniziarono ad incrociare gli esemplari sopravvissuti con gatti persiani.

Questi gatti portavano il gene per il pelo lungo, ma questo gene è recessivo, come indicato da portali specializzati. Ciò significa che, affinché la prole abbia i capelli lunghi, entrambi i genitori devono portare questo gene. Pertanto, la maggior parte dei gatti che sono emersi da questi incroci iniziali erano identici ai soliti felini a pelo corto.

Tuttavia, con il passare del tempo, iniziarono ad apparire i gatti a pelo lungo. Man mano che il gene recessivo iniziava a diventare più comune tra le nuove generazioni di Shorthair, i tratti del gatto a pelo lungo britannico iniziarono a diventare sempre più rilevanti.

Sebbene inizialmente rifiutati, gli inglesi a pelo lungo oggi sono una razza sempre più riconosciuta e amata. British Longhair è molto popolare oggi, ma come tante altre cose, è nato in modo del tutto involontario.

Un gatto britannico su uno sfondo bianco.

Caratteristiche fisiche

A causa della sua origine, il gatto britannico a pelo lungo condivide molte delle sue caratteristiche con il suo antenato a pelo corto. Sono felini di taglia media o grande, con una lunga e fitta criniera che li fa apparire ancora più imponenti. Sono generalmente piuttosto tozzi e larghi, con zampe corte e forti e una coda spessa.

La testa è grande e arrotondata, con muso corto. I baffi sono piuttosto prominenti e arrotondati, così come il mento. Gli occhi sono grandi, molto circolari e aperti. Le orecchie sono corte e arrotondate.

Come con il British Shorthair, questo gatto ha un’ampia varietà di colori. Alcuni individui hanno un’unica sfumatura in tutto il corpo, mentre altri sono adornati in combinazioni molto diverse.

Ci sono oltre 300 modelli di colore, ma alcuni dei più popolari sono i seguenti:
  • Tortie : questo motivo a 3 colori ricorda un guscio di tartaruga. I torti sono solitamente femminili.
  • Colourpoint : il gatto è generalmente bianco dappertutto, con la punta delle zampe, la coda, il naso e le orecchie più scure.
  • Tabby : questo motivo caratteristico è costituito da un colore di base attraversato da una serie di strisce irregolari più scure.

Personaggio del gatto britannico a pelo lungo

Questi felini sono amichevoli e affettuosi, ma mantengono anche la loro indipendenza. Sebbene non dipendano costantemente dai loro proprietari, amano la compagnia umana. Spesso preferiscono stare nella stessa stanza delle persone, giocare o coccolarsi con loro. Tuttavia, sono anche a loro agio nel trascorrere del tempo da soli.

La razza è generalmente calma e raccolta. Non sono gatti particolarmente attivi, ma sono curiosi. Amano i giochi che forniscono stimoli mentali, amano il cibo e di solito non sono affatto rumorosi. Inoltre, questa personalità li rende compatibili con situazioni familiari molto diverse. Tollera bene la convivenza con bambini, cani e anziani.

Cura del gatto a pelo lungo britannico

Questa razza richiede cure molto simili ad altri gatti domestici, con 2 aspetti di particolare interesse. Per prima cosa, il pelo lungo ha bisogno di più manutenzione rispetto ad altre razze a pelo corto. Se lasciato incustodito, può rapidamente impigliarsi e accumulare detriti, il che è fastidioso per l’animale e spesso porta a problemi di salute. Per evitare ciò, si consiglia vivamente di spazzolare il gatto ogni settimana.

D’altra parte, questi gatti non sono molto attivi e sono entusiasti del cibo. Questo li rende inclini all’obesità. È molto importante assicurarsi che i gatti facciano abbastanza esercizio e non trascurino la loro dieta.

Va notato che lasciare che il felino vaghi liberamente fuori casa non è una buona opzione. Anche se ti eserciteresti in questo modo, va ricordato che i gatti sono specie invasive che causano danni molto gravi alla biodiversità locale se lasciati liberi. Un’alternativa migliore, per loro e per la natura, è esercitarli all’interno della casa.

Malattie

Come tutti i purosangue o gli incroci sostenuti nel tempo, il gatto britannico a pelo lungo ha una predisposizione a determinate patologie. Tra questi, segnaliamo quanto segue:

  1. Ipertiroidismo: una condizione che si verifica quando la ghiandola tiroidea è sovrastimolata e produce troppi ormoni. Alcune fonti sostengono che questa patologia sia tipica dei gatti britannici, ma la ricerca ha scoperto che sono meno a rischio di svilupparla rispetto agli S horthair.
  2. Cardiomiopatia ipertrofica: una patologia caratterizzata da ispessimento atipico del ventricolo sinistro del cuore. In questo caso, è una condizione più probabile che si verifichi nel gatto britannico che in altre razze.
  3. Malattia del rene policistico: in questa condizione, le cisti non cancerose si verificano nei reni del felino, lentamente ma costantemente. I gatti persiani sono senza dubbio i più colpiti da questa malattia, ma i britannici non vengono risparmiati, poiché molti casi sono stati registrati e genotipizzati.
Un gatto britannico seduto nell'erba.

I gatti britannici sono belli, leali, giocherelloni e hanno un aspetto imponente. In ogni caso, come ogni razza incrociata nel tempo tra parenti per ottenere i tratti desiderati, riporta alcuni problemi di salute di cui bisogna tenere conto.