Gatto Napoleone, un gattino dolce dalle zampe corte

· 15 luglio 2018

Ha un’espressione dolce, il musetto arrotondato che sembra quello di un peluche, zampette corte e un pelo simile al Persiano. Queste sono alcune delle caratteristiche  del felino domestico di cui vi parleremo in questo articolo, il gatto Napoleone.

Ama vivere in famiglia, cerca continuamente le coccole ed è assolutamente docile e affettuoso con tutti. Se avete una passione per i mici e siete sempre incuriositi dal conoscere nuove varietà e razze, non perdetevi questo bellissimo e simpatico gatto Napoleone.

Gatto Napoleone: un po’ Persiano, un po’ Munchkin

Il creatore di questi gattini, Joe Smith, sembra avere un’ossessione per le zampe corte. In precedenza era stato allevatore di Basset hound. Ma quando nel 1995 vide una foto di Munchkin sul giornale, comprese che poteva applicare le sue conoscenze anche all’universo dei felini domestici.

Ben presto scoprì che, a differenza dei cani, il gene delle zampe corte non è così dominante nei gatti. Si mise al lavoro per progettare un esemplare che soddisfacesse le sue aspettative.

Il gatto Napoleone, quindi, nacque come risultato della combinazione delle razze Persiana e del Munchkin. Ereditò le caratteristiche del primo e le minuscole estremità dal secondo. Il problema è che Smith insistette nel creare questi “gatti su misura”, senza però preoccuparsi di riprodurre deliberatamente condizioni negative legate all’acondroplasia.

Il gatto Napoleone creato da Joe Smith sicuramente è un animale gradevole e che piacerà moltissimo alle famiglia. Considerando, però, l’altissimo numero di mici abbandonati, è lecito domandarsi se valga davvero la pena “produrre” ulteriori nuove razze che possono incrementare il crescere di pericolose mode.

Per fortuna però, la natura prevale sempre e non tutti gli esemplari di gatto Napoleone sono affetti da nanismo. Certo, hanno caratteristiche uniche, ma possono anche distinguersi per avere colore e disegni della pelliccia spesso diversi.

un gatto napoleone bianco all'aperto
Fonte: Losdulcesnapoleons.over-blog.com

Il gatto Napoleone ha le zampe corte e sembra un vero e proprio peluche vivente. È il risultato dell’incrocio tra gattini di razza Persiana e Munchkin.

Caratteristiche fisiche del gatto Napoleone

Oltre ad essere corte, vale la pena ricordare che le zampe posteriori di questo gattino sono più lunghe di quelle anteriori. Inoltre, queste quattro estremità sono muscolose e hanno artigli arrotondati e di media grandezza.

Altre caratteristiche del gatto Napoleone sono:

  • Dimensione: media.
  • Peso: 4-5 chili i maschi, 2-3 le femmine.
  • Corpo: arrotondato, muscoloso e forte.
  • Collo: corto e solido.
  • Testa: rotonda, di ampiezza media, con muso corto e mento deciso.
  • Occhi: grandi e rotondi.
  • Naso: corto e largo.
  • Orecchie: piccole, con base ampia e punte arrotondate.
  • Coda: di dimensioni proporzionali al corpo e sollevata quando il gatto è in movimento (ricorda quella di uno scoiattolo).
  • Pelo: denso, morbido, setoso e brillante. Può essere corto o lungo.

Un gattino affettuoso ed equilibrato

Amorevole, socievole e rilassato, il gatto Napoleone si adatta alla vita in casa, anche in appartamenti piccoli. Inoltre, è ideale per vivere con bambini piccoli, in quanto è molto docile, paziente, equilibrato e tollerante.

un un gatto napoleone grigio nella sua cuccia
Fonte: Losdulcesnapoleons.over-blog.com

Tuttavia, anche se va molto d’accordo con altri animali domestici, non è consigliabile adottarlo se possedete cani aggressivi o gelosi. Le sue piccole zampe non gli consentirebbero di difendersi né di farsi rispettare.

Attivo e giocoso, è un animale curioso, ama le coccole e trascorre molte ore in compagnia degli esseri umani. Va notato che non è una buona idea lasciarlo da solo troppo a lungo. Se lavorate fuori casa e vi assentate spesso, meglio scegliere un’altra razza felina.

Prendersi cura di un gatto Napoleone

Per gli esemplari a pelo corto del gatto Napoleone, una spazzolata settimanale sarà più che sufficiente per mantenere sana e pulita la pelliccia. Questa routine dovrebbe essere ripetuta 2-3 volte alla settimana nel caso di esemplari a pelo lungo.

Per quanto riguarda la dieta, dategli sempre mangimi di alta qualità, meglio se con più calcio per rafforzare le ossa. Così, le sue zampe corte non avranno problemi a sostenere il corpo dell’animale che, nel tempo, sicuramente aumenterà di peso.

Inoltre, come ogni gattino, dovrete pianificare delle visite periodiche dal veterinario, vaccinarlo e sverminarlo come indicato dal medico. È anche importante controllare sempre lo stato di salute delle zampette, verificando che le articolazioni non abbiano problemi.